7 gennaio 2015

Pride

Andiamo al Cinema

1984. Gran Bretagna.
Un gruppo di persone viene stigmatizzato dal governo, viene infangato dai media, viene ostracizzato , lasciato in disparte a anche ingiuriato dal resto del popolo.
Questo si unisce, allora, scende in piazza a manifestare e a tenere salda la sua posizione, a gridare e inveire contro la signora Thatcher.
Stiamo parlando dei minatori, certo.
Ma stiamo parlando anche della comunità gay.
Due mondi che sembrano molto distanti tra loro: da una parte l'immaginario dell'uomo rude, dalle mani callose che lavora sodo, che si gode la sua pinta al pub, dall'altra un universo colorato ma allo stesso tempo drammatico, con l'accettazione di sé e della famiglia che non è affatto scontata, e con l'ombra dell'AIDS che inizia a mietere le sue vittime.
Questi due mondi, però, proprio nel 1984 si incontrano e si uniscono, per il caso, per il nemico comune da affrontare, per le stesse percosse e trattamenti che la polizia e i giornali intentano ai loro danni.


E' durante il gay pride di quell'anno che Mark Ashton decide di aiutare l'unione dei minatori, di fondare il gruppo Lesbians and Gays support the Miners e di raccogliere per loro dei soldi, di fare collette in modo da contribuire allo sciopero che da mesi portano avanti.
Idea semplice, sembra, ma provate voi negli anni '80 a chiamare identificandovi come membro del LGSM e vedete in quanti vi prendono seriamente.
Per disguidi, per casi fortuiti, a Onllwyn lo fanno.
Un paesino piccolo, molto piccolo, in cui un bus carico di gay e lesbiche non passa certo inosservato, e in cui riuscire a fare breccia, tra pregiudizi e bigotti non sarà così facile.
Allo scontro con mentalità tanto chiuse, che a poco a poco si aprono, va di pari passo la maturazione del giovane Joe, che inizia ad accettare se stesso, pur nascondendosi dal giudizio dei suoi genitori, tenendo segreti i suoi viaggi, la sua partecipazione.
Con il tempo che passa, i mesi che avanzano e i viaggi da e verso il Galles che si fanno più frequenti e anche più gioiosi, la situazione politica non sembra però migliorare.


La pagina inglese che ci viene raccontata è di quelle che i più giovani come la sottoscritta non hanno vissuto in prima persona, e che, se conosciuta, non lo è mai in modo approfondito.
Pride è così una lezione di storia, ma anche e soprattutto una lezione di umanità, di accettazione e solidarietà costruita tra mille difficoltà e diversità.
Gli inglesi ce la raccontano come sanno fare meglio, mescolando espedienti da commedia a quelli del dramma, facendoci ridere e commuovere, tra le note della musica disco e quelle di  Bread and Roses.
Unendo personaggi realmente esistiti e ancora in vita ad altri di finzione, si costruisce un cast corale sentito e in forma, in cui spicca quel macho di tutt'altra sponda in The Affair di Domenic West e l'inimitabile Bill Nighy, più giovani promesse.
Insieme si divertono, e come non amare quelle signore anziane che scoprono le lesbiche e scoprono il veganismo? come non riconoscere che è dall'educazione e dal rispetto che tutto può cambiare?
Non si cade nel buonismo, così, e anche se la durata poteva essere un po' inferiore, con quel finale fatto di mani che si stringono e che si sorreggono a vicenda, l'essere testimoni di questa storia, di questo film, ci rende un po' tutti migliori.


11 commenti:

  1. Non conoscevo questa storia, ma al contrario avevo già visto il trailer del film da qualche parte.
    Sembra davvero davvero carino. Leggo "commedia inglese", e soprattutto "anziane signore". Come ignorarlo?
    Spero di vederlo presto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vedo che le parole magiche ti hanno attirato: vedilo e amalo, ne sono sicura!

      Elimina
    2. Uno dei film più belli, nel suo piccolo, visti da quando questo nuovo (e deludente) anno cinematografico è iniziato.
      Imbroglio e va a finire che nel listone, anche se è uscito nel 2014, ci finirà lo stesso. Finisci di vederlo e hai un po' più di fiducia nel genere umano.

      Elimina
  2. Uno dei pochi film delle festività meritevoli di essere visti. Peccato solo la distribuzione non molto diffusa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunatamente dalle mie parti è arrivato ed è riuscito a resistere un paio di settimane.
      Al botteghino si è difeso bene, ma sì, un po' più di attenzione potevano concedergliela.

      Elimina
  3. promette bene.
    e sono curioso di vedere come se la cava dominic west alle prese con un ruolo del genere... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Distantissimo dallo sciupafemmine di The Affair, Dominic si dimostra un ottimo ballerino, pure.
      Forse tu lo troverai un po' buonista, ma del cuore, e del buono, ci stanno delle volte, su.

      Elimina
  4. Questo film mi incuriosisce tantissimo, devo ammettere che mi rincuora il fatto che tu ne abbia parlato bene xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Parlarne male è difficile, forse solo un po' troppo lungo, ma la visione vale comunque il prezzo.

      Elimina
  5. Un piccolo gioiellino che avrebbe meritato una distribuzione migliore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ringrazio il cinemino della città che certe chicche non se le lascia sfuggire, anche se, lo ammetto, io me lo son voluta vedere in lingua originale per godere meglio dell'accento british.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...