23 gennaio 2015

Still Alice

Andiamo al Cinema

Qual è il colmo per una linguista?
Perdere le parole.
[Risate registrate del pubblico]

Meglio iniziare rompendo il ghiaccio con una freddura, di quelle poco riuscite, perchè di divertente e leggero in Still Alice ci sarà gran poco.
E non è un male, badate bene, anzi, perchè proprio per la pesantezza che ha, il film riesce ad essere solido, senza mai scivolare su facili e quasi scontati -visto il soggetto- pietismi.
La protagonista è per l'appunto Alice, splendida cinquantenne, linguista e professoressa rinomata alla Columbia University, madre fiera di tre figli che han già intrapreso la loro strada, moglie devota di un altrettanto rinomato dottore.
Tutto sembra perfetto nella sua vita, lei sembra perfetta, se non fosse che, così, dal nulla, alcune parole iniziano a sfuggirle dalla mente, il suo cervello sembra subire piccoli blackout che la preoccupano, e visto che scema non è, Alice corre da un neurologo, convinta di avere un tumore.
I risultati dei test saranno ben peggiori, se possibile: Alice ha l'Alzheimer, caso raro di sviluppo giovanile, eredità di un padre che con l'alcool lo nascondeva.
Diagnosi: pochi mesi di lucidità, ancora, la malattia, anche per come il suo cervello è ben allenato, avanzerà velocemente.


In un mondo cinematografico in cui sempre più la grande C del cancro sembra farla da padrone, c'è spazio per un film che non solo racconta il dramma di una persona, ma questo dramma ce lo vuole far vivere e soprattutto comprendere.
La paura, lo spaesamento, la degenerazione di tutto quello che si è, ci vengono mostrate quasi senza filtri, cercando di mettere luce, di approfondire una malattia tanto devastante com'è l'Alzheimer.
Per questo il film è tutto sulle spalle di Julianne Moore, che con un'intensità unica porta la sua Alice dagli abiti eleganti e dalla raffinatezza dei modi, a una donna quasi irriconoscibile, persa in un mondo altro dove nemmeno lei si riconosce, dove anche noi ci perdiamo, con il tempo che scorre veloce e ci annienta nella sua inesorabilità.
C'è spazio però per il dramma parallelo che i famigliari devono vivere, il loro precario equilibrio in cui per una volta la tecnologia viene in aiuto, con un marito all'apparenza egoista, ma in realtà incapace e debole contro la malattia, i figli che hanno la stessa sorte su di loro. Spicca così Lydia (una più che convincente -capelli unti a parte- Kristen Stewart), la più ribelle, la più giovane, che la sua strada non l'ha ancora trovata, che il suo destino non lo vuole conoscere, ma si sforza di capire quello della madre, di interrogarla.


Still Alice che le parole interroga, sulle parole è costruito, quelle perse e quelle che assumono un nuovo significato, che si cristallizzano in tre momenti oratori: la prima defaillance, il toccante discorso che vuole spiegare, vuole mettere un punto -solido- di non ritorno a quanto dovrà ancora succedere, e l'estratto finale da Angels in America, banalmente, ma non scontatamene, sull'amore.
Richard Glatzer e Wash Westmoreland dosano con sapienza sia la bravura della Moore che il loro soggetto, riuscendo a stare in equilibrio tra quello che facilmente è un film da Oscar (e da Golden Globe, già vinto ovviamente dalla Moore), e quella che è una storia toccante, narrata per coinvolgerci, per educarci, anche.
Alice non può lasciare indifferenti, non può lasciare gli occhi asciutti, e quasi contraddittoriamente, finiamo per tifare la sua fine.
Ultimo atto di gentilezza verso se stessa, ultimo atto di pragmatico amore.


13 commenti:

  1. Lo vedrò, non fosse altro per quella che pare essere una magnifica Julian Moore, ma temo fiumi e fiumi di lacrime...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non temere, affrontale, trattenerle sarà impossibile.

      Elimina
  2. Come ti dicevo, sto leggendo il romanzo e, nonostante io con le storie deprimenti ogni tanto vada a nozze, questo è veramente un osso durissimo. Sarà che parla di un argomento che mi fa tanta, tanta paura. Il personaggio di Alice è magnifico, la malattia è descritta in modo dettagliatissimo e ieri, mentre lei diceva che avrebbe barattato l'alzheimer con il cancro (perché chi ha il cancro, in ambito accademico, è visto come un eroe o un martire, ma chi perde la memoria e le parole è considerato un matto...), tiravo su col naso anche se non ricordavo di essere affatto raffreddato. Una brutta storia, raccontata con toni splendidi, e spero che il film faccia altrettanto. Forza Julianne!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ("Tiravo su col naso" sembra male, però non avrei saputo come altro dirlo ahahah)

      Elimina
    2. Ah ah! Ti farai doppiamente male tra romanzo e film, non c'è che dire, ammiro il tuo coraggio.
      Da quello che scrivi, sembra che il film abbia mantenuto lo stile e quanto raccontato, aspetto la tua opinione, ovviamente :)

      Elimina
    3. Visto, alla fine. Siccome mi voglio bene, l'ho visto pure subito dopo aver letto il libro!
      Mi ero preparato un rotolo di scottex a portata di mano, lo ammetto, perché il libro è forte forte. Il film, anche se è rispettoso del romanzo, è delicatissimo. Per molti fin troppo, ma a me è piaciuto. Se capita, consiglio di leggerlo sia a chi il film è piaciuto (così può vedere la lotta di Alice contro il suo stesso reggiseno, contro quel famoso budino della cena di Natale, contro il tappeto d'ingresso cambiato per una voragine nel pavimento...), sia a chi non è piaciuto (lì si parla meglio della malattia, sicuramente). :)

      Elimina
  3. Probabilmente emozionerà pure me, però per il momento resto comunque un po' diffidente...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che ultimamente ti stai intenerendo, non mi stupirei di vederti convinto anche da questo gran film.

      Elimina
  4. Contenta sia piaciuto anche a te. Ho trovato magnifica la Moore, per cui tifo spudoratamente per gli Oscar, altro che la psicotica biondina. E noto che l'interpretazione della stewart ha convinto anche te...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Moore è effettivamente molte spanne sopra, ora che l'ho vista non posso che tifare per lei.
      Kristen sì, ha saputo convincermi, e pensare che con quei capelli non le davo nessuna chance..

      Elimina
  5. Ciao!
    Alla fine un film ben fatto e con una julianne moore che lo vale tutto e sì, come dici non scivola nel pietismo... ma io l'ho trovato pieno di luoghi comuni: la figlia che non vuole fare l'università è l'unica aperta a accogliere gli aspetti più duri della tragedia, (gli altri figli non sono raccontati, forse se ci fossero stati anche loro..) la casa al mare piena di ricordi, il discorso commovente, la riconciliazione con la figlia, il marito che la ama, ma non ne è capace fino in fondo...
    questa è stata la mia prima impressione, almeno. non mi ha detto molto. :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...