11 gennaio 2015

Golden Globes 2015 - I Pronostici

Questa notte quelli che sono da tutti considerati e chiamati gli "anticamera degli Oscar" verranno consegnati.
Come sempre, è quindi il momento di fare pronostici e di dare la propria opinione, ben sapendo, però, che la programmazione e la distribuzione italiana non è stata così al passo con quella americana, e sui nostri schermi pellicole già attese come La teoria del tutto, Still Alice non sono ancora arrivate o un The imitation game non ancora visto.
Lo stesso vale per le serie TV, in cui molte da me seguite sono state -ahime- snobbate, in favore di altre mai iniziate.
Ovvio quindi che tutto potrebbe cambiare in futuro, soprattutto nella notte del 22 febbraio in cui saranno le statuette dorate ad essere consegnate.

Bando ad ulteriori premesse, questi i miei favoriti.
E se volete seguire la diretta con me, sappiate che mi scatenerò come commentatrice su TWITTER, salvo sonnolenza e noia. Ma ho fiducia nelle presentatrici Amy Poehler e Tina Fey.



CINEMA

Miglior Film Drammatico
Boyhood
Foxcatcher
The Imitation Game
Selma
The Theory of Everything 


Dopo aver vinto l'In Central Perk Awards 2014, non può non vincere anche il Golden Globe.
Ma film decisamente più hollywoodiani potrebbero avere la meglio.

Miglior Attore in un Film Drammatico
Steve Carrell - Foxcatcher
Benedict Cumberbatch - The Imitation Game
Jake Gyllenhaal - Nightcrawler (Lo Sciacallo)
David Oyelowo - Selma
Eddie Redmayne - The Theory of Everything 


Gyllenhaal se ne meriterebbe 100 di questi premi, basta un frammento della sua folle interpretazione per capirlo.
Lo avrà capito anche la giuria? O premieranno la trasformazione fisica di Redmayne o la compostezza british di Cumberbatch?

Miglior Attrice in un Film Drammatico
Jennifer Aniston - Cake
Felicity Jones - The Theory of Everything 
Julianne Moore - Still Alice
Rosamund Pike - Gone Girl 
Reese Whitherspoon - Wild 


Certo, la Pike è l'unica della cinquina vista in azione. Ma è bastato.

Miglior Film Commedia o Musical
Birdman
Grand Budapest Hotel
Into the Woods
Pride
St. Vincent


Visto in anteprima a Venezia, il nuovo film di Innaritu mescola sapientemente firma d'autore, satira hollywoodiana e strizzatine d'occhio al grande pubblico.
Non mi dispiacerebbe, comunque, se ad avere la meglio fosse il caro Wes Anderson.

Miglior Attore in un Film Commedia o Musical
Ralph Fiennes - Grand Budapest Hotel
Michael Keaton - Birdman
Bill Murray - St. Vincent
Joaquin Phoenix - Inherent Vice 
Christoph Waltz - Big Eyes


In attesa di vedere la probabile ennesima grande prova di Phoenix, il trasformista e invecchiato Keaton si merita gli applausi della platea.

Miglior Attrice in un Film Commedia o Musical
Amy Adams - Big Eyes
Emily Blunt - Into the Woods
Helen Mirren - Amore, Cucina e Curry
Julianne Moore - Maps to the Stars
Quvenzhané Wallis - Annie


La Adams, complice un film non all'altezza, viene oscurata dalla fisicità della Moore.

Miglior Regista
Wes Anderson - Grand Budapest Hotel
Ava DuVernay - Selma
David Fincher - Gone Girl 
Alejandro Gonzales Inarritu - Birdman
Richard Linklater - Boyhood


Provate voi a portare avanti un progetto per 12 anni, organizzando, dirigendo e scoprendo un grande talento.
Linklater l'ha fatto, consacrandosi come grandissimo regista.

Miglior Attrice Non Protagonista
Rosanna Arquette - Boyhood
Jessica Chastain - A Most Violent Year
Keira Knightley - The Imitation Game
Emma Stone - Birdman
Meryl Streep - Into the Woods


La Arquette dopo la TV  al cinema si è vista gran poco, fortuna allora che per 12 anni si è nascosta in questo ruolo grande, che ha quasi oscurato il suo figlio.

Miglior Attore Non Protagonista
Robert Duvall - The Judge
Ethan Hawke - Boyhood
Edward Norton - Birdman
Mark Ruffalo - Foxcatcher
J.K. Simmons - Whiplash

Chi non vorrebbe un padre come Ethan Hawke?

