6 dicembre 2013

Hunger Games - La Ragazza di Fuoco

Andiamo al Cinema

Quando uscì lo scorso anno in primavera, fu un quasi flop in Italia. Vuoi la distribuzione a stagione finita, vuoi la poca pubblicità o vuoi che la paura di un nuovo Twilight attanagliava in molti, solo pochi si sono spinti in sala. Il passaparola sembra però essere servito, e con la massiccia e martellante campagna promozionale unita all'ascesa ad idoli dei vari protagonisti, questo Hunger Games ha già scalato il boxoffice e promette scintille.
Promette scintille anche la trama, che non fa pesare il suo essere un secondo capitolo, ma si arricchisce in profondità e temi importanti, con il vento della speranza -e della ribellione- che si fa sempre più pressante.


Avevamo lasciato Katniss vincitrice morale degli Hunger Games, che salvato Peeta si trovava nella difficile gestione di una notorietà e di una storia d'amore da rendere credibile.
La ritroviamo allo stesso punto, con gli occhi di tutti, ma soprattutto di Snow, addosso, impegnata assieme al compagno in un tour promozionale stressante e ricco di ricordi in attesa della nuova edizione dei giochi.
La sua aria di sfida, però, unita a quelle rivolte taciute ma che iniziano a fomentare i distretti più periferici che la prendono come esempio, fanno rivedere i piani del grande capo che decreta un'edizione per il 75° anniversario che prevede lo scontro tra i vincitori delle edizioni passate.
Katniss si ritrova così nuovamente sul campo da gioco, in preda ad attacchi di panico e totale mancanza di fiducia nel prossimo, mentre noi veniamo ricatapultati prima nell'ormai nota fase preparativa, e poi in un'ambientazione potente e solida, creata dal machiavellico Plutarch che vede la natura, pericolosa ed infida, essere il primo nemico dei tributi.


Con il rodaggio ormai effettuato nel primo folgorante capitolo, il rischio ripetizione, soprattutto vista la nuova edizione dei giochi in ballo, era alto. Ma Suzanne Collins prima e Francis Lawrence poi, si salvano costruendo un'intricata sceneggiatura che prevede colpi di scena, azione, amore e pure momenti comici. In questo mix perfetto, quello che si fa evidente è la morale insita nella storia, con quella ribellione e quella speranza che Katniss non riesce a recepire, preferendo fuggire che affrontare la situazione, ma che riesce ad infondore come simbolo negli altri.
Quella ribellione che parte dal basso, taciuta dai mass media controllati dall'alto, che manipolano e hanno il potere di annientare e smuovere le coscienze inizia così a farsi strada, il seme della speranza è ormai stato piantato, e basterà poco alla stessa Katniss per reagire e prendere in mano il destino dei giochi, arrivando ad una presa di coscienza finale che Jennifer Lawrence, con un semplice sguardo, rende intensa come non mai. La ragazza dimostra qui di meritare quell'Oscar forse un po' prematuro, rendendosi magnetica e magnifica nella sua parte. Ma non vanno dimenticati gli altri personaggi, che oltre ad essere credibili, hanno qui un approfondimento maggiore: basti pensare alla commozione quasi impensabile che suscita ora Effie, o il coraggio di Cinna, o ancora al lato paterno di Haymitch per finire con i tributi altrettanto caratterizzati. Nulla è quindi lasciato al caso, come in una partita a scacchi, ogni pedina ha il suo ruolo, il suo percorso e il suo destino da compiere.
Con i titoli di coda che colpiscono al cuore tra le note di Atlas dei Coldplay, non resta ora che attendere un altro anno (21 novembre 2014, per la precisione), per riprendere le gesta di una ragazza che infiamma lo schermo e i cuori!



19 commenti:

  1. L'ho adorato e, nonostante la durata, correrei volentieri a rivederlo. Potentissimo.
    Io sono diventato un fan dei libri attraverso i film, lo ammetto. Li avevo già letti tutti, ma il film ha saputo valorizzarli in maniera impressionante. Jennifer Lawrence immensa, bellissima.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mio credo prevede: o libro o film. Vdendo l'attenzione per la saga cinematografica, ho optato per questa e non me ne sto proprio pentendo!

      Elimina
  2. il primo ammetto lo vidi su sky con molto pregiudizio, ero convinto di trovarmi difronte al solito filmetto per ragazzini bimbiminkia, ma in realtà si rivelò un discreto film di intrattenimento, nulla di memorabile, ma cmq si guardava e Jennifer è sublime, se riesco vado in settimana a vedere questo sequel più che altro per vedere come contiuna la storia e gustarmi la gnoccagine e la bravura di Jennifer su grande schermo :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Avevo gli stessi pregiudizi pure io, e invece nasconde temi parecchio interessanti e maturi come saga post-adolescenziale! Jennifer è grande e gnocca anche qui, vai vai!

      Elimina
  3. un sequel decisamente ben riuscito, in linea col primo episodio, bella recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Un sequel che non sente il peso del numero 2!

      Elimina
  4. a me non è piaciuto per nulla, ma ammetto che della saga me ne frega davvero poco!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, Lorenzo, se non piace la saga difficile farsi piacere il film..

      Elimina
  5. Una saga che si conferma molto più 'adulta' e di spessore di certe serie concorrenti. Prodotto commerciale ma tutto sommato ben fatto, costruito con grande accuratezza e professionalità. E ottimo anche il cast (Lawrence in testa ovviamente, ma anche tutti i comprimari: fa piacere rivedere sul grande schermo la brava Jena Malone). Peccato che questo secondo capitolo presenti gli stessi difetti del primo: lunghezza-fiume, una certa didascalicità, ritmo disomogeneo, un finale tagliato con l'accetta che 'violenta' lo spettatore costringendolo a vedere il sequel... ad ogni modo, come detto, siamo su un livello che va ben oltre la sufficienza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I finale di queste saghe sono sempre troppo tagliati, ma io la disomogeneità non l'ho sentita troppo, trovando interessante sia la fase preparatoria che quella dei giochi. Cast perfetto così come i personaggi creati!

      Elimina
  6. è piaciuto anche me.
    temevo molto la delusione, visto che non sono un amante di sequel e/o saghe varie, però come dici hanno studiato un mix perfetto tra le varie componenti.
    vabbè, quasi perfetto, visto che le parti più d'azione sono secondo me l'elemento più debole, ma il grande cast compensa qualche difettuccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le parti d'azione sono deboli perchè non c'è più lo scontro fra tributi ma con le forze della "natura". In ogni caso, mix che vince non si cambia!

      Elimina
  7. Sarò sincero... non mi ha detto assolutamente nulla. Dalle mie parti si è beccato due misere stellette.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pare di ricordare che anche il capitolo 1 non ti aveva entusiasmato... eh, queste saghe o piacciono o non piacciono, purtroppo!

      Elimina
  8. il primo non mi ha entusiasmato... darò una chance al secondo capito visto il tuo entusiasmo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provaci, qui con il vento di rivolta si inizia a sentire ancora più solidità!

      Elimina
  9. Bello, bello, bellissimo!! *__* Penso che potrei riguardarlo un miliardo di volte, e non solo perché c'è Jennifer (tanto per cambiare un po' XD). Anch'io lo consiglierei indiscriminatamente a quasi tutti! ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Due ore e oltre passate in un soffio! Nessun peso, quindi potrei davvero rivederlo pure io per ingannare l'attesa di un anno.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...