18 gennaio 2013

Ponyo sulla Scogliera

E' già Ieri. -2008-

Personalmente è, oltre a Totoro, il mio film preferito partorito dalla mente di Hayo Miyazaki. Oggettivamente è un altro capolavoro uscito dallo studio Ghibli che ha conquistato milioni di spettatori in tutto il mondo.
Il motivo? Una storia così dolce e romantica, originale e divertente che rende la visione irresistibile.

Protagonista è infatti Sōsuke, figlio di una buffa assistente in un ricovero per anziani e di un marinaio spesso assente per lavoro. Figlio unico, trova un giorno in mare un piccolo pesce, molto strano, che sembra avere il viso di una bambina. E' Ponyo, creatura magica scappata dal mare con il sogno di crescere e divertirsi. Suo padre Fujimoto non è però dello stesso avviso, e dopo essere riuscito a recuperarla una volta, la perde nuovamente creando uno scompiglio inimmaginabile nel fondo marino. Uscendo dalle acque Ponyo diventa infatti una bambina!
Come una moderna pinocchio dovrà quindi imparare a comportarsi come un'umana, nonostante la sua capacità magica di ingrandire gli oggetti. Le conseguenze del suo abbandono porteranno però serie conseguenze nel mare: Fujimoto agiterà infatti le acque alla sua ricerca provocando una vera e propria tempesta con allagamento della città costiera annesso. Si deve porre fine a questo scompiglio, e la chiave è tutta in Sōsuke e nel suo legame verso Ponyo.

Miyazaki costruisce il film in modo eccellente, incentrando la sua narrazione ancora una volta nel mondo fanciullesco, arricchendolo però di un antagonista altrettanto buffo e divertente. Le situazioni non mancano infatti di far sorridere anche se la sensazione immediata è quella di stupore e meraviglia verso la creazione di un universo sottomarino così spettacolare e di una storia poetica e dolce allo stesso tempo.
Ponyo e Sōsuke sono infatti l'incarnazione dell'amicizia più pura, dell'amore incondizionato che li salva e li unisce. Quel tipo di amicizia che, se siamo stati fortunati, anche noi, nella nostra infanzia, abbiamo incontrato.



12 commenti:

  1. bellissimo... uno dei migliori film che abbiamo mai visto!

    RispondiElimina
  2. associo questo film a un ricordo bellissimo: il primo Myazaki visto al cinema con i miei figli e loro gradirono parecchio...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo sia davvero uno dei più riusciti del Ghibli, e finalmente anche l'Italia l'ha capito distribuendolo per tempo nelle sale!

      Elimina
  3. Meraviglioso, nel senso stretto del termine.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in quello largo, un gran film e un gran capolavoro!

      Elimina
  4. Eh un bellissimo film sì! Io lo metto dopo Totoro e Mononoke. Con il mio bimbo di tre anni ogni tanto ci leggiamo anche il libro illustrato, è molto bello! Ciao e complimenti per il bel blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille! Come ho scritto in precedenza, Mononoke è stato quello che mi ha convinto meno... forse solo per la sua lunghezza! Ponyo e Totoro hanno invece quella dolcezza incantevole che ti conquista!

      Elimina
    2. Sì, Mononoke ha un respiro diverso, si potrebbe forse dire storico. Un po' nella direzione di un altro Ghibli di altissimo livello, Una tomba per le lucciole. Visto?

      Elimina
    3. No, manca... Avevo fatto una piccola rassegna personale su Miyazaki, ora che l'ho conclusa posso passare allo studio Ghibli tout court :)

      Elimina
  5. "Totoro" l'ho odiato dal profondo, ma questo mi ha aggradito assai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come si può odiare Totoro? E' così dolce e tenero! Questo è un po' più maturo e completo, però...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...