18 settembre 2013

A Glimpse Inside the Mind of Charles Swann III

E' già Ieri. -2012-

Ormai è un dato di fatto che il gene Coppola ha una marcia in più.
Se del grande Francis Ford non si possono negare le qualità, nemmeno i suoi discendenti se la cavano male, con la figlia Sofia che ha dimostrato il suo perchè nonostante le critiche che iniziano a sentirsi riguardo Bling Ring e la nipote Gia che ha avuto modo di dimostrare di avere ereditato bene a Venezia 70, con l'esordio in Palo Alto.
Non può essere da meno, quindi, l'altro figlio, Roman Coppola che ha già alle spalle il riuscitissimo ruolo di co-sceneggiatore e co-regista di quel piccolo genio di Wes Anderson in vari progetti.
Non stupisce così che con questo suo secondo lungometraggio, lo stile Coppola (ben percepibile dalla trama e dalle musiche indie scelte) e lo stile Anderson (inquadrature e ambientazione sixties) vengano amalgamati alla perfezione in quello che è un film surreale e onirico.


Il Charles Swann del titolo è un grafico che non riesce a superare la rottura con la fidanzata. Quello che vediamo è il suo processo di elaborazione del lutto, tra schianti in automobile, gran bevute e sproloqui a cui fanno da intervallo incursioni nella sua mente fantasiosa, che si scatena in messe in scena e sogni ad occhi aperti. Accanto a lui, una sorella con il pallino della scrittura (la Medium Patricia Arquette), un avvocato in crisi matrimoniale (il sempre grande Bill Murray) e il migliore amico e musicista strampalato Kirby (il cugino di Roman, Jason Schwartzman).
Nella parte di un protagonista tanto attratto dalle donne, con quell'aria sonnacchiosa e provolona intrisa nell'alcool, non poteva calzare meglio quel mascalzone di Charlie Sheen, che regala quindi un'intepretazione parecchio naturale.
Con questo cast e queste premesse -e l'alone wesandersiano e coppolano in agguato- ci si aspetta ovviamente tanto, se non troppo. La verità sta però nel mezzo, ovvero in un film un po' pasticciato, che sembra quasi un divertissement tra amici, colorato e buffo quanto basta per omaggiare Fellini in un finale in cui la sottile linea tra finzione e realtà si infrange, ma a cui manca decisamente qualcosa di solido per restare ancorato a Terra.



6 commenti:

  1. Lo punto da parecchi mesi, spero di recuperarlo presto perché quel trailer molto Andersoniano e la presenza di Sheen mi ispiravano non poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sheen è parecchio in parte, lo stile wesandersiano c'è ma... ci sono ancora dei ma! Aspetto la tua opinione :)

      Elimina
  2. per ora il coppola con meno talento. sarà per la prossima volta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vorrei recuperarmi GQ ma forse è meglio vedere prima che combina la sorella...

      Elimina
  3. A me non è piaciuto molto, anzi. Brutta copia dei film di Anderson, nonostante tenti di allontanarsene con delle inquadrature poco frontali e asimmetriche. Insomma: "ritenta Roman, sarai più fortunato".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immaginavo non avresti perdonato una brutta copia del tuo mito! Il talento c'è, speriamo arrivi anche un po' di originalità ora!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...