1 dicembre 2021

The French Dispatch

Andiamo al Cinema

In primo Piano

Ogni film di Wes Anderson è un evento.
Sarà per l'aurea che lo circonda, sarà per i cast che riesce a metter su, sarà per quella sua visione così personale, per quel suo stile unico che ormai tutti cercano di imitare.
L'evento, si è tenuto a Cannes.
Sfortuna per me, che lo speravo nel ricco carnet di Venezia.
Il cast in questione prevede la presenza di Benicio del Toro, Frances McDormand, Jeffrey Wright, Adrien Brody, Tilda Swinton, Timothée Chalamet, Saoirse Ronan, Léa Seydoux, Owen Wilson, Mathieu Amalric, Lyna Khoudri, Bill Murray, Elisabeth Moss, Willem Dafoe, Edward Norton, Christoph Waltz e Anjelica Huston. 

30 novembre 2021

Scene da un Matriomonio - Il Confronto

Presentato a Venezia, Scene da un matrimonio versione 2021 richiedeva pazienza.
Non solo quella di passare 285 minuti in una scomoda poltroncina nella sala in cui era relegato, ma anche di prepararsi, con l'originale del 1973 da vedere, per capire quanto si è adattato, quanto si è omaggiato.
Un confronto che si fa così inevitabile e che mi ha spinto a recuperare quel titolo di Bergman che spesso si cita senza sapere.
L'ho visto però nel suo formato ridotto, nella sua versione cinematografica che condensa i 281 minuti della miniserie televisiva, in 167 minuti.
Mica pochi, comunque.

Legenda

🍓 = versione del 1973
 
🍷 = versione del 2021


LA STORIA

🍓 Sposati da 20 anni, due figlie, Marianne e Jonah sembrano la coppia perfetta.
Lo sembrano agli occhi di intervistatrici e di amici litigiosi, ma in realtà lui ha un'amante, lui non sopporta l'insicurezza, la poca passione di lei.
La lascia, la torna a trovare, mentre lei inizia a fare terapia e ad avere altre storie, la rivuole e alla fine firma le carte del divorzio, nel sangue. 
Infine, tornano amanti.
Una storia in 5 tappe, non facile da digerire, con due personaggi altrettanto difficili e lontani ma che raccontano la crisi di coppia, del focolare, in quegli anni '70 così rivoluzionari.

29 novembre 2021

Il Lunedì Leggo - Transiti di R. Cusk

Al resoconto di un divorzio, seguono i transiti di una nuova vita. 
Che sta tutta in una casa, comprata e ora da ristrutturare, in vicini impegnativi e conflittuali, in operai che sventrano quella casa che si fa cantiere di solitudine, con i figli dal padre che comunicano attraverso telefonate sempre più preoccupati e preoccupanti. 
Lei, Rachel Cusk, resta ancora una volta sullo sfondo.
Ancora una volta a parlare sono le vite degli altri, di altri scrittori con lei in conferenze dove è difficile prendere la parola, amiche che al pari della sua casa sono sempre con i lavori e relazioni in corso, studentesse che dopo anni di lavoro cercano la forma per essere pubblicate e pure quegli operai, con le loro storie di immigrazione e integrazione a trovare spazio.

27 novembre 2021

Cabaret

#LaPromessa2021

Ah, quanto mi piacciono i musical!
Si era capito, in questa settimana a tema?
Si era capito nella presenza fissa ad ogni Promessa di un musical di quelli classici, di quelli che hanno fatto la storia?
Bene, tanto per essere chiari.


Cabaret mi tormentava da qualche anno, dalla visione della miniserie molto seriosa Fosse/Verdon in cui se ne mostrava il dietro le quinte e dalla miniserie Halston, in cui Liza Minelli ne mostrava il trucco, il parrucco, il successo.
E io, di Cabaret, cosa sapevo?
Poco niente, appena la sua canzone più famosa e che dà il titolo al film:

Life is a Cabaret, old chum,
Come to the Cabaret!

Che fosse ambientato negli anni '30 a Berlino, che mostrasse i primi segni del nazismo nella sua violenza, che fosse ambientato in un cabaret losco e decisamente aperto, mica lo sapevo.
Come non sapevo fosse così avanti nei tempi!
Che oggi siamo ancora tristemente a celebrare bellissimi spot sull'amore universale e bellissimi film sull'aborto, quando già nel 1972 Bob Fosse raccontava di un amore a tre, di un amore omosessuale, di una donna traviata che decide di abortire perché quel figlio non lo amerebbe, limiterebbe la sua carriera, finirebbe per odiarlo e farsi odiare.

