20 novembre 2013

Ken Park

Once Upon a Time -2002-

Entrata ormai nel mondo di Harmony Korine, la sua fissazione per i giovanissimi e le loro esperienze bibliche sta iniziando a preoccuparmi. Tema comune di tutti i suoi film -Julien Donkey-Boy compreso, nonostante tutto-, i giovani che racconta sono quelli che se la cavano da soli, che provano tutto e disobbediscono, individuali e collettivi al tempo stesso.


Ken Park non è da meno, anzi, ancora una volta ci spinge in quella periferia americana qui più borghese, in famiglia atipiche e ragazzi in fase di crescita.
Shawn si diverte soddisfacendo a turno madre e figlia, lasciando il padre/marito ignaro di tutto, Peaches recita la parte della brava ragazza di chiesa davanti ad un padre opprimente e ossessionato dalla moglie defunta, mentre con gli amici è molto più "aperta", Claude deve vedersela con un padre ubriacone che non regge la sua fragilità e i suoi tratti delicati e infine Tate, chiaramente disturbato, vive con i nonni innamorati e benevoli che non sopporta.
In più c'è il Ken Park del titolo, un ragazzo sullo skate che si muove sui titoli di testa, apparentemente felice e incurante che, riprendendosi con la propria videocamera si spara in testa. Il motivo, grazie a Shawn, lo verremo a sapere solo sul finale.


Ancora giovani, quindi, ancora le loro esperienze esplicite su schermo, ancora gran poco politically correct ma, questa volta, una regia più classica e didascalica, divisa in capitoli introduttivi. Il motivo è presto detto, visto che dietro la macchina da presa siedono Ed Lachman e Larry Clark, che già con Kids aveva tradotto su schermo la sceneggiatura di Korine. Probabilmente per questo, e per l'attrazione istintiva verso le disavventure dei protagonisti, Ken Park si lascia vedere molto più fluidamente del resto della filmografia harmoniana: nessun sperimentalismo eccessivo, nessuna pretenziosità, la verità che ci viene sbattuta in faccia è qui filtrata dalla sapiente mano di Clark, attenta ai dettagli e alla fotografia, che segue i suoi giovani e ce li mostra in tutte le loro inibizioni, in quel sogno di perfezione e unità che è il finale. A far da sottofondo, pezzi cult che vanno dai Rancid a Gary Stewart che incorniciano un film compatto e chiuso in se stesso, appagante e voyeuristico, capace di raccontare né la meglio né la peggio gioventù. Solo la gioventù.



8 commenti:

  1. Risposte
    1. Piacque pure a me, ormai sono a 50e50 con Korine..

      Elimina
  2. anche questo mitico e con alcune scene cult.
    korine e clark dominano!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Insieme sì, divisi ancora non l'ho capito :)

      Elimina
  3. Ormai sei diventata dipendente da Korine...:-D Film micidiale, davvero disturbante, ma mi è piaciuto! Mi manca Kids... quale hai preferito dei due? Anche se non concordo sul "Ken Park si lascia vedere molto più fluidamente del resto della filmografia harmoniana" .. per me Gummo è il top, nel suo stile uno dei migliori film degli ultimi anni... ma come ti avevo già scritto è un film molto più facile da odiare...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con Gummo come sai ho avuto seri problemi di disturbo, questo nonostante le vicende a volte forti, è più convenzionale, anche per la regia, quindi la visione scorre meglio!
      In ogni caso gli preferisco Kids, i giovani newyorchesi sono molto più cult e sorprendenti, nel bene e nel male!

      Elimina
  4. che bacchettona, Lisa, a cambiare la prima immagine del post! :D

    Anche Ken Park l'aveva scritto Korine? Non me lo ricordavo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già mi avevano censurato con Von Trier a suo tempo, vista la condivisione su fb ho preferito non rischiare e mettere qualcosa di più sobrio, si sa mai :)

      Dietro ogni giovane sessualmente esplicito al cinema c'è Korine, dovresti ricordarlo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...