19 giugno 2013

I Giochi dei Grandi

Once Upon a Time -2004-

Il gioco dei grandi non è certo divertente come quello dei bambini. Non si tratta di ridere, di inventare regole o di divertirsi, si tratta di amare, di tradire e di puntare tutto contro la propria famiglia. Così facendo questi grandi appaiono ancora più infantili dei loro figli, incapaci di trovare un equilibrio, di delimitare le proprie emozioni o semplicemente di affrontarle.


Hank e Edith, borghesi e freddi, scrittore in blocco lui, casalinga disperata lei, e Jack e Terry, alcolizzata e irrequieta lei, padre protettivo ma insoddisfatto lui, si scontrano nelle loro serate cercando conforto e passione nelle braccia dell’altro. Tra Jack e Edith infatti, la relazione sembra andare oltre, mettendo in discussione il loro stile di vita e facendo crescere la speranza di un futuro assieme che possa colmare il grigiore del quotidiano dove tra discussioni, fraintendimenti e sesso egoistico la parola calore famigliare sembra scomparsa. Ma la loro relazione spinge anche i loro partner a incontrarsi in un gioco che si fa sempre più pericoloso e che incrina il precario equilibrio che si era riusciti a stabilire, con i segreti mai tanto velati e la situazione che, seppur sul filo del rasoio, resisteva. In tutto questo i figli appaiono come zavorre, che anche se coccolati o fatti divertire, non hanno il peso necessario per mantenere salda e unita una storia. In questa girandola infinita di incontri clandestini e litigi furiosi, sembra quasi di rivedere il quartetto imperfetto di Closer, dove la passione scattava irrefrenabile e dove ognuno finiva per rimanere tradito dall’altro. I toni sono qui meno teatrali, l’origine letteraria si sente anche nelle numerose citazioni che , professori, snocciolano ai loro studenti e che inquadrano alla perfezione la loro di storia. Nonostante il gran cast –Naomi Watts, Mark Ruffalo, Laura Dern e Peter Krause- gli attori appaiono un po’ appannati e ingabbiati nei ruoli che la sceneggiatura –premiata al Sundace Festival- non lascia sfogare. Gli scoppi d’ira, così, e il finale amaro che più volte inganna lo spettatore portandolo a pensare il peggio, dà però una ventata non tanto di ottimismo, ma di libertà che serve a risollevare i toni claustrofobici del film.



Il film è andato in onda ieri sera su La Effe (canale 5) e sarà replicato domenica 23 alle 14:05 e lunedì alle 23.45

2 commenti:

  1. Wow, che cast! Le due muse di Lynch.

    RispondiElimina
  2. nonostante le attrici lynchiane, stranamente non l'ho mai visto...
    potrebbe essere ora per un recupero

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...