11 aprile 2014

Nymphomaniac (Volume I e II)

Andiamo al Cinema

Lo si odia o lo si ama.
Provocazione potrebbe essere il suo secondo nome.
Tutto questo è Lars von Trier e tutto questo è anche Nymphomaniac che in questi giorni continua a far dividere e a far discutere.
Uscito in sala in due parti solo per ragioni commerciali vista la sua lunghezza fiume di 4 ore che diventeranno 5 e mezza nell'edizione uncut dvd (quindi, come faceva notare Kelvin, commentarlo a metà è come fermarsi a vedere una partita di calcio a fine primo tempo), si parla di capolavoro, come di schifezza (per essere politically correct), come di porno d'autore.
Che poi già qui qualche considerazione è d'obbligo visto che (1) da un film con protagonista una ninfomane non puoi certo aspettarti qualcosa di diverso da parecchie scene di sesso e che (2) ormai qualunque serie TV per non parlare di film (La vita di Adele? L'inconnu du Lac?) ha ormai sdoganato il sesso esplicito sopratutto se necessario per il racconto di una storia, e visto che questa è quella di una ninfomane, vorrei ben vedere se mancasse.


La ninfomane in questione è Joe che viene trovata quasi esanime e picchiata in un vicolo dal gentile Seligman, che decide di ospitarla in casa per farla riprendere. Nella lunga notte che trascorrono assieme, Joe vedrà in lui un giudice a cui poter raccontare la sua vita, divisa in capitoli (9) che man mano prendono spunto dagli oggetti che le stanno attorno (un quadro, uno specchio, una macchia di the).
A partire dalla sua infanzia in cui il padre era venerato, si arriva all'adolescenza dove il sesso vuole essere scoperto, anche se in modo traumatico, con la perdita meccanica della verginità grazie a Jerôme (l'unico il cui nome non è un'iniziale), dove il sesso vuole essere vissuto come una sfida e come un mezzo per distinguersi, per allontanarsi dal concetto falso di amore che la società ha imposto. E se poco a poco le amiche di Joe cederanno al sentimento, lei continuerà a desiderare e a bramare di più, anche solo da un tramonto, costellando le sue giornate di numerosi uomini, anche 10 per notte, che la sanno soddisfare ma che soprattutto lei vorrà soddisfare. Fino a che Jerôme non torna nella sua vita, e una parvenza di amore la inizia a provare pure lei, e qui il suo stesso corpo si opporrà, mettendo a tacere tutte le sensazioni piacevoli del sesso, asciugando ogni suo piacere.
E così la seconda parte della sua vita parte proprio dal sesso che le si oppone, per analizzare ancor più le conseguenze della sua vita sia a livello fisico che nella società, dove il lavoro (legale) le viene quasi negato, dove la stessa maternità non è sentita, soppiantata da un desiderio che è diventato ora sempre più estremo.
Come anticipa Joe, la sua storia ha anche una morale (più di una, in realtà), e i moralisti vari dovrebbero coglierla fin da subito, visto che le parole con cui si racconta sono piene di colpevolizzazione, della richiesta di un giudizio a cui Seligman è chiamato, percè Joe per prima si ritiene un cattivo essere umano, che ha ceduto alla lussuria, che non ha sentito la maternità e che si è così staccata dalla società e dalla borghesia.


Nymphomaniac è così molto più della provocazione, e soprattutto molto più del sesso esplicito e non, in esso presente. E' la storia di una donna che racconta se stessa, la sua emancipazione, ma anche la possibilità per Lars di far trapelare tanti dei suoi credi, attraverso le note a margine di Seligman, che colora e analizza ogni capitolo parlando di pesca, di chiesa, di matematica, dando nuova luce e un nuovo contesto alle avventure di Joe.
E in questo modo Lars non si risparmia, riuscendo a rendere il rapporto Joe-Seligman ricco di ironia (la divisione del mondo in base al taglio delle unghie, I think this was one of your weakest digressions) e di sottigliezze, con riflessioni profonde che rendono così la visione molto più alta e molto più significativa di un mero porno d'autore, infarcendo il racconto di umorismo (il capitolo sulla signora H.) e rivalse personali (le accuse di antisemitismo), arrivando anche a citare se stesso e una delle scene più riuscite della sua carriera (l'inizio di Antichrist).


