6 luglio 2013

Amores Perros

Once Upon a Time -2000-

E' il primo film che vede collaborare Alejandro González Iñárritu e Guillermo Arriaga, al loro stesso esordio (se si escludono la regia televisiva di Detrás del dinero e il poco conosciuto El timbre per Iñárritu) con una poetica e un metodo che lascia incantati.
Storie corali, tematiche legate alla morte, intrecci.
Amores Perros è infatti composto tra tre episodi diversi che si vanno a intrecciare e scontrare a causa di un incidente stradale. Tre personaggi, tre protagonisti, legati dall'amore per i cani, e dal loro diverso rapporto con gli animali.


Abbiamo Octavio (interpretato dal già promettente Gael Garcìa Bernal), innamorato della moglie del fratello e alla ricerca di un modo facile per fare soldi in modo da scappare con lei. Ci proverà, invano e purtroppo, con le lotte clandestine tra cani, allenando e aizzando il suo contro i suoi simili.
Abbiamo Valeria, modella famosa che vedrà la sua vita sconvolta alla vigilia della convivenza con il compagno vedendosi amputare una gamba. Il suo amato e perfettissimo cagnolino in fuga e disperso sotto il pavimento diventerà il simbolo della sua depressione e gelosia.
Infine, abbiamo El Chivo, all'apparenza un vagabondo, in realtà un sicario che cura e accoglie con sé i cani randagi. Nel suo passato, doloroso e  da guerrigliero, c'è l'abbandono della moglie e della figlia, ma una volta raccolto il cane di Octavio e perso drammaticamente i suoi compagni, con il suo ultimo lavoro deciderà di cambiare.
I tre si scontrano in un incidente stradale, e proprio da lì le loro vite subiranno una brusca svolta, che si completerà con l'amara e ricca di speranza vicenda di El Chivo.


Come poi riusciranno a fare in 21 grammi e Babel (che vanno a completare la trilogia della morte), queste tre storie si intersecano e si compensano a vicenda, mostrando anche tutte le contraddizioni del Messico, partendo da appartamenti lussuosi per finire ai bassifondi.
Le storie corali non sono certo una novità al cinema (basti pensare a Robert Altaman o alle commedia romantiche in stile Love Actually), ma la grazia e la potenza con cui Iñárritu e Arriaga le utilizzano (quest'ultimo anche poi come regista in The burning Plain, mentre Iñárritu in Biutiful abbandona lo stile) sono uniche e innalzano di molte tacche la filmografia sudamericana.


4 commenti:

  1. Film potente e intenso, di una forza incredibile. Esordio eccellente.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Peccato si siano divisi poi... attendo al varco Birdman ora!

      Elimina
  2. Mi è piaciuto tantissimo, più degli altri del regista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovrei rispolverare 21 grammi, mentre credo che questo abbia una forza maggiore rispetto al più internazionale Babel...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...