16 maggio 2014

Kynodontas (Dogtooth)

E' già Ieri - 2009

All'ultimo Festival di Venezia la visione di Miss Violence mi aveva letteralmente scossa.
In molti però, avevano accusato Avranas di aver plagiato in parte l'idea di un suo connazionale, Yorgos Lanthimos, che 5 anni prima aveva scosso a sua volta il pubblico con una famiglia agli antipodi.
Ripresami dopo mesi (solo in parte, visto che alcune scene ogni tanto riaffiorano e bruciano ancora), ho quindi deciso di recuperare quest'altro incubo dai colori luminosi, vincitore a suo tempo nella sezione Un Certain Regard a Cannes e nella cinquina finale degli Oscar al miglior film straniero nel 2011.


Il primo pensiero?
In Grecia non si deve mica stare tanto bene.
Ancora una volta, infatti, ci si trova di fronte ad una famiglia all'apparenza felice e unita, ma che, scavando a poco a poco, nasconde divieti e regole, ma soprattutto un'educazione che mette i brividi.
I tre figli di una coppia ancora giovane, vivono in una villa isolata dal resto del mondo, imparando giornalmente nuove parole come mare (una poltrona con i braccioli di legno), autostrada (un materiale per fare i pavimenti) o pistola (un bellissimo uccello bianco). Le due sorelle e il fratello sono senza nome, e vivono le giornate succubi dei genitori che li intrattengono in giochi e gare promettendo loro in premio adesivi colorati o aeroplani giocattolo che cadono dal cielo. Vige quindi un clima di austerità nella casa, dove solo al padre è concesso per motivi di lavoro e di commissioni, uscire, perchè uno spaventoso gatto si aggira dietro le barricate pronto a ferire e uccidere.
A una sola persona è però permesso l'ingresso: Christina, agente di sorveglianza che ha il compito di soddisfare i bisogni sessuali del figlio maggiore. Sarà proprio la sua presenza, il suo essere esterna e imprevedibile a cambiare a poco a poco gli equilibri della famiglia, con l'introduzione di oggetti estranei come delle videocassette o con richieste che mandano in confusione le due figlie.


In pochissimo tempo, così, tutto il lavoro di prevenzione e di isolamento che i genitori avevano fatto per mantenere i figli innocenti e puri svanisce, portando al sangue, e alla vendetta.
Ma a guadar bene non è solo l'elemento estraneo a fare di soggetti disciplinati degli esseri umani capaci di reagire, perchè l'invidia, la menzogna e la paura aleggiano già da  molto nella casa.
Lanthimos ricostruisce alla perfezione la sensazione di claustrofobia e isolamento, tagliando i volti dall'inquadratura, soffermandosi su primi piani e su scene che diventano subito culto, come il ballo ripresa di Flashdance. In tutto questo, la presenza autorevole del padre si fa sempre sentire, arrivando a decisioni estreme pur di preservare la sua famiglia dal mondo esterno.
Ne esce così un film decisamente forte, e allo stesso tempo diverso per concezione e realizzazione di quello di Avranas, dove il malessere era più accentuato, il dolore sbattuto in faccia e sezionato da un'immobilità di montaggio.
Qui invece si esplora, ci si perde nel vasto giardino, e si ha una flebile speranza che il canino, una volta caduto permettendo la libertà, possa anche ricrescere.


15 commenti:

  1. Oh, finalmente l'hai visto! Per me è un grande film, ma a dirti la verità, i seguaci di Lanthimos stanno cominciando a stancare, replicando il suo stile senza praticamente variazioni (vedi Miss Violence)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi pento davvero di averlo visto dopo Miss Violence, ero fin troppo preparata a una visione inquietante e non ha saputo lasciare il segno come a Venezia.
      In ogni caso, c'avevi ragione, richiami ce ne sono!

      Elimina
  2. Io l'avevo visto qualche anno fa, e ancora oggi al pensiero di questo film ho un senso di inquietudine! Nonostante questo per me rimane un cult Ecco la mia recensione: http://arym86.blogspot.it/2011/01/kynodontas-dogtooth.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo di aver provato esattamente le stesse sensazioni, vengo a leggerti!

      Elimina
  3. questi film riflettono la crisi greca, oppure in grecia c'è crisi perché partoriscono film come questo?

    in ogni caso, per me è una delle pellicole più devastanti e geniali del nuovo millennio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bella domanda... è nato prima l'uovo o la gallina?

      Elimina
  4. un film terribile, ne parlai tempo fa anche io, un horror a confronto è + rilassante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si può devastare senza troppo sangue e senza troppi mostri!

      Elimina
  5. In Grecia non si sta bene, basta vedere la loro economia...
    Comunque un film che, pur con qualche ripetizione e un paio di scelte narrative abbastanza 'x', è davvero geniale e profondo. Per me promosso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Promosso anche da me, è mancato l'effetto sorpresa però, partivo troppo preparata dopo quanto ne avevo letto e sentito. Me ne pento un po'.

      Elimina
  6. Io l'ho assimilato pian piano e mi è piaciuto tantissimo, anzi potrei dire tranquillamente capolavoro.

    "Mamma cos'è una figa?".
    "Una grande luce".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è proprio una citazione letterale però questa cosa del cambiare il significato dei nomi mi aveva colpita in un modo particolare

      Elimina
    2. E' una tra le tante cose che sconvolgono di più di questo film!

      Elimina
  7. Un film che ho profondamente odiato, eppure clamorosamente geniale.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...