29 agosto 2013

Venezia 70 - Seconda Giornata

Seconda giornata molto più ricca di visioni, e soprattutto di belle visioni!
In attesa di vedere qualche film in concorso, oggi nessuna delusione!
Bando alle ciance, ecco qua:

Future Reloaded - Venezia 70
70 registi sono stati chiamati a celebrare l'anniversario tondo della Mostra. Quello che ne esce è un caleidoscopio di visioni, tra chi si attiene sul tema -che futuro aspetta il cinema?- a chi esce dalle righe in modo comunque poetico. Tra i migliori sicuramente la Breillat, il materno Kim Ki-Duk, l'autobiografico Bertolucci. Alcuni, inevitabilmente, lasciano a desiderare.



Gravity
Alfonso Cuaròn riesce a fare l'impossibile. Rendere un film ambientato nello spazio e in 3D qualcosa di appetibile per la sottoscritta. Lo stesso cast -George Clooney e Sandra Bullock- non attirava poi molto ma in realtà, sia visivamente che a livello di sonoro- Gravity lascia con fiato sospeso per la sua intera visione.
La storia è quella della sopravvivenza di due astronauti improvvisamente soli nel mezzo del nulla, con piogge di detriti ad attaccarli e i loro disperati tentativi di tornare sulla Terra.
La Bullock conferma di meritare quell'Oscar che ha mantenendo alto lo standard della sua interpretazione, dando vita ad una dottoressa volitiva e piena di risorse. George, poco presente nel minutaggio totale -scusate lo spoiler- gigioneggia come sempre alla grande.
Ma come detto, è a livello tecnico e psicologico che il film ha la sua marcia in più e che riesce a immergere e tenere sulle spine lo spettatore!
In uscita il 4 ottobre.


Why don't you play in Hell?
La mia ormai conosciuta avversione verso il cinema orientale continua nella strada della redenzione grazie a questa pellicola che diverte come non mai! Una storia che è poi metacinematografica e si compone a matrioska, in cui il destino di un gruppo di aspiranti registi/operatori va a scontrarsi con spietati clan di mafia in contrapposizione. Ne esce una bagno di sangue ricco di ironia, in cui vederci una spruzzata (rossa, ovviamente) alla Tarantino è inevitabile!
Minuti e minuti di applausi, meritatissimi, per Sono Sion.



Sorcerer
Premiato proprio nel giorno del suo compleanno con il Leone d'oro alla carriera, William Friedkin si fa adorare dal suo pubblico e dai giornalisti. Per l'occasione la Mostra ha proiettato in versione restaurata il suo film del 1977. 
Nonostante la ventata di freschezza data all'immagine, però, il tempo per il film è passato inesorabile e infatti riesce a coinvolgere solo a metà tempo. La storia è quella di quattro sconosciuti che, per sfuggire alla loro sorte di morte o prigione, si ritrovano in un paese disperso nella giungla. L'occasione per guadagnare un po' di soldi si presenta nel dover trasportare della pericolosa dinamite per le dissestate strade del Paese, e loro, nonostante il passato e il presente, dovranno iniziare a cooperare.
Il finale, come Killer Joe insegna, non sarà però così lieto.

6 commenti:

  1. MI ispirano gli ultimi 2 e se avrò tempo perché no anche Gravity ma solo per il regista!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E per George no?
      Sono Sion consigliatissimo!

      Elimina
  2. Gravity, l'ho bidonato, ma quello di Sion Sono mi ha entusiasmato tantissimo: dopo "The land of hope", onestamente, temevo un po' nel buco nell'acqua, ma questo "Why don't you play in hell", se non è un capolavoro, apre comunque buone prospettive per il futuro prossimo del regista.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non conoscevo il regista ma mi ha aiutato ad apprezzare molto di più il cinema orientale! Davvero sbalorditivo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...