18 aprile 2018

Molly's Game

Andiamo al Cinema

C'è Aaron Sorkin, e quindi ci sono parole e parole e parole ancora a costruire una sceneggiatura che non scivola mai, mai non sbava, perfettamente strutturata su quelle parole, sul loro ritmo, con aneddoti, esempi, battute, piene di intelligenza.
C'è Jessica Chastain, e quindi c'è una prova d'Attrice con la A maiuscola, calata in un ruolo non facile di una donna non facile e non particolarmente simpatica, con una sua morale pur lavorando nell'immoralità, aiutata in questo caso da aver vestito panni simili nell'altrettanto solido -ma più politico- Miss Sloane.
C'è una storia, quella di Molly Bloom, che sembra già un film, ed invece è vera. La storia di una campionessa di discesa libera che dopo un grave infortunio si prende una pausa dagli studi in cui eccelle, e diventa in poco tempo la regina delle bische clandestine.



Ma non pensate a locali malfamati, mal illuminati, in cui sguazzano tipacci loschi, pensate al lusso più sfrenato, a catering e bibite che costano quanto una puntata a quel tavolo di poker (sì, milioni di dollari), pensate a giocatori esperti e meno esperti, stelle di Hollywood (con Michael Cera che rappresenta il mix finzionale dei reali DiCaprio, Maguire, Affleck), stelle del football, imprenditori e appassionati. Tutti riuniti al suo cospetto, alle redini di Molly, che per gestire il tutto cede alla droga, cede all'illegale, e finisce così ricattata, picchiata, accusata da mafia e FBI.
C'è questa storia, sì, e poi ce n'è un'altra, un presente altrettanto importante, con Molly alla ricerca di un avvocato che possa rappresentarla e difenderla, mentre cerca di rimettersi in sesto, in piedi, di fare chiarezza sul suo passato e su cosa l'ha portata fin lì. Cosa potrebbe ora salvarla.
Quell'avvocato è un Idris Elba altrettanto bravo, quel passato è un padre ingombrante come Kevin Costner, che ha vessato Molly sulle piste da sci, che l'ha abbandonata poi, assieme al resto della famiglia.


C'è tutto questo, e c'è ovviamente anche un ritmo studiatissimo e calibrato al millesimo che mai lascia respirare, o annoiare, ci sono dialoghi incisi su pietra, non solo su carta, c'è ovviamente il fascino del poker, delle partite giocate, vinte e perse, e c'è l'intimità, la persona vera dietro la maschera, dietro l'apparenza, il potere e le fragilità.
C'è una nomination all'Oscar sacrosanta per la sceneggiatura, e una mancata per una Chastain che non sbaglia un colpo, anche se quest'anno come non mai la competizione era altissima.
C'è tutto questo, e anche di più (penso all'inizio perfetto, e al finale -su quella panchina al parco- che manda in brodo di giuggiole un'amante delle parole come me), e quindi, con tutto questo, non puntereste pure voi su Molly's Game, sul gioco di Molly per vincere facile facile una visione che non si dimentica?
E allora, fatelo.
Rien ne va plus, les jeux sont faits.


Regia Aaron Sorkin
Sceneggiatura Aaron Sorkin
Musiche Daniel Pemberton
Cast Jessica Chastain, Idris Elba, Kevin Costner, Michael Cera
Se ti è piaciuto guarda anche
Voto: ☕☕☕/5

6 commenti:

  1. Ero titubante, fra il tema e la durata, ma hai definitivamente fugato i miei dubbi. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono le parole e le sceneggiature che piacciono a noi, veloci e piene di ritmo, mettici poi la splendida Jessica e ogni dubbio viene fugato ;)

      Elimina
  2. Film davvero molto carino, soprattutto per la presenza della Chastain. Secondo me si ammoscia un po' sul finale ma per il resto è tanta roba!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna io sono rimasta ben incollata alla visione, le parole di Sorkin hanno questo effetto su di me, tanta roba davvero :)

      Elimina
  3. Anche per me un film che ha in mano tutte le carte in regola per sbancare: grande sceneggiatura (anche se come regista Sorkin può ancora migliorare), grande storia, grande attrice protagonista.
    Peccato che invece stia passando più inosservato di quanto meriterebbe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come al solito i programmatori italiani decidono di far uscire un titolo così dopo gli Oscar, in chiusura di stagione... valli a capire!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...