25 giugno 2013

Broadchurch

Quando i film si fanno ad episodi.

La fine misteriosa di una giovane vita come in The killing e in Twin Peaks
La scoperta di altarini in un piccolo paesino, dove tutti diventano sospettabili sempre come in The Killing e in Twin Peaks.
Una coppia di investigatori dalle vite complicate, ancora una volta come in The killing.
Uno di questi (omonimo poi) con un caso irrisolto alle spalle e problemi di salute come in The following.

Potrebbe sembrare un'altra serie crime che nulla ha da aggiungere a quelle citate, invece la realtà è ben diversa.
Il motivo è, come già ho scritto in passato, che: British do it better!
Sì, esatto, gli inglesi sanno come accattivarsi il pubblico, come da una storia già nota tirar fuori il meglio costruendo una serie capace di appassionare e far riflettere.


Broadchurch parte infatti dal ritrovamento del piccolo Danny Latimer nella spiaggia della città per indagare e scandagliare la vita di ognuno. Incaricati alle indagini sono il nuovo arrivato e tormentato Alec Hardy e la rispettata da tutti, moglie e madre innamorata, Ellie Miller, amica della famiglia Latimer. Con la morte del ragazzo che fin da subito non appare un suicidio, parte così anche la caccia ai sospetti che va a scavare nel passato misterioso di alcuni abitanti di Broadchurch e nei vizi di altri, sconvolgendo così una comunità unita che deve affrontare scandali impensabili. Di questa macchina del fango si fa ovviamente capo la stampa, sia locale che nazionale, che diventa giudice e occhio delle paure delle persone, mentre la polizia brancola nel buio. Ci vorranno infatti quasi due mesi per sgarbugliare i dubbi, mesi durante i quali più volte le carte verranno mescolate e lo stesso spettatore verrà sviato.
Il punto di forza sta però soprattutto a livello tecnico. Se la fotografia è sopraffine, melanconica e fredda quanto basta, gli attori capitanti da un aitante David Tennant, riescono a non scadere mai nella lacrima facile o nel vittimismo (un merito va anche alla bella Jodie Whittaker). Con la sua ambientazione scozzese, dove l'ampia scogliera divide  la cittadina dal mare, Broadchurch si inserisce a pieno diritto nelle serie inglese di alta manifattura che come per Black Mirror non risparmia i media dalle loro colpe, creando suspance e rabbia per lo svolgersi dell'intera vicenda.


Tutto bene, quindi? Nì. Perchè in realtà il finale porta sì ad un colpo di scena di quelli pesanti e impensabili, che collima con la costruzione del personaggio costruito fino ad allora (solo 4 membri del cast conoscevano fin dall'inizio delle riprese l'identità dell'assassino) ma soprattutto non aderisce alla soluzione che io avevo ipotizzato. Delusione personale a parte, la soluzione non riesce comunque a convincere appieno, distruggendo in parte le ipotesi createsi fin dall'inizio, a volte molto più convincenti.
Nonostante la conclusione repentina del caso Latimer -solo 8 episodi- Broadchurch tornerà per una seconda stagione, che potrebbe fare ancora più luce sul caso irrisolto che tormenta Hardy.

8 commenti:

  1. Quindi non ti ha convinta totalmente? Io devo dire che seppur non era un granché originale mi ha colpito molto emotivamente. Avevo anche capito il finale qualche puntatina prima quindi tutto è andato secondo mie previsioni. Poi va beh sono una fangirl scatenata ahahah XD Di Tennant, bravissimo *-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi ha convinta sì, ma mi ha spiazzato troppo nel finale. Cattivo troppo impensabile e motivazione troppo "semplice". Tennant è davvero un bel tipo, inizierò a idolatrarlo anch'io -spero- una volta arrivata a Doctor Who!

      Elimina
  2. grande serie!
    e il fatto che la soluzione che avevi pensato non sia la stessa degli autori, non la vedo come una cosa negativa. significa che hanno fatto un buon lavoro di depistaggio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche troppo però, io ero convintissima fosse... come posso dire senza spoiler.... sempre uno della famiglia ecco.
      Vedremo che combineranno alla seconda stagione!

      Elimina
  3. Mi è piaciuta moltissimo, il finale proprio non me l'aspettavo, una serie davvero umana, la seconda stagione chissà di cosa parlerà...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spero in un approfondimento del caso passato di Hardy perchè ancora non si è capito molto e ci starebbe!

      Elimina
  4. Anche per me è stato positivo trovarmi con un finale totalmente inaspettato (anche se alla settima puntata lanciano un piccolo indizio!). Vuol dire che gli autori hanno lavorato davvero bene, riuscendo a tirare fuori qualcosa di nuovo da una storia che rischiava di apparire trita e ritrita ;).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già solo a livello tecnico la serie riesce a tirar fuori le unghie... in quanto al finale, l'indizio lanciato nella settima puntata sembrava avvalorare la mia ipotesi più che la loro, uffi. Me ne farò una ragione prima o poi :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...