2 novembre 2016

It's Such a Beautiful Day

E' già Ieri -2012-

Quando scopri un piccolo film, che parla in modo piccolo ma grande della malattia, sai già che farà per te.
Quando questo piccolo film, è un film di animazione, un'animazione tra l'altro particolare, semplice, lineare, basilare, sai che lo devi vedere.
Quando questo piccolo film ti è consigliato da Caden de Il Buio in Sala, quel che sai diventa certezza.
E infatti It's Such a Beautiful Day, sembra parlare a te, tocca tutte le corde giuste, e lo fa con una semplicità disarmante, di realizzazione, di sceneggiatura.
È quella semplicità che nasconde in realtà una grossa profondità, un lavoro dietro la macchina da presa che prevede bozze, disegni, sovrimpressioni, scelte di musica, di voci, di parole. Tutto ben calibrato.
E se all'inizio quelle parole ti travolgono, quelle nuvole, quelle chiazze di luci si accendono improvvise e improvvisamente cambiano, lasciando tentennanti di fronte ad un'ora di questo esperimento più simile alla videoarte che non a un lungometraggio, poi, poco a poco, ti ci abitui, e a Bill inizi a volere un gran bene.


Bill è solo, vive solo, prende l'autobus solo.
Bill è timido, con la gente fatica a parlare, si perde nei suoi pensieri, si sofferma a vedere la poesia di una scritta sulla sabbia, di un passerotto morto per strada, del modo in cui la luce si riflette su una tenda.
Condivide i suoi pensieri con un'ex ragazza altrettanto imbarazzata. Ma c'è qualcosa che non va in Bill, nelle parole che il suo medico dice e che noi, noi che siamo Bill, che siamo quella voce che ce lo descrive, non riusciamo a sentire.
Una malattia, un qualcosa che non va in quella sua testa che lui immagina abitata da un pesce, una malattia che forse, chissà, corre per tutta la sua famiglia, o forse è solo sua, gli mangia i ricordi, i pensieri, le emozioni, i nomi. E li ricostruisce, giustificando con storie, racconti, inventati, la sua presenza.
E più si va avanti, più quella malattia avanza, più Bill è solo.
Lo accompagniamo, nella stanza dell'ospedale, nel suo ritorno a casa in cui tutto si fa più ciclico, confuso, in quel viaggio che intraprende.
Senza dimenticare, mai, che ogni giornata, anche se è la stessa, è proprio bella.


È un film strano, quello di Don Hertzfeldt.
Inizialmente, composto dai due soli primi capitoli separati, progettati e presentati in modo diviso, poi, con l'arrivo del terzo, con quel It's Such a Beautiful Day, tutto è stato unito e presentato nuovamente ai vari festival trovando unanime consenso.
A Bill si vuole bene, perché Bill, nella sua semplicità -sia di fattezze che di animo- tocca il cuore, rappresentando quella malattia che i ricordi li mangia, li sostituisce, quelle paure, quel mondo, che ci fa paura e che in qualche modo abbiamo sfiorato.
La costruzione del film lascia a bocca aperta, quell'ingenuità dei disegni abbozzati, che prendono vita attraverso uno sfondo che cambia, un rumore che entra in scena, ricorda senza volerlo quell'altro piccolo capolavoro dell'animazione che è Il bambino che scoprì il mondo, che ancora campeggia nell'header più bello che questo blog potrà avere. Lì erano i colori, la musica, a dare vita alla storia, senza bisogno di dialoghi, di voci.
Qui, come in Max and Mary, è una voce fuori campo che ci accompagna, ci abbandona, ci ritrova.
E ci lascia, con un pizzico di speranza, che è la speranza di Bill, che tutto possa andare bene, che quella splendida giornata non possa mai finire, che film così semplici, e così speciali, possano trovarci ancora, pronti ad ammirarli.
Proprio come fa Bill.
E quindi, sii come Bill.


Regia Don Hertzfeldt
Sceneggiatura Don Hertzfeldt
Se ti è piaciuto guarda anche

4 commenti:

  1. Grandissima recensione, molto più completa della mia.

    La citazione finale del "sii come Bill" è perfetta

    ma sarà un caso? stesso nome, stilizzato alla stessa maniera, boh...

    grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Durante il film ho pensato che l'autore del meme fosse lo stesso, e invece no. Peccato, sarebbe stato un altro colpaccio.

      Grazie a te comunque per avermi fatto scoprire questo piccolo e immenso film!

      Elimina
  2. Questa pellicole d'animazione sono decisamente più nelle tue corde che non nelle mie, quindi non so se avventurarmi nella visione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per uno smemorato come te, poi, visto il tema, potrebbe creare qualche ansia. Però è così bello e con la voice over, che una possibilità potresti anche dargliela :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...