Chi non lo ha amato alla follia per la sua naturalezza, per il suo piglio giovane e positivo in Boyhood?

Miglior Sceneggiatura
The Grand Budapest Hotel
Gone Girl (L'Amore Bugiardo)
Birdman
Boyhood
The Imitation Game


Gillian Flynn ha fatto il colpaccio, merito del suo libro, certo, ma anche della sceneggiatura che lei stessa ne ha ricavato.

Migliore colonna sonora originale
Alexandre Desplat  The Imitation Game
Jóhann Jóhannsson  La teoria del tutto
Trent Reznor e Atticus Ross  L'amore bugiardo - Gone Girl
Antonio Sanchez  Birdman
Hans Zimmer  Interstellar

Quando ascolterete l'incessante batteria che per tutto il film accompagna i piani sequenza del film di Innaritu, vorrete farlo voi un Golden Globe da dare a Sanchez.

Migliore canzone originale

Big Eyes (Lana Del Rey)  Big Eyes
Glory (John Legend e Common)  Selma - La strada per la libertà (Selma)
Mercy Is (Patti Smith e Lenny Kaye)  Noah
Opportunity (Greg Kurstin, Sia Furler e Will Gluck)  Annie
Yellow Flicker Beat (Lorde)  Hunger Games: Il canto della rivolta - Parte I 

Esclusa (perchè?!?!) la splendida Lost Star di Begin Again, la scelta va sull'intrigante Lorde.


Miglior Film d'Animazione
Big Hero 6
The Book of Life 
The Boxtrolls
How To Train Your Dragon 2
The Lego Movie


La Laika deve lavorare un po' di più sulle storie, e la Disney pigliatutto con un film originale divertente e intelligente, batte pure la DreamWorks, per me, il cui sequel per quanto ben riuscito, non è stato all'altezza del primo capitolo.

Miglior film straniero
Turist (Force Majeure), regia di Ruben Östlund (Svezia)
Viviane (Gett: The Trial of Vivianne), regia di Ronit Elkabetz e Shlomi Elkabetz (Israele)
Ida, regia di Paweł Pawlikowski (Polonia)
Leviathan (Leviafan), regia di Andrej Petrovič Zvjagincev (Russia)
Mandariinid, regia di Zaza Urushadze (Estonia)


SERIE TV

Miglior Serie Drama
Downton Abbey
House of Cards
Game of Thrones 
The Affair
The Good Wife

Tanti gli esclusi di lusso in questa cinquina.

La scelta, quasi obbligata, va alla novità più coinvolgente della stagione autunnale.

Miglior Attore in una Serie Drama
Clive Owen, The Knick
Liev Schreiber, Ray Donovan
Kevin Spacey, House of Cards
James Spader, The Blacklist
Dominic West, The Affair

Se non vince quest'anno, la vendetta di Frank Underwood si farà sentire. Meglio accontentarlo.

Miglior Attrice in una Serie Drama
Claire Danes, Homeland
Viola Davis, How to Get Away With Murder
Julianna Margulies, The Good Wife
Ruth Wilson, The Affair
Robin Wright, House of Cards


Sorpresa graditissima, la scoperta del talento della piccola ma grande Wilson. Per una volta si riuscirà a non premiare la Danes o la Margulies?

Miglior Serie Comedy o Musical
Girls
Jane the Virgin
Orange Is the New Black
Silicon Valley
Transparent


Comedy ma non troppo, in attesa di vedere Transparent, le ragazze dietro le sbarre si meriterebbero il globo, per una seconda stagione che si è reinventata in modo altrettanto godurioso.

Miglior Attore in una Serie Comedy o Musical
Louis C.K., Louie
Don Cheadle, House of Lies
Ricky Gervais, Derek
William H. Macy, Shameless
Jeffrey Tambor, Transparent

Scelta obbligata, in questo caso. Maledetto te, Frank Gallagher.

Miglior Attrice in una Serie Comedy o Musical
Lena Dunham, Girls
Edie Falco, Nurse Jackie
Julia Louis-Dreyfus, Veep
Gina Rodriguez, Jane the Virgin
Taylor Schilling, Orange Is the New Black

La bionda galeotta batte una Dunham più brava nella scrittura, e il cui personaggio, già, risulta un po' troppo odioso.

