30 gennaio 2015

Unbroken

Andiamo al Cinema

Salta immediatamente all'occhio come mai come in quest'anno le biografie vadano forte in quel di Hollywood e dintorni.
In un'industria che sembra aver perso il piacere di inventare, ci si affida a uomini veri, alle loro vite da raccontare e far conoscere, un po' per arricchire il pubblico con biografie storiche di importanti personaggi famosi e non, un po' perchè la scritta "tratto da una storia vera" ha sempre il suo fascino, e mette subito quel pubblico sull'attenti, in simbiosi con quanto vedrà sullo schermo.
All'appello di questo filone risponde anche Unbroken, tratto dalla biografia scritta da Laura Hillenbrand che ci racconta di Louie Zamperini, un uomo, anzi, un ragazzo, che in 5 anni della sua vita ha senza troppi dubbi vissuto più intensamente e più pericolosamente di intere esistenze.
Lo conosciamo ragazzo ribelle, dedito a piccoli furtarelli, additato dal tutti nel suo paese per il suo carattere difficile e per quell'origine, italiana, non vista di buon occhio.
Ma una cosa Zamperini la sa fare bene: scappare, correre a più non posso per seminare i vari bulli o la polizia stessa. Questa sua capacità diventerà la sua salvezza, con il fratello a fargli da spalla, Louie riuscirà a battere il record nazionale universitario nella corsa e arrivare fino alle Olimpiadi del 1936, in Germania, sotto le effigi naziste.
La tappa successiva sarebbe dovuta essere Tokyo, nell'edizione che lo avrebbe dovuto far brillare dopo quel record agguantato come in un sogno del giro più veloce.
Ma il condizionale è d'obbligo, perchè non solo Loiue non riuscirà ad andare alle Olimpiadi, ma le Olimpiadi stesse verranno cancellate. Causa: la guerra.
Louie si arruola, soldato semplice, impegnato in combattimenti aerei, non smette di allenarsi, diventando una mascotte per la sua sezione.


Nulla di speciale, dite?
Uno sportivo che si fa soldato, che va in guerra.
Vero.
Ma Louie in questa guerra sembra avere la sfortuna addosso.
[SPOILER]
Primo: il suo aereo precipita in pieno Oceano Pacifico. Lui e altri due compagni gli unici superstiti.
Secondo: 47 giorni di mare, dove imparare a sopravvivere tra sete, fame e la mente che rischia di andarsene.
Terzo: quando la salvezza sembra certa, questa salvezza arriva dai giapponesi, dai nemici, che lo tengono prigioniero.
Quarto: giorni di prigionia e di vessazioni, in mezzo al nulla, con la violenza che si fa oltre che fisica anche psicologica.
Quinto: viene trasportato nel campo di prigionia di Ofuna, dove però diventa il capro espiatorio della guardia Watanabe detto "L'uccello", che lo umilia e lo picchia ad ogni occasione (e che noi vorremmo tanto umiliare e picchiare a sua volta, tanto è maligno).
Sesto: quando la liberazione sembra vicina, tutto il campo viene fatto sgombrare, trasferito nei lavori forzati nella miniera di carbone dove la sua salute viene ancora più messa a rischio e dove le vessazioni non finiscono.
Essere una star, essere un atleta olimpico, è diventata la sua colpa, il suo mirino puntato addosso.
[FINE SPOILER]


