13 maggio 2014

C'era una Volta - Stagione 3

Quando i film si fanno ad episodi

Come per Revenge, anche Once Upon a Time nella sua seconda stagione aveva abbondato di sbandate e ripetizioni, facendo calare la magia in quel di Storybrooke.
Fortunatamente, già con la prima parte di questa terza annata, le cose avevano ripreso il loro corso grazie ad un'ambientazione efficace come Neverland e un cattivo d'eccezione come Peter Pan che avevano saputo creare gli intrighi giusti per far riaffiorare l'antico splendore. Il finale di metà stagione aveva poi lasciato a bocca aperta, con quell'happy end chiaramente finito male che vedeva tornare in campo la salvatrice.


Ricominciando da qui, questa seconda parte mette nuove carte in tavola, capendo forse che contare sulle forze dei personaggi già esistenti non basta proprio.
La strega cattiva dell'ovest diventa così il nuovo villain, con un grado di parentela con qualcuno del cast, ovviamente, visto che ormai collegare le varie favole è peggio di Beautiful!
Se si tralasciano queste basi un po' trash e si va a seguire la storia, però, si trovano tutti gli ingredienti di una magia magari non ai livelli della prima stagione ma comunque in forma: nuove alleanze, doppi giochi e soprattutto amori freschi fanno la loro parte, entrando a pieno diritto nel cuore degli spettatori. E a dare il tocco in più è sempre l'espediente di lostiana memoria dei flashback, utili non solo a capire e a connettere ma molte volte più interessanti del presente stesso, visto che in questo caso vanno a coprire un anno mancante.


Qualche neo comunque c'è, e non parlo degli effetti speciali non così speciali a cui ormai ci si è abituati, ma di qualche ripetizione e di qualche personaggio di troppo come i sempre pucciosi Biancaneve e Azzurro, o le indecisioni senza senso di Emma stessa. Grazie al cielo a ravvivare il tutto c'è uno con il fascino di Hook, che con le sue battute ironiche che mai come in questi 10 episodi abbondano, dà ritmo alla sceneggiatura.
Arrivati ad un prefinale carico di happy end, tornati nella foresta incantata per un nuovo happy end ricco di romanticismo e sbaciucchiamenti, si poteva anche finirla qui. Invece, con un colpo di scena che non solo spezza cuori ma presenta un attualissimo e nuovo (ma va!) protagonista, chissà cos'altro può succedere a Storybrooke, e chissà quando i piccoli scricchiolamenti che qui e là si sentono, diventeranno fragorosi crolli.
Forse nella prossima, già confermata stagione?


6 commenti:

  1. la prima parte della stagione mi aveva annoiato parecchio. e sì che io adoro peter pan...
    la seconda parte è andata un po' meglio, e il doppio episodio finale non è stato male. però l'originalità della prima stagione per me resta parecchio lontana.
    comunque ormai sono affezionato e chissà come si comporterà la new-entry della quarta stagione...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A sorpresa, vuoi per i nuovi collegamenti famigliari, la prima parte aveva intrigato parecchio! Con il finale che dà spazio ad un nuovo personaggio e una nuova cattiveria, ci sono buone speranze anche per settembre!

      Elimina
  2. Da quando non c'è più Ruby per me questa serie ha perso mille punti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' tornata per una piccola parte nel finale, ma sì, aveva sempre il suo perchè!

      Elimina
  3. Io l'ho abbandonato, a malincuore, all'inizio della terza stagione. Mi annoiava troppo e già mi ero trascinato un po' la seconda :/ Spero che in estate torni la voglia di rivederlo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A inizio stagione anch'io sono in parte annoiata, poi appena rientro nel giro e supero l'ostacolo "22 episodi" mi lascio conquistare!
      Visto che un po' si riprende, un recupero puoi concederglielo!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...