27 gennaio 2015

American Horror Story: Freak Show

Quando i film si fanno ad episodi.

Che è successo ad American Horror Story?
Perchè si è voluto abbandonare l'aggettivo horror presente nel titolo per una sferzata più trash che a lungo andare si fa davvero pesante?
Gli si era perdonato, a denti stretti, la leggerezza e il fashion di Coven, dove le giovani streghette non avevano certo stregato la sottoscritta, e con l'ambientazione circense, i freak a riempire il cast e l'immensa Jessica Lange a dirigerli, ci si aspettava una ripresa alla grande, per tornare ai fasti dell'Asylum.


#Einvece... e invece di difetti ce ne sono da vendere in questa quarta stagione, in cui il cast sembra voler sempre più mettere alla prova se stesso, e scrittura e regia stesse fanno a gara nell'esagerazione, nell'arrivare e sfondare il limite, abbracciando quel trash elevato a cult che non fa breccia.
Quello che non va in questo freak show è per l'appunto la storia: ricca, anche troppo, di sottotrame, con così tanti personaggi da seguire che si finisce per non simpatizzare per nessuno, e quindi: divagazioni, flashback da dedicare ad ognuno, e non si ha più finito.
L'idea iniziale, con la star mai ascesa Elsa Mars alla direzione di uno spettacolo itinerante di fenomeni da baraccone che recluta le gemelle siamesi Bette e Dot, salvo poi volersene disfare perchè vede il suo protagonismo messo a rischio, era un ottimo punto di partenza. Aggiungici un serial killer efferato e spaventoso con le sembianze di un clown e il gioco è fatto.
Poi in mezzo si son messi cacciatori di mostri che con i mostri si arricchiscono, tragedie famigliari di vario tipo, omosessualità nascosta, amori non corrisposti, un pazzo scatenato che scopre l'ebbrezza di uccidere e tutto va a catafascio, tutto il concentrato si diluisce, apparendo così annacquato da non sapere da niente.


Puntata dopo puntata, con personaggi che si dimenticano e si ritrovano, parti spuntate come funghi per richiamare le ormai nutrite comparse delle scorse stagioni, o guest star dell'ultima ora, il Freak Show perde la sua intensità, perde il suo interesse.
E non bastano numeri musicali (via via più scialbi, poi) o un crossover interno a risollevare le sorti di uno spettacolo che, come il circo, non ha più appeal.
Il finale sembra essere scritto per congedare al meglio una Jessica Lange in ogni caso una spanna superiore a tutti, così leader e catalizzatrice da oscurare pure la doppia Sarah Paulson (forse solo l'inquietante Finn Wittrock è ai suoi livelli), che pare non voler più far parte dello show di Ryan Murphy.
A vedere dagli ultimi risultati, non le si può dare troppo torto, tenendo conto poi che Murphy si sta concentrando su addirittura due altre serie dalle tematiche orrorifiche (Scream Queens e American Crime Story), la sensazione che il sipario stia calando si fa ancora più palpabile.


11 commenti:

  1. Mah, sono in realtà uno dei pochi a cui Freak Show non è affatto dispiaciuto.
    Di Coven ho un ricordo terribile e questo, nonostante sia incasinato e dispersivo, qualcosa di interessante qui e lì ce l'ha.
    E' una matassa inestricabile, però, e ho ti accontenti dell'intero paccato oppure no, immagino. Comunque, in generale, mi ha abbastanza intrattenuto. Bravissima la Lange, potenzialmente indimenticabili i personaggi, che però sono svilupatti malucci. Per me, sufficiente in pieno, anche se Murphy non è al suo meglio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. *o ti accontenti dell'intero pacchetto

      Elimina
    2. E' proprio la dispersione e il casino che non perdono a questa stagione. Il potenziale era alto, la Lange ha fatto il suo dovere, ma la storia era inconsistente, troppo troppo, per una serie che aveva fatto scintille in passato.
      Bastava anche solo proseguire con il clown, i miei incubi erano assicurati.

      Elimina
  2. Questo Freak Show è stata una vera baracconata. :)
    E che cali, 'sto sipario, ormai non sanno più che inventarsi.
    Il bello e il brutto di Ryan Murphy è questo, ha sempre tremila altri progetti davanti e quelli vecchi li abbandona al loro destino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E allora quasi quasi lo abbandono anch'io questa baracconata, che i nuovi progetti di Murphy sembrano molto più accattivanti.

      Elimina
  3. Pallosissimo, il cosidetto "psicopatico" strappa più di una risata (ma perché non gli hanno ancora proposto un ruolo da prima donna in qualche musical a Broadway?! Magari assieme al cast di Glee :P) ed è insopportabile, alcuni l'hanno definito addirittura un bravissima attore :/

    Le ultime 2 puntate di stagione me le sono saltate volentieri U_U

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Proprio per le risate che ha strappato a me ha convinto, in modo strano, certo, ma almeno si è fatto ricordare a differenza di una Roberts o di un Evans molto molto piatti.

      Ah, tranquilla, non ti sei persa niente, una piccola strage e tutto è finito :)

      Elimina
  4. Per me grandissima delusione, un vero peccato. Non sono proprio riuscito a trovare una linea guida, qualcosa che mi spingesse a farmi delle domande, ad andare avanti. Da guardare abbastanza passivamente. Direi che sta stagione non fa per me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante la visione ho fatto davvero di tutto, e sì che con le prime stagioni stavo con le unghie piantate sul divano.
      Una gran delusione.

      Elimina
  5. È andato scemando di volta in volta. Mi pare che abbia convinto pochi...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre peggio puntata dopo puntata, solo qui si contano solo commenti negativi..

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...