8 novembre 2013

Julien Donkey-Boy [Dogma #6]

Once Upon a Time -1999-

Giusto giusto per il suo primo film avevo usato il paragone tra Harmony Korine e Lars von Trier e la loro ormai nota voglia di provocare.
Questo paragone non era certo fatto a caso, perchè i due, oltre a un atteggiamento comportamentale e registico discutibile, hanno collaborato per il fantomatico Dogma 95, al quale l'americano ha aderito con il suo secondo film dietro la macchina da presa.
Dall'unione della sua mente fervida e attratta dai margini, e le strette regole a cui attenersi dei danesi, ne è uscito un film per nulla facile e per nulla semplice.


Julien è un ragazzo con chiari disturbi mentali, ossessivo e ossessionante vive con una famiglia altrettanto disturbata e periferica, composta da un padre/padrone tedesco, un figlio maggiore fissato con il wrestler che si allena nei modi più assurdi sotto il severo controllo paterno, e una sorella incinta, probabilmente dello stesso Julien.
La trama sembra non esserci nemmeno questa volta, quella che viene raccontata è la vita all'interno di una casa soffocante e delle uscite dei vari membri, con Julien che partecipa a incontri di gruppo per ciechi, messe e pattinate sul ghiaccio.
Quello che veramente importa del film è come tutto questo è stato girato, con lo sperimentalismo di Korine che esplode e sembra non fermarsi mai, tra montaggio sincopato, racconto per fotografie, camera a mano e sovrapposizioni che fanno girare la testa.


Ancora una volta, tutto questo o lo si odia o lo si ama: si può rimanere affascinati dalla recitazione unica di Ewen Bremner (proprio lui, il mitico Spud di Trainspotting) e dalla dolcezza della aficionada Sevigny, così come si può restare attoniti davanti a una presentazione autoriale e referenziale del film, che non a caso vede completare il cast nientemeno che da Werner Hergoz.
Julien Donkey-Boy trasuda di weird e di borderline, di sperimentalismo e di scommessa con il pubblico, sfidato a rimanere a vedere cosa succederà. Il finale, tenero e stranamente commovente, ripaga della fatica fatta per seguire Korine in questa sua ennesima avventura, e nonostante l'odio che a tratti si può provare per la sua presunzione, lo si perdona, almeno questa volta, finendo per trovare in Julien un antieroe degno di questo nome.


7 commenti:

  1. continuiamo così, facciamoci del male... :D
    Pensavi di recuperare anche Trash Humpers?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nella lista ci sono tutti i suoi film, anche quelli da sceneggiatore... anche se mi sto pentendo un po' di questo recupero!

      Elimina
  2. Essendo Dogma, ho sempre temuto di trovarmi di fronte a qualcosa stile "idioti" di LVT e per questo ho rimandato sempre... te sapresti fare un paragone?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sorprendentemente a me è piaciuto molto di più Idioti (http://incentralperk.blogspot.it/2013/05/dogma-2-idioti.html) in quanto più irrisorio, meno volutamente sperimentale alla regia e con una morale di fondo e una storia più intrigante e ben sviluppata. Korine qui mi si salva solo sul finale e grazie al protagonista, ma non approfondisce quanto von Trier lasciandosi andare a un mix di stili troppo esagerati...

      Elimina
    2. Ahahhaha... mm, considerando che Idioti mi ha fatto cacare, per ora questo lo evito...;-) grazie, le recensioni servono anche a scartarli i film!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...