26 novembre 2021

Annette

Andiamo al Cinema

Leos Carax alla regia di un musical.
E già sai che avrai attenzione particolare per i colori, per i movimenti, per il ritmo. 
Con trovate al limite dell'assurdo che nella fattispecie consistono in una bambina dalle fattezze di marionetta, in evidenti green screen come ai vecchi tempi del cinema e con i personaggi divisi chiaramente per colore: il giallo e il rosso del calore per lei, il verde dell'invidia per lui.

25 novembre 2021

Le Novità al Cinema della Settimana

Oggi è il mio compleanno e lo passerò.. al cinema.
Non a vedere gli ultimi, splendidi, film in uscita, ma a riscoprire uno di quei colpi di fulmine che mi hanno spinto a studiare cinema: Fino all'ultimo respiro.

Un amore quello per il cinema che nemmeno a 33 anni suonati svanisce, soprattutto quando nello stesso giorno esce un titolo promettente e un altro che il cuore me l'ha già spaccato:

Encanto
La Disney sa sempre cosa regalarmi e così pure quest'anno mi offre un nuovo, coloratissimo mondo.
Siamo nel Sudamerica, quello magico, quello di una famiglia matriarcale che promette un nuovo… incanto.

È stata la mano di Dio
Solo in alcuni cinema selezionati (la lista è QUI), poi dal 15 dicembre su Netflix.
Il consiglio, nonostante le lacrime che farà versare e il cuore che spezzerà, e di cercare, spostarsi, goderne nello schermo più grande.
Sorrentino se lo merita.
Ne ho scritto QUI

Sotto le Stelle di Parigi
Una fiaba natalizia in una Parigi dove l'umanità non sembra di casa.
Una senzatetto allontanata dalla famiglia, trova in un bambino di 8 anni l'angelo da aiutare e da cui farsi aiutare.
Buonismo, sì, ma di qualità d'oltralpe.

La Festa Silenziosa
Thriller argentino su una notte prima del matrimonio che non va come previsto, per una ragazza in cerca di risposte.
Revenge al femminile, ma senza il pizzico giusto per incuriosire.

Resident Evil: Welcome to the Racoon City
Un reboot francamente non richiesto.
Anche se a sostituire Milla Jovovich c'è Kaya Scodelario.
Per fan accaniti.

Una famiglia mostruosa
Classica commedia all'italiana che sbeffeggia La famiglia Addams.
In ritardo rispetto ad Halloween, cerca di farsi natalizia.
Anche no.

24 novembre 2021

Tick, Tick... Boom!

Andiamo al Cinema su Netflix

Tick, Tick, Tick, Tick, Tick, Tick
Lo senti il ticchettio del tempo che passa?
Lo senti a ricordarti che il tempo va avanti, e che fa male, e che sei indietro con la tua vita?
È il 19990 e fra poco compi 30 anni, e cos'hai combinato?

Tick, Tick, Tick, Tick, Tick, Tick
Trent'anni, sì, che fanno paura.
Anche se a scriverne sono io, che a breve (domani) dai miei trent'anni ne saranno passati tre, che sembrano pesare come dieci.
Invece, Jonathan Larson, sente il ticchettio ad incombere sui suoi sogni, sulla sua carriera, che non decolla.
Scrittore, compositore, ha un musical nel cassetto a cui lavora da 8 anni, e forse, finalmente, potrà andare in scena.

23 novembre 2021

In Breve: Strappare lungo i bordi - Only Murders in the Building - The Baby-Sitters Club S02

La serie del momento, la serie per i patiti dei podcast, la serie che avrei voluto al tempo delle medie.
Sono tre, sono diverse, ma sanno essere tutte profonde e soprattutto ben scritte.
Eccole qui, in breve.

Strappare lungo i bordi


In Breve: la prima serie animata del fumettista Zerocalcare che dopo aver conquistato anche i non fumettari e essersi fatto conoscere con i brevi video animati a Propaganda Live in piena pandemia, è stato messo sotto contratto da Netflix.
Ne escono 6 episodi di appena 20 minuti, in cui il suo stile pop, il suo citazionismo e il suo passare si storia in storia rimangono, ma ormai lo conosci bene e già lo sai che sotto alle lamentele di una generazione, sotto i ricordi di un'infanzia, c'è un viaggio, c'è una meta, che farà male.