20 gennaio 2014

The Counselor

Andiamo al Cinema

Lo scorso giovedì, durante i consigli sulle nuove uscite, ero stata la prima a dire di correre a vedere questo film. I motivi erano molteplici, e tutti sembravano confermare il mio imperativo... ma come sempre, non c'è mai certezza, e anche quando ci sono di mezzo nomi da far tremare un amante del cinema, la delusione è dietro l'angolo!


Procediamo con ordine:
- il cast è di quelli seri, e sulle loro doti nulla si può dire, con un Fassbender sempre più affascinante (anche perchè -come si dice nel prologo- ci sa fare), un Brad Pitt e un Javier Bardem imbruttiti non poco ma sempre superbi, una Penelope Cruz che incanta e una strepitosa e incontenibile Cameron Diaz, che torna ai livelli alti delle sue interpretazioni dando corpo a una villain con i contropacchi.
- la sceneggiatura è la prima originale di Cormac McCarthy, romanziere americano che sa di lande rocciose e solidità, e che infatti consegna uno script granitico e mascolino.
Ma, e qui arriva il primo ma, se da una parte alla stereotipicità di alcuni personaggi si può soprassedere, dall'altra non si può proprio perdonare una trama che non spiega o non mostra le motivazioni che spingono l'avvocato protagonista a mettersi in affari con il cartello messicano, né le basi e i vari intrecci che collegano i coinvolti nel raggiro, tra mediatori e donne pericolose.
In più, -e scusa Cormac se ci vado giù dura- le continue frasi ad effetto, le riflessioni filosofiche a cui più o meno tutti si lasciano andare possono funzionare in un romanzo dove ci si appassiona e ci si sorprende, in un film, invece, fanno sprofondare il tutto in una verbosità eccessiva, in un'esaltazione della parola che perde così il suo significato, o almeno l'attenzione dello spettatore.
- infine, la regia di Ridley Scott non è certo delle migliori, perdendosi in un montaggio fin troppo confusionario, in una freddezza degli ambienti che rappresenta la freddezza dei personaggi con i quali non si riesce ad interagire.


Usciti dalla sala si cerca così di rimettere ordine al tutto, di cercare di trovare quelle motivazioni che sembrano mancare ai protagonisti, di giustificare il più possibile la visione visti gli sprazzi di insana follia presenti che finiscono per rappresentare il film (la spaccata sul parabrezza della Diaz, o il meccanismo strozzante, o ancora la lezione impartitaci sulla purezza dei diamanti...), insomma, di trovare il lato positivo, anche il più piccolo, a The Counselor.
Questo perchè l'idea di aver preso una cantonata è difficile da affrontare, e perchè la solidità di quanto visto si continua a percepire. Ma, a conti fatti, salvati gli attori e alcune perle di sceneggiatura, gran poco si salva, e a farsi strada non è più tanto il senso di distacco o di ribrezzo, quanto di vera e propria delusione verso un film che sulla carta faceva invece fremere.


P.S.. cari titolisti italiani, se il film si intitola The Counselor e voi già lo sottotitolate Il Procuratore, perchè poi continuare a chiamare il protagonista Avvocato?

20 commenti:

  1. azz, altro parere negativo, mi sa che ho fatto bene a saltarlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono davvero in pochi a salvarlo, e non capisco come!

      Elimina
  2. Beh, ho letto di peggio, almeno salvi qualcosa!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gli attori, solo loro, anche se non i loro personaggi...

      Elimina
  3. Penso che lo vedrò
    Poi sul titolo ho molto da ridire.
    Visto che sto studiando per diventare counselor :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Intendi avvocato o procuratore o consigliere :)?

      Elimina
  4. Risposte
    1. Diludendo rabbioso, che è ancora peggio!

      Elimina
  5. Io sono andata a vederlo Venerdì e sono rimasta molto delusa, mi piace molto il genere, ma in questo caso non ho trovato nulla di comprensibile..
    Il ragazzo che gli urla dietro al bar cosa c'entra? Perchè si è dato ai malaffari? Bo!
    Quando sono apparsi i titoli di coda pensavo di essere sì e no a metà film...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io a metà tempo già cercavo fin troppo di capirci qualcosa, sperando in un'illuminazione sul finale.. e invece... mah! Davvero troppi buchi.

      Elimina
  6. Praticamente il compito di questo film è, arrivati alla fine, far discutere su tutti i passaggi poco chiari della sceneggiatura a groviera... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se davvero è questo, è un film riuscitissimo :)

      Elimina
  7. ...magari avessi letto prima di sabato sera questa recensione, mi sarei risparmiata un film da 0 a 0...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con nomi così sarei corsa a vederlo anche dopo mille recensioni negative, Hollywood ci frega così!

      Elimina
  8. Come ho scritto sul mio blog, se avessi saputo che questo film fa così schifo, avrei scelto Peppa Pig. Sicura flop ten 2014.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. p.s. The counselor, in inglese americano, significa l'avvocato. Non capisco perché i titolisti hanno aggiunto Il procuratore. Mah!

      Elimina
    2. Ahahaha scusami, dopo l'immagine con Pitt e Fassbender non avevo notato il tuo p.s. )

      Elimina
    3. Dopo Pitt e Fassy non si capisce più niente, eh ;)?
      Peppa Pig sarebbe stata molto più esaustiva e senza buchi nella sceneggiatura, sisi!

      Elimina
  9. Mi è stato sulle palle a pelle, sin dai primissimi trailer. Lo vedrò, prima o poi, ma solo per il cast. A voi Pitt e Fassbender, a me la Diaz: sono curioso di vedere questa famosissima scena con la macchina! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io mi prendo anche solo Fassy, per la Cameron... diciamo che sarà in versione ginecologica (cit.)!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...