9 aprile 2017

La Domenica Scrivo - Petizioni

Ecco come funziona.
Passo la settimana con le antenne drizzate, leggendo un po' qua un po' là, navigando per siti diversi, guardando film e serie TV.
Trovo qualcosa di bello, di interessante, me lo segno mentalmente.
Quella piccola idea, poi, cresce lentamente, o improvvisamente si collega ad un'altra, ad un'altra ancora, che avevo lasciato riposare e messo da parte.
Ci ragiono su, e finisce che la domenica ne scrivo.
Succede però che in settimane in cui si corre in banca, in agenzia, a lavoro, per negozi di arredamento e si scartavetra e si colora vecchi mobili, tempo per leggere, vagare per l'etere, non ce n'è molto.
L'idea di questa domenica, che non ha attecchito con altre, riguardava le petizioni.
E devo ringraziare Madalyn Murray O'Hair, per questo.
L'idea, era quella di leggere, trovare, vedere petizioni buffe, divertenti, e pensarne di mie.
E un po', in realtà, ne ho pensate.



Tutte riguardanti il cinema, tutte che prevedono l'eliminazione e l'estinzione di scene ormai tutte uguali e troppo piene di cliché come:

- la prova vestiti di un'adolescente in crisi, tutto a ritmo di musica e di sguardi pieni di sconforto del lui di turno

- le lotte con la vernice di una coppia innamorata nel suo primo appartamento da condividere

- l'uso sbagliato e pasticciato del frullatore, che mi chiedo sempre quanto si usi il frullatore in America e se non ci sia un altro modo per farci capire che sì, quel personaggio è proprio buffo

- l'incidente stradale con macchina da presa in auto, momento toccante, altra auto che arriva improvvisamente dal lato.
(qui, vorrei ringraziare il regista di 17 anni e come uscirne vivi per aver lievemente modificato questa tipica scena)

Ma mi fermo già.
Poca roba, lo so. Poco ispirata, soprattutto.
Potrei continuare con petizioni per vedere obbligatoriamente certi film, e quello della settimana è senza ombra di dubbio il documentario educativo ed ecologista ma per niente retorico o noioso Domani, ma risulterei io noiosa, io poco motivata.

E allora, l'ultima petizione che mi sento di proporre, oltre a quella di avere più tempo, meno beghe burocratiche -cosa che dalla prossima settimana dovrebbe succedere-, allora dicevo, l'ultima petizione è per non scrivere per forza, non per riempire un giorno vuoto sul blog.
Prendersi tempo, per riposare, dormire, ricariche le batterie mentali.
E lo so che dico il contrario di quello che sto facendo, che con questa petizione scritta, sto scrivendo, sto riempiendo una pagina vuota, ma a volte non avere idee, significa averne almeno una: quella di non averne, e che si ricollega improvvisamente a quella lasciato in stallo, ad altre appena abbozzate, e finisce che pure questa Domenica la si passa scrivendo.
Poco e male, ma scrivendo.

6 commenti:

  1. Ti capisco. Io sono stanca e non ho voglia di scrivere il blog. Però ci penso al mio blog che sta lì, con tutte le rubriche che ho inventato e che ogni mese non riesco a scrivere. Però preferisco scrivere con entusiasmo, piuttosto che stare ferma al PC struggendosi sul perché non riesco a buttar giù un pezzo come si deve.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che il mio discorso era più sulle Domeniche Scrivo, in cui in mancanza di tempo e capacità mentali, la fatica è doppia. Per fortuna, per film e serie TV l'entusiasmo è sempre alto, ma sì, capisco il bisogno di staccare e ricaricarsi... quando ci vuole, ci vuole.

      Elimina
  2. Ah, la petizione sull'eliminazione dei cliché al cinema è sacrosanta.
    Anche quella tua, sui post stanchi e poco ispirati. Che però, ti dico la verità, non trovo mai non necessari. Alla fine siamo sempre noi, ci si incrocia come in un unico paesone, e fa piacere leggersi e scriversi. Anche se, certi giorni, da dire non si ha molto. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche se non avevo molto da dire, l'ho detto, però il mio esamino di coscienza me lo sono fatta e se una futura domenica sarà senza idee, la lascerò in bianco, sei avvertito ;)

      Elimina
  3. Senza dubbio alcuno sottoscrivo, sia all'eliminazione dei cliché sia ai tuoi dubbi sul blog, a volte è meglio non scrivere o dire niente ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è riferito a questo post, vero? Chè alla fine qualche idea e qualche spunto è venuto fuori, in extremis ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...