12 dicembre 2016

Il Lunedì... Comedy: You're The Worst s03 - Lovesick (Scrotal Recall) s02

Il Lunedì, solitamente, leggo.
Questa volta però, causa troppi impegni, troppa stanchezza che mi ha fatto crollare dopo solo un paio di pagine davanti a Il Palazzo della Mezzanotte, di libri di cui parlare non ne ho.
Potevo tranquillamente andare a ripescare nel passato, che di libri letti negli scaffali ce ne sono, ma ho colto l'occasione di questa pausa per parlare brevemente di due serie comedy, dedicandogli un piccolo spazio in vista degli In Central Perk Awards, che qua e là potrebbe riproporsi.
Partiamo, allora!

Lovesick - Stagione2



E si parte con un gran ritorno.
Di Scrotal Recall si erano perse le tracce ormai da anni, una prima, brevissima stagione folgorante, in pieno stile british, divertente, leggera e ben fatta.
La storia era semplice: al bel Dylan viene diagnosticata la clamidia, obbligo di chiamare tutte le sue ex, tutte le compagne di una notte, per avvertirle, e far loro fare il test in modo da poterle curare, nel caso di contagio.
Ogni episodio, una storia, che va a scavare nel suo passato ma anche in quello dell'amico di sempre, il buffone Luke, e in quello dell'amica per la pelle, Evie, con cui forse, chissà, c'è di più.
Ci si affezionava subito a questo trio, ai loro bollori e ai loro sentimenti.
Poi, il nulla.
Finché come sempre non è intervenuto l'eroe Netflix, che ne ha prodotto una seconda stagione e ne ha però cambiato il titolo, troppo volgare, forse, quello Scrotal, meglio allora un più innocente ma meno d'impatto Lovesick.
In questi 8 episodi si parla allora meno della clamidia, la si mette da parte per seguire meglio quel sentimento altalenante che passa da Dylan a Evie, si scava più nel passato di Luke, scoprendo i suoi altarini romantici, ci si strugge, insomma.
A qualche episodio, sembra mancare il mordente di un tempo, bisogna ammetterlo, ma è sempre una sferzata di buona comedy, colorata e leggera, non banale, dove le risate sono sincere, così come il coinvolgimento.
Sempre più belli, poi, Johnny Flynn, Antonia Thomas, Daniel Ings, che ci portano velocemente ad un finale che di nuovo fa rimanere in sospeso, con il cuore distrutto.
Speriamo, allora, che questa volta l'attesa per rivederli non sia troppo lunga!

You're The Worst - Stagione 3 


A Jimmy e Gretchen si vuole sempre un gran bene.
Anche quando, dopo quell'esordio altrettanto fulminante, scorretto, diverso, si sono lasciati andare a una stagione inaspettatamente più seria che toccava temi come la depressione.
Ora li ritroviamo, dopo quel "Ti amo" detto con paura ma con sincerità, in un rapporto che è ormai consolidato e praticamente serio, tanto serio da spingere lei ad andare in analisi, seppur per riempire la propria dottoressa di insulti, o di spingere lui al confronto con quel padre che non c'è più.
Ne segue una crisi creativa, una crisi di vita, una separazione, pure, che non sai come possa andare a concludersi.
Nel mezzo, per riempire un po' lo spazio, lo spazio lo si lascia anche ai personaggi complementari, dall'Edgar che cerca il suo posto nel mondo a discapito dell'amore, al duo Vernon-Paul che no, simpatici come gli altri non riescono ad essere. E a dirla tutta, pure il ruolo dell'ex OITNB Samira Wiley non è gestito al suo meglio, apparendo qua e là, non mostrando davvero il percorso fatto da Gretchen.
Ma va bene anche così, la stagione scorre via tranquilla, forse senza il mordente iniziale, ma con lo stesso politically scorrect che tanto ci aveva attratto.
Vanno segnalati, allora, l'episodio dedicato a un'avventurosa Sunday Funday e l'episodio 11 (The Inherent, Unsullied Qualitative Value of Anything) in cui la regia dà il suo meglio con un lunghissimo e bellissimo piano sequenza.
Il finale, arriva inaspettato, e fa male.
Dopo quel "Ti amo", dopo gli scogli superati, ci si aspettava altro.
Cosa combinate, Gretchen e Jimmy?
Cosa farete?
Noi, io, vi vogliamo sempre bene.

4 commenti:

  1. Per me un'ottima terza stagione di You're the Worst, nettamente in ripresa dopo una seconda che non mi aveva convinto granché.
    L'episodio girato in piano sequenza è stato notevole, ma anche quelli dedicati ai personaggi minori non sono stati niente male.

    La seconda di Scrotal Recall, pardon Lovesick, ancora mi manca, ma cercherò di rimediare a breve visto che la prima mi era garbata parecchio. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti garberà parecchio anche questa, un ritorno magari non in grandissimo ma sulla stessa linea d'onda.
      Jimmy e Gretchen mi erano piaciuto parecchio anche l'anno scorso, qui si è un po' discontinui ma li perdono senza problemi, li si ritrova sempre con piacere.

      Elimina
  2. Lovesick lo sto vedendo piano piano. Non che non mi piaccia, ma a lungo andare, per forza di cose, diventa troppo ripetitivo. Però sì, protagonisti adorabili.
    You're the worst, nonostante la regia bellissima, mi ha annoiato spesso. Colpa di Lindsday, che detesto profondamente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lindsay la mando giù a fatica pure io, per fortuna Jimmy e Gretchen compensano.
      Lovesick l'avevo mezza dimenticata per il suo impianto, quindi l'ho divorata senza problemi, certo, mordente ce n'è meno purtroppo.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...