20 maggio 2016

Money Monster

Andiamo al Cinema

Eccoci qui, davanti ad un'altra lezione di economia da parte del cinema.
No.
Fermi.
Non scappate.
Non temete la noia, i paroloni, i punti di domanda che escono e compaiono sopra la vostra testa.
Money Monster, con il piglio gigione di George Clooney, con la bravura sempre più innegabile di Julia Roberts, con l'astro nascente di Jack O'Connell (uno partito come bullo di Skins e finito tra le grazie di Angelina Jolie nel bruttino Unbroken) e soprattutto con la regia di Jodie Foster, saprà istruirvi senza appesantirvi.
Non temete la noia, no, perchè qui c'è spazio per balletti scatenati a ritmo rap, per gag di youtube che strappano sonore risate, e soprattutto per una lezione di economia tesa e capace di stregare dal primo all'ultimo minuto.
Insomma, se già con The Wolf of Wall Street e con La Grande Scommessa  il cinema aveva dimostrato di aver capito che per parlare di economia si deve saper intrattenere, qui ne abbiamo un'altra, gran prova.
Partiamo con la lezione allora, e partiamo da una domanda semplice semplice: che cos'è un glitch?


Non chiedetelo a Jack O'Connell, o meglio, al suo Kyle, che appena sente nominare la parola glitch (diciamolo piano, che è meglio), parte ad urlare e ad arrabbiarsi.
Kyle è infatti un giovane che ha investito i risparmi di una vita -quella della madre, per la precisione- in quello che doveva essere la puntata più sicura, l'investimento da fare ad occhi chiusi.
Peccato che, per colpa di un glitch, la Ibis Corporation abbia perso in un sol colpo 800 milioni di dollari, compresi quelli di Kyle.
Ecco perchè ora Kyle si trova nello studio televisivo dove Lee sta andando in onda con il suo programma sulla finanza, Money Monster, ecco perchè impugna una pistola, lo costringe ad indossare un giubbotto carico di esplosivo, lasciando senza parole, senza fiato, i macchinisti, i cameraman, la regista.
La regista, Patty, che non sa che fare, costretta a continuare la messa in onda, utilizzerà i mezzi a disposizione per aiutare Lee, per calmare Kyle, per portare comunque a casa una trasmissione che sta facendo il pieno di ascolti.
Una trasmissione che fonde reality, tragedia, lezione di finanza.
Il brivido corre veloce tra i televisori, laggente non si schioda da davanti allo schermo, ma in mezzo al caos, all'ansia, alla paura, Kyle diventa il portavoce di un malcontento comune, diventa l'eroe che vuole la verità, vuole capire e scoprire perchè e come i suoi soldi se ne sono andati in un battito di click.


Teso, divertente, angosciante, amaro nella verità che ci propina, Money Monster funziona alla perfezione, dal primo minuto in cui ci si mostra (proprio come in The Newsroom) il dietro le quinte di una televisione non certo da premio Pulitzer, fino all'ultimo in cui l'ironia di youtube, e il senso di sconfitta, la fanno da padrone.
Nel mezzo, un racconto a più voci, con la sintonia tra George e Julia che regge a distanza di sicurezza, con auricolare ad unirli, con O'Connell disperato e confuso, con Dominic West sempre con quella faccia da sberle che tanto ci piace e con tanti piccoli comprimari e galoppini che rendono più colorata la messa in scena.
Mescolando i generi, mescolando gli stati d'animo, ne esce un film che sa ballare a ritmo di rap, sa spiegare i meccanismi sinistri dell'economia e del giornalismo, sa tenere con il fiato sospeso, incollati allo schermo.
Proprio come chi, da casa o da lavoro, segue le vicende di Lee e Kyle.
O come chi, -impensabile, eh?- ascolta o legge una lezione di economia.


Regia Jodie Foster
Sceneggiatura Alan DiFiore, Jim Kouf, Jamie Linden
Cast George Clooney, Julia Roberts, Jack O'Connel, Dominic West
Il Trailer
Se ti è piaciuto guarda anche
La Grande Scommessa, The Wolf of Wall Street, 99 Homes

Questo post nasce da una vera conversazione e collaborazione 
con MovieCamp su  own your conversation

4 commenti:

  1. Corro al cinema questo weekend: troppa curiositá! :)

    RispondiElimina
  2. Mi attira molto più di La grande scommessa.
    Spero di vederlo prestissimo!

    RispondiElimina
  3. Visto la settimana scorsa senza avere idea della trama e mi è piaciuto molto!

    RispondiElimina
  4. A me già i film di economia in genere divertono, quindi con questo dovrei spassarmela come l'itagliano medio con i cinepanettoni. :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...