8 gennaio 2016

The Lobster

Andiamo al Cinema (in ritardo)

In un futuro non precisato essere soli non è contemplato.
Non è tanto una questione di amore, di evitare la solitudine, avere qualcuno affianco è necessario, è obbligatorio.
Se si è soli, si viene mandati in uno speciale hotel per single, dove si hanno a disposizione 45 giorni per trovare la propria metà, più giorni extra in base a quanti solitari si anestetizzano nelle battute di caccia in mezzo ai boschi.
Se arrivati allo scadere dei propri giorni, si è rimasti soli, si verrà trasformati in un animale a propria scelta, così da aumentare le possibilità di una vita felice assieme a qualcuno della propria specie.
David, solo, unicamente accompagnato dal fratello che ora è un cane, di trovare qualcuno all'interno di quell'hotel rimanendo se stesso non è in grado.
Come altri cerca di adattarsi, di fingere un carattere, un particolare, che non ha. L'alternativa è diventare un'aragosta, nuotare nel mare che tanto gli piace e cercare di non farsi mangiare.
Sceglierà purtroppo la peggiore delle compagne possibili, e dopo aver superato il limite, da lei scapperà, dal suo destino segnato scapperà, rifugiandosi nei boschi, con quei solitari che hanno regole ancora più dure, solitari per scelta, senza possibilità di amare.
La città diventa un sogno, e ovviamente, lì dove l'amore è vietato, l'amore David trova, per una bella e intraprendente donna, rischiando così la vita.

Quando un greco sbarca oltre i confini cosa può succedere?
Cosa può succedere se quel greco aveva tirato fuori dal suo cilindro un film nero e disturbante come Dogtooth, ora che assolda gente come Colin Farrell, Rachel Weisz, Ben Whishaw, John C. Reilly e Léa Seydoux?
Succede che spingerà ancora di più l'acceleratore, proponendo una trama distopica e folle, dall'umorismo nero, piena di speranza ma piena anche di una speranza infranta.
The Lobster dai colori freddi, dai personaggi slavati e tristi, che guardano agli altri senza desiderio, con possibilità e invidia, è un ritratto di una società allo sbando, dove gli opposti fanno altrettanto paura.
Si ha paura se si è soli, si ha paura se si ama.
Si cerca nell'altro non un partner ma qualcuno che ci somigli e ci capisca nei nostri difetti: zoppicare, sanguinare dal naso, miopia, mancanza di un cuore... Questo è per loro amore, questo può unire, e poco importa se le conversazioni latitano e se quel cuore non batte. Sempre meglio di essere trasformati in animale, forse.
Perchè quando si passa al di là della barricata, quando si decide di essere soli, allora nessun contattato, nessun flirt è concesso, la propria fossa la si scava letteralmente da soli.
David si muove da un lato e dall'altro con circospezione, con l'aria affranta di chi solo sta bene ma vorrebbe di più.
Ma il di più lo trova per davvero?


La vera sorpresa di questo film non sta tanto in una trama folle che purtroppo presenta qualche difetto, sta in un Colin Farrell finalmente in parte, che mette da parte i muscoli e l'aria da macio, tira fuori la pancia e l'aria più succube possibile facendo di David un antieroe che non suscita simpatia, ma tanta pena. E che ricorda, nella solitudine, nei modi gentili e timidi, nel suo mimetizzarsi, il Theodore di Her.
Le sue diatribe interiori, la sua fuga, il suo amore, sono raccontati da una voce dall'accento tedesco, e se la prima parte funziona parecchio bene, all'interno di quell'hotel che mostra tutte le sue assurdità, la seconda, in mezzo ai boschi, lì dove la passione sembra sbocciare, qualcosa di quell'assurdità si perde, forse perchè agli occhi dei romantici ci vorrebbe di più, forse perchè si è abituati alla svolta salvifica, all'amore che risolve tutto.
Quello che invece fa qui, per David, l'amore, è accecare, metaforicamente e non.
Ne esce un film imperfetto, disequilibrato, in cui sbocciano gli attori, oltre a Farrell, la Weisz già sublime in Youth, è altrettanto brava e bella, mentre sono spietate Olivia Colman da un lato, e Léa Seydoux dall'altro.
Nella sua uscita dalla Grecia, Lanthimos continua a parlare di una crisi che colpisce l'uomo nel peggiore dei modi, con l'animale che avanza a minacciarci, con quanto di più bello reso asettico, reso mera questione di affinità.


Regia Yorgos Lanthimos
Sceneggiatura Efthymis Filippou, Yorgos Lanthimos
Cast Colin Farrell, Rachel Weisz, Olivia Colman, 
Léa Seydoux, Ben Whishaw, John C. Reilly
Se ti è piaciuto guarda anche

8 commenti:

  1. Piaciuto parecchio, nonostante sia un film su cui arrovellarsi.
    Io ci sto pensando ancora su. Bravissimo Firth, ma la Weitz sai che, in lingua originale, non tanto mi piace? Ha una voce un po' fastidiosa, ma resta bellissima, come quando io ero piccino e lei recitava in La mummia. ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vera sorpresa é per me Farrell (sei andato in confusione con i Colin :)), appesantito riesce a tirarsi fuori dalla lista nera degli attori di cui faceva parte... Il soggetto del film é poi cosí folle e metaforico da dover essere digerito con calma. Peccato per la seconda parte meno entusiasmante..

      Elimina
  2. Anche per me un film imperfetto.
    Non so bene perché, ma non mi ha convinto fino in fondo. Non come Dogtooth, almeno.
    La seconda parte, con il suo dirigersi quasi obbligato verso una storia d'amore, per quanto particolare, l'ho trovata un pochino forzata e priva della poesia di film come Her.
    E' come se mancasse qualcosa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Manca secondo me la stessa genialità e lo stesso equilibrio della parte in hotel, fra quei boschi ci so perde troppo...

      Elimina
  3. Per me, finora, il film più bello della stagione: è vero, è discontinuo, ma sprigiona emozioni fortissime. Una formidabile metafora del nostro tempo: quante coppie, oggi, stanno insieme solo per consuetudine, o per paura di restare sole? E, viceversa, quanti single vivono malissimo la loro condizione non per effettivo disagio ma per i costumi imposti dalla società, che stimolano in tutti modi all' "aggregazione" ad ogni costo? (pensiamo ai social network). La prima parte di "The Lobster", quella girata nell'albergo, è a dir poco strepitosa. Poi dopo il film si perde un po', tuttavia è impossibile non appassionarsi e trepidare per David e la sua compagna, che cercano di sfuggire a un destino ineluttabile... bellissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, c'è tanto su cui riflettere anche se il disequilibrio fra le due parti me lo ha fatto sentire più freddo di quello che pensavo.

      Elimina
  4. Il film pi bello dell'anno (il 2015). C'è qualcosa che lo solleva, qualcosa che ti solleva, qualcosa che ti punge, qualcosa che vi punge. E poi che cast!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo oltre a non essere uscito da nessuna parte nel 2015 non ha punto come speravo... Resta comunque un film geniale, interpretato alla grande.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...