5 settembre 2017

Venezia 74 - Gatta Cenerentola

Piccoli miracoli italiani.
Se già fare film di animazione nel nostro Paese facile non è, figurarsi fare un film di animazione per adulti, in tutto e per tutto.
Alessandro Rak e soci sono però la dimostrazione che con impegno questo è possibile, e messe da parte filosofie e poesie più di nicchia de L'arte della felicità, ci portano nella Napoli più pulp, quella fatta di boss della malavita, di femme fatale, di sangue, droga e raggiri.



Una moderna fiaba di Cenerentola, dove la Cenerentola in questione è un'orfana, il padre, Basile, era il responsabile di un songo: una nave della scienza e della memoria, attraccata al porto di Napoli, che tutto registra, tutto riproietta. Troppo, per una Napoli che non è pronta al futuro, troppo per chi su quella nave vuole lucrare. Così Basile muore, Cenerontola -che poi si chiama Mia- viene presa in tutela dalla donna del boss, e gli anni passano. A non dimenticarla, la sua guardia del corpo, che si infiltra per cercare di fermare gli affiri loschi e lo spaccio di quel boss, alla vigilia delle sue nozze.
L'anima napoletana c'è così tutta, tra canzoni popolari e decisamente orecchiabili, che irrompono nella scena diventando protagoniste, e personaggi di contorno buffi e esagerati, esagerazione stessa nelle parole e nei gesti, con un boss irrefrenabile che fa da opposto a quel Primo Gemito dal cuore d'oro.
I disegni sono quelli spigolosi e eccessivi lì nelle curve, quasi da manga, dai colori forti, e dai toni caldi, ma per una volta, è la storia che davvero prende, interessa, una storia dove la memoria gioca un ruolo fondamentale, dove passato e presente si intersecano alla perfezione.
Nota di dovere a doppiatori d'eccezione come Alessandro Gassmann, Maria Pia Calzone e Massimiliano Gallo.
Un piccolo miracolo dell'animazione, insomma, che strizza l'occhio al cinema di genere mai così in forma tra un Suburra e un Gomorra, e che ben si siede al suo fianco.

5 commenti:

  1. Per ragione di tesi, di Gatta Cenerentola conosco molto bene l'opera teatrale di De Simone. Sono curiosissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, nella fretta mi era sfuggito non fosse sceneggiatura originale, mi dirai se é fedele perché certe trovate mi son proprio piaciute!

      Elimina
  2. Mi sa che su Madre! e su questo potrei avere opinioni opposte alle tue. Non so perché, ma ho come questa impressione. :)
    Staremo a vedere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mah.. Su madre! forse, qui potresti stupirti, pulp il giusto, divertente e ben fatto. Ti aspetto al varco ;)

      Elimina
  3. Un vero gioiellino. Bellissima sorpresa!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...