5 febbraio 2013

Lincoln

Andiamo al Cinema.


Steven Spielberg non è nuovo come narratore di storia. Già con Schindler's List aveva mostrato in modo struggente la pagina nera del nazismo, e anche in Munich aveva approfondito la storia moderna. Con Lincoln risale sulla cattedra e lo fa con padronanza e conoscenza.
Questa sua ultima fatica non è affatto la spettacolarizzazione della vita del presidente, né tanto meno una base per costruire un film di puro intrattenimento. Lincoln è, in tutto e per tutto, un film storico e biografico nel senso stretto dei termini, che vuole approfondire e far conoscere una delle figure più importanti che hanno solcato il mondo e l'atto più rivoluzionario che fece approvare. Spielberg indaga infatti solo sugli ultimi anni di vita del presidente, quelli assediati da una guerra di secessione sanguinolenta tra unione e sudisti, ma soprattutto quelli fondamentali per far ratificare il famoso XIII emendamento che liberò dalla schiavitù i neri.
I retroscena di quest'ulteriore guerra sono mostrati nei dettagli, tra corruzioni, passaggi di partito e corse contro il tempo per avere i voti necessari. Perché quello che non tutti sanno è come questo articolo servisse a fermare una guerra che forse si sarebbe a breve conclusa comunque.
In tutto ciò Abramo Lincoln si staglia come una figura amata e venerata dal popolo, ormai anziano ma sempre combattivo, in pubblico come in famiglia. Il ritratto che ne esce, soprattutto attraverso i momenti famigliari con la moglie e con il figlio minore, è quello di un padre affettuoso e severo, di un marito devoto ma risoluto, che proprio grazie alla sua umanità e naturalezza nei rapporti con gli altri è riuscito a fondare la sua benevolenza. Il presidente è l'uomo tranquillo che sa il da farsi, che ama raccontare storielle o aneddoti apparentemente fuori contesto, l'avvocato dai mille cavilli che scruta la guerra e la legge con fare metodico.


A impersonarlo è uno straordinario Daniel Day-Lewis, che si cala alla perfezione grazie al trucco nei panni dell'alto e dinoccolato presidente, accompagnato da una moglie sofferente e consapevole del suo ruolo marginale e antipatico, interpretata dall'altrettanto fantastica Sally Field. A far loro da contraltare, l'energico Thaddeus Stevens -Tommy Lee Jones-, il deputato più combattivo per far passare l'emendamento.
Tutti e tre hanno giustamente ricevuto la nomination all'Oscar per la loro interpretazione, che si vanno ad unire alle 12 complessive, compresa quella per miglior film e miglior regia. Gli altri comprimari non sono però da meno, troviamo infatti l'astro ormai in ascesa di Joseph Gordon-Levitt, Lee Pace, John Hawkes, Tim Blake Nelson tra gli altri.
Considerati i passi falsi di pellicole minori come War Horse e Le avventure di Tintin, qui Spielberg il suo mestiere lo sa fare, e Lincoln si erge nella sua filmografia per la cura storica con il quale è stato scritto e la bellezza di una fotografia vissuta.
Certo, i 150 minuti di durata risultano a tratti un po' ostici, soprattutto perché il film è per lo più fatto di dialoghi e l'azione viene lasciata alle parole, ma quella che ne è esce è una lezione di storia e di umanità storica e da non dimenticare.


7 commenti:

  1. Ho scritto un post su Lincoln anch'io, poche ore fa. Concordo completamente con ciò che hai ben descritto.

    RispondiElimina
  2. concordo anch'io su tutto e leggere finalmente un parere affine al mio riaguardo a questo film mi fa piacere :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :) E' un bel film, c'è poco altro da dire, che riflettere e insegna.

      Elimina
  3. Concordo, un film impeccabile, non un santino, una lezione di educazione civica sotto forma di gran film.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, se fossi un professore al posto di perdere ore di lezioni a spiegare questa pagina di storia americana, noleggerei il film!

      Elimina
  4. ...e io continuo a non trovare il tempo per andare a vederlo! Argh!! :-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Consiglio: serve la giornata giusta per vederlo! I miei vicini si sono addormentati, diciamo che se non si è pronti a 2 ore e mezza di dialoghi e monologhi e si è un po' stanchi è meglio rimandare :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...