22 marzo 2014

Videodrome

Once Upon a Time -1983-

Giusto una settimana fa nella blogosfera si è celebrato il David Cronenberg Day, cosa che mi ha fatto realizzare quanto poco avevo visto di un regista definito dai più cult e imperdibile.
Rimasta inquietata ma allo stesso tempo affascinata dalla sua estetica e dai temi trattati in Crash, ho quindi deciso di recuperare qualche altra sua pellicola, a partire da quello definito sempre dai più il suo capolavoro.


Affrontare un film che ha un'etichetta simile non è mai cosa semplice, soprattutto se hai qualche problema di stanchezza durante la visione.
Ma a conti fatti, e in tutta onesta, posso ben capire quei più che definiscono un film folle e allucinante, che proprio sulla follia e sulle allucinazioni si basa, un capolavoro.
Anche se per me non lo è.
Il trip in cui Cronenberg ci trasporta è quello di un uomo affascinato dalla violenza e dalla pornografia, proprietario di un canale televisivo che proprio questo trasmette e che vorrebbe spingere ancora più in là in suo pubblico e i suoi prodotti. Simbolo di una società malata, Max Renner troverà nei videodrome pirata captati grazie ad un tecnico, una droga e una chimera da svelare, iniziando così la discesa in un pericoloso vortice.


Difficile approfondire di più la trama, perchè quello che si svolge davanti agli occhi dello spettatore è un continuo mescolare realtà e finzione, sogni, incubi, allucinazioni con quella che forse è la vita vera. Il confine labile in cui Max si trova, mette in dubbio la stessa percezione del pubblico, portata a confrontarsi così con se stessa.
Il lavoro di Cronenberg, che ancora una volta riflette sulle dipendenze dell'uomo dalle macchine, mostra mostruose mutazioni e fusioni della carne del suo protagonista, con squarci e spaventose protesi senza mai cadere nel ridicolo e nel trash che una simile storia, e una simile messa in scena, potrebbero portare. Merito anche di un veramente in forma James Woods, che sostiene l'intero film, accompagnato alla musiche ricche di inquietudine e di fascino di Howard Shore.
Arrivata frastornata al finale, esplosivo e che lascia a bocca aperta, il film ha ovviamente continuato ad essere sezionato nella mia mente, senza arrivare a chissà quali conclusioni.
Ammetto quindi la mia incapacità a capirlo davvero, e pur capendo invece chi si è trovato di fronte ad un capolavoro, faccio un passo indietro, trovando i miei gusti giusto un po' distanti da quelli di David e le sue ossessioni.
La speranza, ora, è trovare più soddisfazione e meno insano turbamento con le altre visioni, anche se i dubbi iniziano già ad affiorare.


8 commenti:

  1. grande film, quando Cronenberg sapeva ancora girare bei film

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se lo si confronta con Cosmopolis, pure io sono di questa opinione!

      Elimina
  2. Cronenberg è sempre stato un regista molto particolare, e qui non si discute..
    Come conseguenza o lo ami o lo odi..dipende tutto dai gusti.....
    Bacio Lisa bella!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I miei sono ancora indecisi, non lo amo e non lo odio... diciamo che lo apprezzo ;)
      Buona domenica Nella!

      Elimina
  3. Per quanto non ami il Body Horror di Cronenberg, questo film è un classico che non si può negare.
    Lo dico perchè non lo sopporto proprio come regista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un classico con cui ho avuto difficoltà a rapportarmi, ma capisco benissimo perchè sia un culto!

      Elimina
  4. Che dire... uno dei film della mia vita :-P anche se il mio preferito del Cronnie internazionale rimane "Il pasto nudo"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quello mi sa che non sono ancora pronta, faccio un balzo negli anni 2000 e aspetto un po' per gli altri!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...