6 giugno 2014

Dead Man

Once Upon a Time -1995-

Ancora bianco e nero, ancora Jim Jarmusch.
Questa volta, però, la scelta stilistica del regista non sembra più dovuta all'economicità del suo progetto, visto che tra il cast all stars (Johnny Depp, Robert Mitchum, Alfred Molina, Billy Bob Thornton), gli ambienti di ripresa e la colonna sonora (firmata Neil Young, mica scherzi), il mirino è puntato molto più in alto.
E oltre che essere in alto, è anche parecchio pretenzioso, visto il tentativo (riuscito) di tornare al genere western, interpretandolo e ammodernandolo a proprio modo.
In mano a Jarmusch, tutti questi elementi si fondono così dando vita a un film strano, dalle mille sfaccettature e capace di essere amato alla follia e di diventare un cult.


Come?
E' presto detto: gli attori coinvolti danno vita ad un western atipico, capace di mescolare i cliché del genere unendoli a richiami colti, a un'ironia ricorrente e a sprazzi onirici; gli ambienti si fondono con i protagonisti riuscendo a risultare convincenti e volutamente posticci anche quando ricostruiti; la colonna sonora, con le variazioni improvvisate lungo un tema principale, sottolineano alla perfezione i cambi di scena e di umore del protagonista.
E poi, ovviamente, c'è la storia.
La storia di un uomo qualunque, banale, verrebbe da dire, che per una serie di tragiche coincidenze si trova solo in un paese di frontiera, invischiato in un tradimento dove finisce per uccidere l'uomo sbagliato e costretto così alla fuga. Aiutato da un buffo indiano che lo crede una reincarnazione del poeta William Blake (di cui porta il nome), si troverà inseguito da ben 3 spietati cacciatori di taglie, con la sua vita che cambia in modo brusco: il suo viaggio sarà infatti una lunga scia di sangue, di tappe forzate e mistiche, mentre anche chi lo insegue non disdegna l'uso della pistola.


Caricato di ironia e di momenti non-sense (vedasi la battuta ricorrente sul tabacco o il cammeo di Iggy Pop versione femminile), Dead Man non riesce a far risorgere il genere western, ma gli dà una nuova mano di vernice, lo illumina lateralmente con elementi ed espedienti della commedia nera e del dramma rendendolo così un esempio unico, dove c'è spazio anche per la poesia e per le immagini sacre, visivamente potenti.
Bello poi ritrovare quel Johnny Depp degli inizi ancora credibile e non ancora maschera di se stesso, che si converte e si lascia convertire in un viaggio che ha tutto il sapore della scoperta di sé, delle proprie possibilità e libertà.
Ma Jarmusch va oltre questa semplice riflessione, prendendosi il suo tempo, divagando e aspettando, allungando all'inverosimile il viaggio iniziale, ricorrendo ancora una volta alle dissolvenze in nero che dividono le scene in capitoli, regalando infine un film carico di momenti cult, di un finale filosofico.
Rivoluzionando un genere, creandone uno nuovo.


14 commenti:

  1. uno dei rarissimi western ad essermi piaciuti. forse perché, come dici, crea un genere nuovo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di western ha gran poco in effetti, facile che piaccia ad allergici del genere come noi!

      Elimina
  2. Si avvicina molto ad essere il mio film preferito, di sicuro uno della vita.."conosci le mie poesie?"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In tutta sincerità non lo sospettavo proprio :) Hai del tabacco?

      Elimina
  3. Bellissimo film, il mio preferito tra quelli di Jarmusch. Non sono sicuro che l'intenzione fosse proprio quella di fare e disfare il genere western, a me è sembrata una storia "sciamanica" di formazione incidentalmente ambientata in un contesto visto nel western, che però credo sia molto più realistico qui che non nei classici del genere!
    Iggy Pop proprio non me lo ricordo, ma sono passati un bel po' di anni da quando l'ho visto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ambientazione e i personaggi, per quanto spesso caricaturali, sono parecchio credibili e perfetti all'interno di un paese di frontiera, che è poi il punto di partenza necessario per la trasformazione del protagonista. Per Iggy Pop sei scusato, sotto la parrucca e gli abiti femminili è stato difficile riconoscerlo pure per me :)

      Elimina
  4. Dead Man è un esempio di come i film eccezionali vengano poco capiti dalle masse.
    E' un film che adoro rivedere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo rivedrò sicuramente, ha bisogno del suo tempo e della sua attenzione per essere apprezzato, quindi, sì, non è per tutti.

      Elimina
  5. Unico film che ho visto di Jarmusch (parente di Baglioni, a guardarlo con attenzione), e visto che l'ho trovato una palla pazzesca, non credo ne vedrò altri.
    Non per nulla quando cercai di vedere "Daunbailò" con Benigni senza sapere che fosse suo, smisi dopo 10 minuti annoiato...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Finora ne ho visti solo 3 di Jarmusch, e pur nella loro lentezza e nella loro diversità, mi sono piaciuti tutti, come ho scritto sopra hanno bisogno del loro tempo per essere apprezzati.
      Daunbailò sarà per il prossimo giro, invece.

      Elimina
  6. Grandissimo film, uno dei cult assoluti del genere e degli anni novanta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche in questo caso, molto molto fordiano :)

      Elimina
  7. Un cultone di quelli sorprendenti, per me è un film meraviglioso, dovrei rivederlo perchè sono anni che non lo vedo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'aurea di culto si crea già dalle prime scene, io me lo rivedrò sicuramente.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...