13 marzo 2013

La Guerra è Dichiarata

E' già Ieri. -2011-

Già per 50/50 avevo riflettuto su come il tema del cancro fosse sempre più presente tra piccolo e grande schermo. Ora che la malattia sembra essere il male del secolo dopo la depressione (anche questa spesso e volentieri visitata dai cineasti), trova nel cinema un modo di essere sdrammatizzata, di essere capita e affrontata con nuovi mezzi. La tendenza è infatti quella di parlare di cancro in modo leggero -per quanto possibile- utilizzando i toni della commedia così da poter esorcizzare un fantasma tanto spaventoso.
Ma come riuscire a fare lo stesso per un tumore -al cervello poi!- che colpisce un bambino di solo un anno? Si può davvero evitare di scadere in facili pietismi affrontando di petto la situazione?
Se a farlo è il cinema francese sì!


Capace come poche altre cinematografie nazionali di trattare temi limite in modo sublime (Quasi amici è il caso emblematico, e pure Un sapore di ruggine e ossa non è da meno), oltralpe riescono nel miracolo di fare un film non tanto leggero, ma capace di ispezionare una realtà tanto cupa e asettica in modo splendente!
Il merito va tutto a Valérie Donzelli e Jérémie Elkaïm che non solo sono regista -lei- e sceneggiatori del film, ma ne sono protagonisti nella finzione e nella vita reale. Al loro figlio, così come a Romeo e Juliette nel film, viene diagnosticato un tumore raro alla base del cervello ad un anno di vita, dando poche speranze di guarigione. Per stare accanto al piccolo e per riuscire a far fronte alle spese mediche, i genitori stessi si trasferiscono a vivere all'interno dell'ospedale, con le paure e le tensioni del caso.


Più che sulla malattia del piccolo Adam, La guerra è dichiarata si sofferma sul rapporto che intercorre tra Romeo e Juliette. Dall'amore folgorante al primo sguardo, con la consapevolezza ironica del destino che li attende visti i nomi che portano, alla difficile ricerca di un equilibrio nella precarietà di un mondo che si sgretola e li accerchia. L'ansia e la forza di lei fanno da contrappunto alla pragmaticità e alla lucidità di lui, che come un faro li riesce a guidare senza perdersi nel lungo cammino che li aspetta: scherzando, ridendo, non lasciandosi andare a piagnistei ma cercando sempre in loro l'energia necessaria.
Alla fine l'amore, quello passionale, potrà anche esaurirsi, soffocato dalla solitudine a due, ma l'Amore, quello con la A maiuscola rimane. E questo è quello che importa!
La Donzelli racconta tutto questo con grazia femminile, mescolando i momenti divertenti a quelli -tanti- più commoventi, usando voci fuori campo riassuntive, musiche adatte e facendo un buon uso della macchina da presa. Quello che ne esce è così un gran film anche da punto di vista tecnico, che nel finale, così "francese" fa sorridere tra le lacrime.


9 commenti:

  1. Risposte
    1. Sapevo che con questo avremmo avuto una tregua!

      Elimina
  2. Sull'argomento della malattia ti consiglierei di dare uno sguardo anche a Tutti i nostri desideri di Philippe Lloret che ho trovato assolutamente sublime....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono d'accordo... anche questo bellissimo!

      Elimina
    2. Segno, sull'argomento mi prendo una piccola pausa però, devo rifare scorta di lacrime!

      Elimina
  3. un film strano che forse devo ancora digerire... ma il ricordo è ancora vivido, quindi qualche segno l'ha lasciato :)
    Les française, tojours les française (spero di averlo scritto giusto XD)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :) Uno dei complimenti più belli che ho ricevuto è che ho un'aria francese! Vive la France!

      Elimina
  4. direi che fa sorridere tra le lacrime è la migliore descrizione possibile di questo film

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...