20 dicembre 2013

Blue Jasmine

Andiamo al Cinema

La teoria sempre più consolidata prevede di andare a vedere Woody Allen al cinema solo negli anni dispari. Si sarebbe così potuto evitare tranquillamente un pessimo To Rome with love, o un fievolissimo Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni, vedendosi invece il perfetto Midnight in Paris o Basta che Funzioni o Match Point.
E anche questo Blue Jasmine.
Sì, perchè il Woody degli anni dispari colpisce ancora, proponendo una storia tanto semplice quanto lineare che sorprende prima di tutto per il suo essere sviluppata al femminile. Perchè Jasmine è nientemeno che l'incarnazione delle nevrosi alleniane, dalla parlantina facile, dall'emicrania improvvisa e dalla dipendenza ai farmaci come spesso incontrato nella lunga filmografia del regista.
Ma Jasmine è soprattutto una donna in profonda crisi, che si è vista sfuggire dalle mani tutta la sua vita dorata nei quartieri altolocati di New York a causa di un marito truffaldino e fedifrago (un ruolo disegnato per Alec Baldwin) e che si ritrova ora a dover convivere con la sorella Ginger nella popolare San Francisco. Rifarsi una vita dopo anni da viziata e da ricca sarà la vera sfida per lei, dai modi snob e dalla raffinata arte dell'imbellire il suo passato, coinvolgendo inevitabilmente la vita sentimentale di Ginger, da sempre vissuta nella sua ombra.


Le sorprese in questo film dalla trama esile ma dalla sceneggiatura corposa, sono molteplici. Prima fra tutte la virata al femminile di un Woody che aveva quasi sempre relegato le donna a oggetti del desiderio del suo protagonista, muse e icone qui sezionate nelle loro nevrosi e nei loro sogni in modo altamente fedele.
C'è poi una prova d'attrice fenomenale da parte di Cate Blanchette che non solo si cala in un ruolo alleniano per accezione, ma lo fa in modo strepitoso regalando alla sua Jasmine l'altezzosità e la caducità necessaria a renderla unica e idolesca, finendo a parlare al vuoto e a sbronzarsi in modo raffinato. Assieme a lei, superano l'esame la troppo buona Sally Hawkins e il Bobby Cannevale di memoria BoardwalkEmpiriana, qui nel ruolo comico di un macho dal cuore tenero.
Come si è riusciti a passare dai salotti buoni di New York ai moli di San Francisco, con vestiti, perle e gioielli confiscati dal governo, è quel passo falso che solo alla fine riusciamo a ricondurre a un qualcuno, capendo così il vero motivo di quelle allucinazioni, di quell'assurda e tormentosa necessità di Jasmine di raccontare agli altri la sua vita, della nascita di una malattia che si fa sempre più strada nella sua sempre più miserevole esistenza, che passa per l'accalappiamento in extremis di un bell'ambasciatore.
Ma, come sempre, la situazione che Allen ci mostra all'inizio raramente può vedersi modificata nello scorrere del film, e come già in Vicky Cristina Barcellona nulla cambia.


In questa rinascita dell'anno dispari, quindi -anche se fare peggio del capitolo romano e meglio di quello parigino era francamente impossibile- il regista ce la mette tutta e riesce a conquistare il suo pubblico, soprattutto le donne in sala vista la vicenda e il glamour mostrato.
L'ultima sorpresa, e personalmente la più gradita, è quella di una colonna sonora doc, che passa per i classici del jazz che addolciscono e danno il ritmo all'intero film.
L'appuntamento ora è per il 2015 o possiamo concedere un'eccezione anche per il prossimo anno?
Staremo a vedere.
Intanto, caro Woody, ti sei fatto ampiamente perdonare!

8 commenti:

  1. quoto le fatiche di Allen, classificandole nel tuo stesso modo, anche se a me "Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni" non è affatto spiaciuto...
    non così bene posso dire di quest'ultimo, dove, tralasciando la protagonista femminile, assolutamente meravigliosa nella sua nevrosi perpetua, la storia è davvero scarna e scarsa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nemmeno a me era dispiaciuto troppo, ma fa inevitabilmente parte della sua filmografia minore, di quei film fatti più per passatempo mi sa...
      Questo, è vero, abbastanza scarno di trama ma sorretto alla grande da Cate! Mi basta così per quest'anno dispari :)

      Elimina
  2. Visto qualche giorno fa e adorato, ne sto scrivendo la recensione giusto ora. Cate Blanchett si è messa d'impegno per essere candidata all'Oscar con questo ruolo e sinceramente lo spero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non appena sarà pronta verrò a leggerti allora!
      La Cate avrà come degna rivale la signora Judi, vedremo chi la spunterà :)

      Elimina
  3. Io devo dire che mi sono parecchio annoiata in sala guardando questo film (Ho saltato quello di Roma e adorato "Midnight in paris"). Lei bravissima, per carità, ma per il resto noia profonda.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con le aspettative romane non chiedevo certo i fuochi d'artificio, ma mi ha convinto e fatto divertire, e anche un po' riflettere, Molto allenaniano, e quindi va bene così!

      Elimina
  4. Io ho scoperto Allen di recente. O meglio, l'ho scoperto da Match Point in poi, ma dovrei recuperare i suoi primi film. I migliori, suppungo. Ho adorato Midnight in Paris, deriso apertamente To Rome with love, dimenticato Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni, considerato un po' sopravvalutato Vicky Cristina Barcelona, riso per l'umorismo nero e assassino di Basta che funzioni e, tappa dopo tappa, sono arrivato a questo Blue Jasmine. Ho trovato che questo sia il più alleniano: quello che più appartiene al regista. Malinconico, divertente, ma tristissimo: si ride, ogni tanto, ma per le sciagure degli altri. L'ultima scena è di una tristezza cosmica. Lei è incredibile, ma ho trovato i personaggi maschili delineati poco e male: sarà che la Blanchette li fa scomparire, con la sua sola presenza. E' la classe, è una lezione di recitazione ambulante. Vado a parlare a tutti di quanto sia brava e vado a mettere in lista tutti i film passati del regista, sì :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti sei beccato dei gran bei film, anche se scoperto "tardi"... vista la mole della sua filmografia, ho lacune pure io e su quelli più recenti concordo appieno con te! Blue Jasmine è un ritorno sui binari, non la cosa più eccellente degli ultimi anni, ma sicuramente impressionante per la delineazione della protagonista.
      Del passato, consiglio senza dubbi Manhattan, Io e Annie e Zelig!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...