20 febbraio 2014

Captain Phillips

Andiamo al Cinema (un po' in ritardo)

Con certi film senti puzza di americanata senza un perchè lontano chilometri.
Succede però che -vuoi per alcuni commenti entusiastici letti qua e là e arrivati anche dai parenti, vuoi per le nomination ai Golden Globe prima e agli Oscar poi- vederlo diventa quasi un obbligo, non fosse altro per avere un quadro completo sui vari pretendenti a miglior film dell'anno.
Bene, ora, come è possibile che questo Captain Phillips concorra con The Wolf of Wall Street, Philomena, Dallas Buyers Club o Gravity (tanto per citare quelli visti)?
Com'è possibile che per far posto a questo che altro non è che la più classica delle storie d'avventura -per quanto vera- si sian lasciati fuori Before Midnight o anche solo i Coen?
Gomblotto?


Viene da pensarlo, perchè davvero non c'è nulla che possa stupire nella storia di un uomo semplice che finisce per essere protagonista e eroe, rischiando la sua stessa vita contro dei nemici che più stereotipati nel ruolo dei cattivi non si può, salvato dalle forze speciali americane a cui manca solo di sventolare in continuazione la bandiera a stelle e strisce per farne un film fuori tempo massimo anche negli anni '80-'90, quando questi action movie andavano tanto di moda.
E pensare che partivo senza troppi pregiudizi, pronta a ricredermi sulla sempre più profonda irritazione verso quel buonista di Tom Hanks, e invece...
E invece ti ritrovi già dopo 5 minuti a sbuffare, per l'originalissimo raffronto tra il capitano che preparata la valigia con tanto di foto di famiglia parte e si lascia andare alle più monotone e sentimentalistiche riflessioni sulla vita e sull'essere genitori con la moglie, mentre a chilometri di distanza, immersi nel caldo, nella sporcizia e nella povertà, una banda di somali si organizza e si arma per attaccare la prima nave di passaggio.
E si va' avanti con il capitano che sprizza simpatia da tutti i pori, impedendo al proprio equipaggio di rilassarsi con calma, e allertandoli con prove antipirateria dopo una fortuita mail arrivatagli dalla marina.
A salvarsi è sicuramente la parte in cui i suddetti pirati tentano dapprima e riescono poi a salire sulla nave, con la tensione distintamente palpabile che cresce e fa ingegnare l'equipaggio in modo da sovrastarli. Peccato poi che l'equipaggio venga abbandonato, che i pirati somali tentino un'impossibile fuga con una scialuppa di salvataggio, che Tom Hanks rimanga solo e disperato, che le forze speciali arrivino e che Tom Hanks si salvi, con tanto di lacrima e shock appresso e un'infermiera insopportabile a curarlo.


E se non bastasse la trama, scontatissima e priva di alcuna inventiva, ci si mette in mezzo anche la regia di Paul Greengrass che con quei movimenti di mdp a spalla infastidisce non poco e si sofferma senza neanche velarli troppo sui dettagli fondamentali a risolvere determinate situazioni, come a guidare il pubblico senza lasciargli alcun lavoro da fare.
Va da sé quindi che la colonna sonora si componga delle più classiche canzoni ricche di ansia e pathos, pronte a fermarsi al momento giusto con il silenzio a caricare ancor più l'ovvietà del colpo di scena.
In mezzo a questo naufragio nessun faro, quindi? Forse forse solo Barkhad Abdi, che ha il physique du role per interpretare un cattivo parecchio inquietante, anche se fin troppo stereotipato e senza nemmeno una sfumatura a renderlo più interessante.
Per il resto, questo Capitano, affoga nella sua stessa nave.


6 commenti:

  1. Invece a me è piaciuto e ho sopportato Tom Hanks senza imprecare come al solito e il finale mi ha colpito piacevolmente. Può essere un'americanata, ma è fatta bene. Non come "Monuments Men" che non consiglio nemmeno al mio peggior nemico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho fiducia in George anche se non mi aspetto troppo, qui invece oltre all'insopportabile Hanks non c'era nulla di avvincente o di commovente... proprio no.

      Elimina
  2. Film davvero inutile e decisamente fuori luogo nella decina che concorrerà al miglior film per l'Academy.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, un contentino per una storia drammaticamente vera ma portata su schermo in modo tutt'altro che originale.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...