La storia di Louie ci viene raccontata da Angelina Jolie, alla sua seconda prova da regista, che si annulla dietro la macchina da presa per lasciare spazio a una storia che ha dell'incredibile, alla forza di un uomo che sembra per l'appunto uscito da un film.
Ad interpretarlo è un inedito Jack O'Connell, conosciuto da queste parti per il suo ruolo da spaccone dal cuore tenero in Skins, che si fa irriconoscibile (anche fisicamente), dimostrandosi credibile anche laddove la regia e la storia stessa si fanno troppo calcate.
Viene quindi da chiedersi perchè una prova simile non sia all'interno della cinquina dell'Academy, visto come aderisce alla perfezione ai canoni solitamente premiati.
Ma tant'è, Unbroken concorrerà alla notte degli Oscar solo nelle categorie del miglior sonoro e della miglior fotografia, altamente realistica e fedele, capace di far vivere in mezzo al mare come nello sporco e nel dolore della prigionia.
Quello che forse non ha convinto i giurati, e nemmeno la sottoscritta, è quanto la vicenda sia per l'appunto portata ai suoi limiti, quanto la figura di Louie sia esaltata e resa cinematografica, con frasi e dialoghi ad effetto, con svolte che sembrano scritte appositamente da uno sceneggiatore.
La commozione, naturale, arriva solo nel finale, quando le didascalie mostrano il futuro, il vero Louie, correre e vivere.
Prima si è solo in empatia col suo dolore, ma spossati per una durata decisamente dilungata che, sì, annoia. E dispiace dirlo, dispiace perchè quel "tratto da una storia vera" è sempre lì a giudicarci e a ricordarci quanto quello che vediamo sia realmente accaduto.
Ma, Angelina cara, per convincerci bastava anche molto meno.


14 commenti:

  1. Nonostante la lunghezza, potrebbe piacermi. Io sono di gusti semplice e, soprattutto in film come questo, cerco l'emozione facile. I biopic degli Oscar non sempre hanno funzionato, sotto quel punto di vista, magari questo? Ai miei, che l'hanno visto di recente, è piaciuto abbastanza, nonostante qualche dilungaggine di troppo, mi dicevano, nella parte del naufragio. Vedrò, vedrò.
    Ps. Ma sai che io non lo avevo riconosciuto l'attore di Skins?!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qualche dilungaggine di troppo c'è un po' in tutto il film, e sarebbe l'unico difetto. Per il resto, tra interpretazione e regia, si è nel classico.
      Lui, ti dirò, non lo avevo riconosciuto nemmeno io, crescere gli ha fatto bene ;)

      Elimina
  2. l'ennesimo biopic cinematografico dall'inizio del 2015...
    però mi ispira molto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ce ne saranno almeno per i prossimi mesi! Chi li ferma più ad Hollywood nella razzia di biografie che stan facendo?

      Elimina
  3. Al momento non ho davvero nessuna voglia di vederlo, mi ispira davvero poco...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ispirava poco anche me... si lascia vedere, senza troppi entusiasmi, con più di qualche momento di noia... Diciamo che per fortuna c'è di meglio in sala da recuperare!

      Elimina
  4. A me è piaciuto, anche se è stato stroncato dalla critica. Ho letto perfino che forse non è stato nemmeno girato da Angelina, non so...
    Anche a me Watanabe è sembrato odioso, per cui complimenti all'attore, che peraltro è un cantante supercool!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di foto in rete e sui giornali di lei che dirige ce ne sono, quindi mi fido e mi complimento, avrà calcato la mano e non avrà fatto chissà quali prodezze, ma la storia da raccontare era classica e la sua regia lo è stato ancor più. E per questa volta è un pregio, anche se un po' un limite.

      Elimina
  5. Strano percorso per un film la cui sceneggiatura dopo alcune stesure poco riuscite, sarebbe stata rivista dai fratelli Coen. A quanto pare il loro tocco non si vede!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pensa, mi ero completamente dimenticata di farne riferimento sulla recensione, immagina quindi quanto sia assente il tocco dei Coen nella sceneggiatura e nel respiro del film...

      Elimina
  6. io credo che invece gli voglio dare un'occhiata...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un'occhiata gliela si dà senza problemi, ma l'entusiasmo prima e dopo non si sente...

      Elimina
  7. Angelina, torna a recitare...
    Ehm, come non detto. Ritirati proprio! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se questo è passato in sordina e senza entusiasmi, sono molto più curiosa di vedere By the sea, che sulla carta sembra molto più intimo, diverso, interessante.
      E non lo dico solo per Brad.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...