11 settembre 2013

Lord of War

Once Upon a Time -2005-

In molti dimenticano che dietro al parrucchino di Nicolas Cage si nasconde anche un bravo attore. Festeggiato da noi blogger ormai mesi fa, come primo di una lunga lista, avevo deciso di regalargli un momento di gloria parlando di quella che per me è una delle sue interpretazioni migliori, quella in Adaptation, che non a caso è finita anche nella mia tesi.
Dopo che anche al festival di Venezia ha saputo dimostrare di meritare quell'Oscar che -spero- sia sopravvissuto ai debiti con Joe, eccomi a scoprire un'altra sua grande prova.


Lord of war è un film cinico quanto basta, con protagonista un personaggio spregiudicato e amorale, e per questo magnetico e attrattivo.
Yuri Orlov è un americano solo di nascita, per nulla portato a mantenere in piedi l'attivista ristoratrice dei genitori -che si fingono ebrei- e che decide quindi di fare soldi e carriera da sé.
Trovandosi al momento giusto nel posto giusto, inizia così una lenta ma inesorabile scalata nel commercio di armi, diventando in poco tempo un fuoriclasse di vendite al limite, se non ben oltre, la legalità. Passando dalla guerra fredda al disarmo, il suo mercato si amplia in modo inarrestabile, finendo spesso e volentieri nel fiorente commercio africano dove aiuta, chiudendo letteralmente gli occhi, despoti in eccidi efferati.
Yuri è un personaggio complesso e senza scrupoli, che anche quando arriva all'apice del successo non riesce a smettere. Ricco sfondato e sposato con la donna che sognava nella sua adolescenza, Yuri non riesce ad abbandonare la sua doppia vita, nemmeno quando il fratello (interpretato da un sempre bellissimo Jared Leto, qui ancora una volta nei panni del drogato dopo Requiem for a dream) entrerà nel tunnel delle dipendenze proprio a causa sua, o si martirizza in un disperato tentativo di riportarlo alla vecchia via che, invece, sembra non esistere più.
A dargli la caccia c'è comunque qualcuno, un poliziotto buono che è in pratica la sua antitesi e che ha il volto già incartapecorito di Ethan Hawke.
Con la faccia tosta di Yuri non c'è certo da aspettarsi un lieto fine, anzi, nemmeno quando lieto fine significa vedere dietro le sbarre o anche non più in vita il protagonista del film. Perchè la forza di Lord of war è di mettere da parte tutti i buonismi del caso e mostrare una una morale quanto mai realistica, sintetizzata nella frase: "Sapete chi erediterà il mondo? I trafficanti d'armi. Tutti gli altri saranno troppo occupati a spararsi", e in tutte le altre perle di cinismo che Yuri regala.


A livello registico il film scorre rapido, fin dai titoli di testa parte sparato come un proiettile, seguendo le evoluzioni e la crescita di un protagonista tanto incapace di stare fermo e utilizzando una colonna sonora di grandi nomi, non sempre però azzeccati - l'Halleluja di Jeff Buckely lo avrei evitato volentieri.
Uno stile veloce, quasi da videoclip, che si compone in modo azzeccato nel mostrare la dura vita nell'Africa più profonda, fatta di ossimori  e contraddizioni, di povertà e ricchezza.
Una buona prova quindi, non solo per Nic e il suo parrucchino, ma anche per un regista come Andrew Niccol che, da Gattaca fino a In time, si è sempre cimentato in territorio fantastici, e che, immerso come non mai nella realtà, sa dire la sua, cinicamente.

13 commenti:

  1. Film molto sottovalutato che ho sempre trovato molto efficace.
    Ottimo recupero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finalmente il giovine mi ha convinto a vederlo! Ottimo, sì!

      Elimina
  2. Bellissimo film che svela una realtà di oggi senza troppi complimenti.
    E comunque io non mi sono mica dimenticata che Cage è un buon attore, per non parlare poi di Jared Leto che preferisco più nei panni di attore che di cantante (grande che hai citato Requiem for a Dream). L'Halleluja di Jeff Buckely è una specie di classico, quindi per me era perfetto.
    Andrew Niccol purtroppo è sceso un po' di livello con In time.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, In time aveva grosse potenzialità non sfruttate appieno... Jared pur essendo sempre bello, come attore è molto più bravo, sì sì!

      Elimina
  3. Ricordo che questo film mi era piaciuto molto e mi aveva stupito positivamente anche Cage. Certo dire che "dietro al parrucchino di Nicolas Cage si nasconde anche un bravo attore", tuttavia, mi sembra un'affermazione un po' forte... ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è affatto forte, Nic è un grandissimo attore, lo ha dimostrato con Lord of War e con tanti altri film, negli ultimi anni una parte di pubblico e critica lo ha preso di mira perchè si è messo a fare molti action cazzoni come se fosse un crimine, che poi Ghost Rider o Season of Witch siano mediocri, nulla da ridire, è un dato di fatto, ma Cage rimane un gran bravo attore.

      Lord of War cmq è un grande film, molto bravo anche Ethan Hawke nel ruolo dell'instancabile agente dell FBI

      Elimina
    2. Il problema è che per pagare debiti ha davvero accettato di tutto, e per me un bravo attore si vede soprattutto dai film in cui sceglie di lavorare. Non me ne voglia Nic, ma spero che ora grazie a Joe risalga un po' la china.

      Elimina
    3. Si in effetti alcuni action un po farlocchi li ha fatti su tutti l'ultimo dei templari, però Drive Angry mi è piaciuto da matti.

      Ora aspetto con ansia Joe ;-)

      Cmq per me la sua performance migliore è quella del nevrotico Roy Waller del Genio della truffa

      Elimina
    4. Ce l'ho lì lì da un po'... se mi dici così, provvedo nel recupero e negli elogi a Nic :)

      Elimina
  4. Caruccio, ma non mi ha mai detto molto. Fantastica la sequenza iniziale del proiettile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I titoli di testa sono pazzeschi. A me ha lasciato parecchio amaro in bocca, non da tutti.

      Elimina
  5. E' uno dei migliori film di Nicolas Cage che abbia mai visto...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo metto assieme ai già citati Joe e Adaptation, delle vere perle nelle sua filmografia!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...