Miglior Miniserie o Film TV
Fargo
Olive Kitteridge
The Missing
The Normal Heart
True Detective

Non sarà entrata nel mio podio, ma True Detective oltre che ovvia -si spera- vincitrice, batte sia i fratelli Coen che le altre miniserie.

A meno che, nei prossimi giorni quella Olive non possa far scintille.

Miglior Attore in una Miniserie o in un Film TV
Martin Freeman, Fargo
Woody Harrelson, True Detective
Matthew McConaughey, True Detective
Mark Ruffalo, The Normal Heart
Billy Bob Thornton, Fargo

Meglio di lui non ce n'è.

C'è poco da fare.

Miglior Attrice in una Miniserie o in un Film TV
Maggie Gyllenhaal, The Honorable Woman
Jessica Lange, American Horror Story: Freak Show
Frances McDormand, Olive Kitteridge
Frances O’Connor, The Missing
Allison Tolman, Fargo

Da completa sconosciuta a star di una serie in cui è bravissima. La debuttante Tolman dovrebbe essere premiata anche solo per questo.

Miglior Attore Non Protagonista in una Serie, in una Miniserie o in un Film TV
Matt Bomer, The Normal Heart
Alan Cumming, The Good Wife
Colin Hanks, Fargo
Bill Murray, Olive Kitteridge
Jon Voight, Ray Donovan


Dimagrito, irriconoscibile, intenso.
Bomer si è lasciato sfuggire l'Emmy, ma il globo si spera di no.

Miglior Attrice Non Protagonista in una Miniserie o in un Film TV
Uzo Aduba, Orange Is the New Black
Kathy Bates, American Horror Story: Freak Show
Joanne Froggatt, Downton Abbey
Allison Janey, Mom
Michelle Monaghan, True Detective


Orange is the new black è finito chissà perchè in questa categoria.
Premiamolo lo stesso, va', che la pazza Crazy Eyes se lo merita.

10 commenti:

  1. Io sono combattuto sulle migliori attrici. Tifo Pike, però la Moore se lo merita da anni l'Oscar: deve riceverlo con uno dei due film in lizza, per forza. Oggi vedrò The Imitation Game e, nonostante Gyllenhall sia mostruoso, sotto sotto tifo Redmayne. Un'ottima prova e, accanto a lui, una Jones che non vincerà, ma è assolutamente incantevole - Chloe Moretz, ti lascio per Felicity Jones, ché è pure maggiorenne. Tra i telefilm, spero spicchi The Affair e che The Normal Heart si porti qualcosa a casa: Ruffalo e Bomer erano folgoranti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Felicity Jones ha stregato pure me sia con Like Crazy che con Breath In, spero si dimostri altrettanto bella e brava anche ne La teoria del tutto... e qualcosa mi dice che sarà così.

      Elimina
  2. Sono d'accordo con te su praticamente tutti i pronostici.
    Spero vivamente che "True Detective" vinca ciò che si merita *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, se lo meritava, soprattutto nel reparto attoriale.

      Elimina
  3. Speriamo ci sia qualche sorpresa.
    E speriamo anche che il sonno non prenda il sopravvento.
    Per entrambe le cose però la vedo un po' dura... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alla fine lo show si è lasciato vedere e godere, tempi non tropo lunghi.. o forse ero solo fin troppo impegnata a scrivere per accorgermene?

      Elimina
  4. Uh ti è proprio piaciuta The Affair?! *_* Io amo molto Ruth ma The Affair per me è stata una grande delusione. Lei però mi piace sempre quindi un premio se lo meriterebbe. La Danes IMHO è sempre 1000 passi avanti anche con una stagione di Homeland seriamente imbarazzante, lei però emerge sempre. Secondo me però il premio femminile lo strappa Julianna che obiettivamente The Good Wife è un suo sinonimo. C'è lei e solo lei. Riguardo al "maschietto", Kevin Spacey su tutti. Sul miglior drama secondo me ancora House of Cards. (Spero no il Trono di Spade che anche basta... ha fatto la sua era, stop).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. The affair mi è piaciuto parecchio, l'ho visto tutto d'un fiato e ne sono rimasta immersa e avvolta. Carrie, si sa, è sempre bravissima, anche in questa stagione di passaggio che a sorpresa ho amato particolarmente.

      Elimina
  5. Eh, secondo me Benedetto piglia tutto. Però onestamente tra lui e Gyllenhaal (e pure l'Hardy di Locke, che non è in lizza) non saprei chi scegliere.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...