18 gennaio 2014

Jersey Girl

Once Upon a Time -2004-

L'appuntamento con Kevin Smith è ormai fisso in casa:
serata divano, coperta, e il giovine pronto a farsi delle gran belle risate con Jay & Silent Bob e tutti gli altri sgangherati personaggi del regista.
Immaginate quindi il senso di delusione e smarrimento quando al posto di questi, e dopo un prologo divertente con i bambini e i loro temi, si presenta quel bisteccone di Ben affleck, yuppie fino al midollo, in compagnia di Jennifer Lopez che morirà di lì a qualche minuto in sala parto, lasciando il neomarito solo e con una figlia che non riesce ad incastrare nella sua agenda piena di impegni.


Jersey Girl è infatti un film decisamente diverso nella filmografia di Smith: una commedia sentimentale che troppo commedia non è, che diverte, certo, ma che manca di quel puro spirito di baldoria e nonsense tipici da Clerks in poi.
La trama prosegue con Ben che schizza durante una conferenza stampa contro Will Smith da lui presieduta e viene così licenziato in tronco, costretto a lasciare la sua New York per trasferirsi dal padre in New Jersey dove lavorare come manutentore.
Una scivolata di quelle importanti, che nemmeno una figlia splendida e molto più intelligente di lui sembra colmare, forse forse, però, la vera svolta può portarla una audace commessa di una videoteca (Liv Tyler) che con la sua ricerca sui porno e la sua amicizia gli offrirà un motivo in più per rimanere.


Premesso che il film scorre via liscio e si lascia guardare senza troppe pretese, che le citazioni (questa volta si va dall'immancabile Star Wars a Sweenie Todd e Cats) e le comparsate (Matt Damon, Jason Lee, e pure il più volte menzionato Will Smith) sono quelle di sempre, c'è la sensazione di qualcosa di diverso. E va bene che Jersey Girl è dedicato al padre da poco scomparso di Smith, ma la distanza dal View Askewniverse e dal suo folle genio e il budget molto più prominente rispetto al solito, lo rendono una mezza delusione facendolo così finire nel fondo della classifica smithiana, sena se e senza ma.


6 commenti:

  1. Sai che non sapevo nemmeno fosse di Smith?
    L'ho visto secoli fa, appena uscito, e non mi era dispiaciuto: l'avevo trovato una commedia molto delicata. Non si vede l'impronta di quel regista lì, effettivamente, ma voglio rivederlo ugualmente, prima o poi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non fosse di Smith sarebbe una commedia guardabile anche se non memorabile... il fatto che sia sua invece rende tutto sotto un'altra prospettiva!

      Elimina
  2. passabile tutto sommato, certo non sarà ricordato come tra i film più riusciti del mitico Kevin

    RispondiElimina
  3. se non erro fu un flop tremendo che bloccò la carriera di Smith, che si riprese a stento con la marchetta Clerks 2.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non erri! Il primo grande budget e anche per questo un flop ancora più rumoroso!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...