27 maggio 2014

Mad Men - Stagione 7, Prima Parte

Quando i film si fanno ad episodi

La visione di una puntata di Mad Men provoca l'entrata in una bolla temporale che trasporta ad atmosfere d'altri tempi, a degli anni '60 mai urlati, mai cliché e sempre ricchi di fascino e di stile.
Così, poco importa se i temi raccontati finora si sono ripetuti, se nulla di nuovo sembrava avvenire, perchè quest'atmosfera è tanto cara allo spettatore che difficilmente la si abbandona.
Di cose, però, ne succedono parecchie in questi soli 7 episodi che compongono la prima parte dell'ultima stagione, divisa in due tronconi dalla AMC come già Breaking Bad.


Il Don Draper che ci troviamo davanti dopo il suo momentaneo licenziamento avvenuto a fine sesta stagione, è ben diverso dal Don della quarta, non affoga nell'alcool, non finisce in avventure e storielle di poco conto, ma si controlla, mente per il suo ego alla moglie e ai figli, cercando come può di tirare avanti senza la sua casa -la SC&P-, senza i suoi colleghi.
E' un Don, quindi, che s'impegna, anche quando vede crollarsi tutto davanti, anche quando più per pietà e costrizione torna a lavoro, degradato della sua carica e messo in un angolo. Nella sua preparazione alla battaglia, non mancano le cadute, non mancano le perdite, ma la sua caparbietà è forse quella di una volta.
Pur concentrandosi quasi esclusivamente sulla sua figura (e i finali d'episodi focalizzati sul suo volto lo sottolineano), Mad Men lascia ampio spazio ai suoi comprimari, divisi tra New York e Los Angeles, con l'ormai cresciuta Peggy che proprio da Don ha imparato, a cui non mancano continui scivoloni, ma che proprio nella figura che potrebbe essere allo stesso tempo quella dell'uomo ideale, di padre e di mentore si affida nel momento del bisogno. E così i due assieme danno vita all'episodio più significativo di questa prima parte, in una strategia che ricorda i tempi andati di un'amicizia e di una serie.


Nel frattempo Pete è sempre più draperiano ma privo dello stesso fascino, Betty gioca alla casalinga disperata e alla madre snaturata, Sally cresce a vista d'occhio e fa finalmente confessare al padre la verità, Roger approda finalmente a una sua visione del lavoro.
C'è spazio e tempo per tutti, quindi, per personaggi che ormai si conosce come una famiglia e che si segue sbandare e rialzarsi, senza dimenticare attimi di tagliente ironia e di comicità (in questi episodi affidati alla segretaria svampita di Don).
Perchè se l'atmosfera ricreata è riuscita grazie alla classe con cui la serie viene interpretata e prodotta, il merito è certamente dato dalla scrittura, con sceneggiature fatte di parole calibrate e di semplici sguardi significativi che elevano il prodotto a opera.
Il finale spezzato, lascia carichi di speranza, con qualche lacrima versata e più di un sorriso che corona un addio inaspettato -ma come sempre elegante- metaforizzato da uno sbarco sulla Luna e uno spot d'impatto e emozionante.
Pronti e impazienti per un settembre ancora troppo lontano che ci consegnerà l'ultima parte, continuiamo ancora un po' a crogiolarci in questa bolla ricca di stile.


11 commenti:

  1. Ho letto qualcosina di sfuggita, del tuo articolo, perché non ho mai seguito questa serie.
    Dovrò farlo. Me ne parlano tutti ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Devi! Io l'ho recuperata negli ultimi mesi ed è stata una delle più sagge decisioni dell'anno! Non potrai fare a meno di questa eleganza e soprattutto di Don, fidati! ;)

      Elimina
  2. Un'altra delle serie che devo recuperare perchè tutti ne parlano bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlarne male è davvero una cosa impossibile! Vai di recupero :)

      Elimina
  3. Non l'ho ancora vista. Aspetto che siano uscite tutte e mi faccio la maratona.
    Mi piange il cuore a vedere che la mia serie preferita finisce...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'idea mi era sfiorata, ma dopo aver divorato le 6 stagioni scorse non riuscivo a resistere!
      Piange il cuore pure a me, fan dell'ultim'ora.

      Elimina
  4. Lo prometto, cercherò di essere breve. Questa, signori, è stata una prima parte magnifica. Don in tutte le sue debolezze non l'abbiamo mai visto, forse a tratti ma non così vistosamente relegato in un attimo. Eppure quel Don che solo alla scorsa stagione avrebbe mandato tutti al diavolo e ci avrebbe fatto una bevuta sopra in questa stagione ha mostrato la fragilità di una persona che ha bisogno di riscattarsi. Inutile dire che sono state puntate meravigliose, io ho adorato la penultima con la scena di Don e Peggy che ballano. Io non amo Peggy anzi mi sta profondamente sullo stomaco ma i momenti con Don sono fantastici. Lui la rende una persona speciale. Si completano a vicenda lavorativamente parlando. No, per carità non shippo Don e Peggy sia mai, però insieme sono proprio so cute. Io sono "contenta" che la fine non sia ancora arrivata. Lo so, dico così ma in realtà mi piange il cuore a sapere che parzialmente Mad Men è già finito. Ma sai che "arriveranno ancora delle puntate". Credo che il prossimo anno sarò devastata. Io sono già in aria rewatch dalla prima stagione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercherai di essere breve, eh :)?
      Condivido praticamente tutto, Don e Peggy insieme sono splendidi, si completano e hanno un'alchimia che oscura ogni loro difetto, l'episodio 6 è stato davvero il migliore!
      L'aria di rewatch sarebbe un po' prematura per me che, ahime, ho scoperto la serie solo da poco, ma i cofanetti sono già segnati tra i regali di Natale che pretendo!

      Elimina
  5. la stagione è partita tranquilla, però gli ultimi 2 episodi sono stati grandiosi, lasciando presagire un finale enorme!

    per la conclusione dovremo però pazientare non fino a settembre, ma fino al 2015...

    RispondiElimina
  6. Complimenti bella recensione, inoltre è stata una delle prime ad essere pubblicata. Se non ti spiace vorrei sapere cosa ne pensi della mia analisi.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...