26 maggio 2013

Helena Bonham Carter Day - La Dea dell'Amore


Questo mese deve ancora finire e già si raddoppia con le celebrazioni! Viste le poche donnine finora festeggiate, dopo Katharine Hepburn oggi è il turno di Helena Bonham-Carter. La moglie del (si spera ancora) maestro Tim Burton che con lui è l'incubo peggiore dei parrucchieri di metà mondo, compie oggi la bellezza di 47 anni. Visto che di lei in questo blog si è parlato già in Les miserables e Il discorso del re e nelle fatiche del marito Dark shadows e Big fish in cui pare proprio non possa mancare una particina a lei riservata, per celebrarla sono andata a rispolverare La dea dell'amore.
Film minore nella lunghissima filmografia di Woody Allen, in cui c'è da dire che la nostra Helena ha un ruolo un po' marginale all'interno della vicenda. Gli occhi di tutti sono infatti catalizzati dall'allora astro nascente Mira Sorvino (che non è poi così decollato) e dal suo strano rapporto con Woody.


L'idea di partenza è infatti quella di una moderna tragedia greca dove una moglie desidera un bambino ma

non ha tempo per i fastidi della gravidanza e decide per l'adozione. Il marito inizialmente in disaccordo finisce per accettare la cosa finchè non gli balena la curiosità di scoprire  chi è la madre di suo figlio, scoprendo una ragazza parecchio svampita, aspirante attrice ma per ora solo famosa nel mondo hard e nel giro della prostituzione. Proprio come una tragedia all'Edipo finirà per innamorarsene cercando di cambiare al meglio la sua vita.

Tralasciando i richiami che potrebbero sorgere alle vicende personali di Woody, il film si compone delle sue classiche freddure e sproloqui senza fine, di situazioni al limite dell'assurdo e di tanta confusione, intervallando il tutto a divinità greche e cori che richiamano vicende classiche e sbeffeggiano il protagonista. L'ilarità è parecchia, ma vuoi per il doppiaggio francamente insopportabile, La dea dell'amore non ha lo smalto dei capolavori che Woody ha saputo confezionare.
La nostra Helena, poi, moglie indaffarata che finisce anche per essere fedifraga e pentita non ha grosso spessore, ma è comunque un faro che mette in luce le insicurezze del marito e stereotipo delle donne in carriera newyorchesi. Se la cava, insomma, ma forse la scelta sarebbe stata migliore per un quanto mai improbabile Mira Sorvino Day.



Hanno celebrato Helena con film migliori:

Il Bollalmanacco di Cinema - Grandi Speranze
La Fabbrica dei Sogni - La Fabbrica di Cioccolato
Montecristo - Novocaine
Movies Maniac - Alice in Wonderland
Scrivenny - Il Discorso del Re
The Obsidian Mirror - Sweeney Todd
Triccotraccofobia - Frankenstein di Mary Shelley
White Russian Cinema - Fight Club

Per vedere le puntate precedenti invece:

Nicolas Cage Day
John Travolta Day
Bruce Willis Day
Jack Nicholson Day
Katharine Hepburn Day

14 commenti:

  1. questo di allen mi manca.
    la bonham carter non sapevo manco fosse presente...
    d'altra parte non mi sono mai interessato molto alla sua carriera e ho boicottato clamorosamente questa celebrazione :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ormai credo siano pochi gli attori che non hanno lavorato con Allen...
      Filmografia parecchio burtoniana per Helena, e qui non brilla troppo...

      Elimina
  2. Quindi in poche parole tu non lo consiglieresti^ Oppure ho capito male? Ad ogni modo Buon HBCD!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo si può vedere perchè ridere fa ridere ma Allen ha fatto molto di meglio!
      Unico consiglio: magari in lingua originale, la Sorvino dopo un po' urta i nervi doppiata!

      Elimina
  3. Uno dei film di Allen che ancora mi manca, anche se, a quanto leggo, non pare così clamoroso.
    Rimanderò ulteriormente. ;)

    Buon Helena Day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non fondamentale, visto il passato e il futuro (un po' più a singhiozzo) del regista... Può aspettare!

      Elimina
  4. io lo vidi al cinema e mi piacque , anche parecchio...in confronto all'Allen di oggi questo film è di lusso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Midnight in Paris per resta un gioiellino! Vero che se poi si pensa a Roma viene freddo.... questo è un buon film, ammazzato dal doppiaggio e parecchio divertente ma non dei migliori per me!

      Elimina
  5. Non amando particolarmente Allen questo film me lo sono perso. Rimedierò!!
    E buon HBC Day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da amante di Allen ti consiglierei di recuperare prima altro :) Si ride comunque tanto, dai!

      Elimina
  6. a me era piaciuto un bel po'. l'idea del coro da tragedia greca mi faceva scompisciare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quelle con il coro sono le parti migliori e pure a me fanno scompisciare... il resto un po' meno, troppi sproloqui e Sorvino ansiolitiche!

      Elimina
  7. Accidenti questo non l'ho visto! Devo recuperarlo perchè Allen mi piace! Ma ce l'avete tutti coi suoi capelli?! Buon HBC Day!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... penso ce l'abbia più lei con i suoi capelli visto come si acconcia :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...