C'è tanto oltre al sesso, quindi, in Nymphomaniac. Ci sono attori che si donano letteralmente anima e corpo al regista, con la promettente Stacy Martin qui incredibilmente al suo esordio, l'irriconoscibile Uma Thurman, il redivivo Christian Slater, la perfetta Charlotte Gaingsburg, la facciadasberle Shia LaBeouf quanto mai in parte e Stellan Skarsgård, a cui lo spettatore fa riferimento, ritrovandosi nel suo stesso ruolo di ascoltatore, la cui vita si approfondisce solo nella seconda parte, capendo perchè forse solo lui -molto più di noi- può assurgere al ruolo di giudice.
C'è tanto oltre al sesso perchè questo non è provocazione, non è sbattuto in faccia senza un obiettivo, no, è lo strumento con cui Lars attira la nostra attenzione, è il mezzo con cui può raccontare tutto e di più, anche l'amore, anche la pedofilia (con una riflessione illuminante), anche la solitudine, anche la religione e quindi, per farla breve, la società.
C'è tanto oltre al sesso anche perchè la stessa regia ha il suo peso, con la scelta che dà leggerezza della divisione in capitoli, la bellezza della fotografia che sa passare da un bianco e nero poetico (che estetizza anche la morte) ai colori vivi della natura, con la musica mai banale e complementare al racconto (vedasi lo splendido capitolo The little Organ School).
Capolavoro, quindi, o porno d'autore, per essere buoni?
Nymphomaniac è niente più che un SIGNOR film, con un SIGNOR finale che lascia annichiliti.
Un film che va' molto al di là del sesso che racconta, che va oltre la provocazione pura e semplice, portando attraverso riflessioni, ironia, umorismo all'orgasmo.

15 commenti:

  1. Purtroppo per la seconda parte dovrò aspettare, a questo punto devo ammettere che sono abbastanza curiosa.
    (vedo che non sono l'unica ad aver trovato la Thurman un po'... diversa)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' diversa e un po' molto più sciatta... ho faticato a riconoscerla!
      La seconda parte cambia un po' rotta, ma mantiene il livello di interesse e di complessità della prima.

      Elimina
  2. Tutti a parlare di questo film, chi l'ha odiato, chi lo ha amato, di sicuro non è rimasto indifferente a nessuno. Io sto procrastinando la visione ma alla fine ci arriverò.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aspetto anche il tuo commento, ormai questo film sta dividendo in partiti!

      Elimina
  3. io ho visto stanotte il primo capitolo, il secondo addirittura se non di pomeriggio l'appuntamento sarà a mezzanotte, non voglio perdermi il seguito ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco, io ho dovuto dividerlo in due serate, ma se non fosse stato per gli impegni una visione in toto me la sarei fatta!

      Elimina
  4. SIGNOR film, e forse anche capolavoro.
    lars c'ha davvero messo dentro tutto se stesso. e io lo amo :)

    (e anche SIGNOR post)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Amarlo.. parola grossa, diciamo che lo apprezzo :)

      (e grazie :)! )

      Elimina
  5. Film molto più innocuo di quello che sembra. Tutta roba già vista e sentita.
    Von Trier poteva decisamente fare meglio. O peggio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me ha soddisfatto in pieno (e mai termine fu più appropriato), al di là del sesso esplicito che ormai non dovrebbe più scandalizzare, a rimanere davvero sono le perle di saggezza e le riflessioni che Seligman e Joe si scambiano.

      Elimina
  6. Io sono fra quelli che l'hanno odiato. E il finale... ridicolo, a parer mio, così come l'auto-citazione di "Antichrist" - uno dei film più brutti che io abbia mai visto.
    Ma meglio se non proseguo, dalle mie parti è scoppiata una guerra per questo film XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grande Jean, io sono con te
      Von Trier SUCKS

      Elimina
    2. In compenso, "Dogville" è un filmone della madonnina!

      Elimina
    3. Lo so, lo so che voi siete del partito Odiamo Lars, ma per quanto partissi con dei pregiudizi, ho sempre apprezzato i suoi lavori, pure questo, con un finale per me per nulla ridicolo, anzi.

      Elimina
  7. Lascia stare sti due ragazzi, son giovani e troppo agguerriti. :)
    Film straordinario e bellissima recensione, a differenza della mia organizzata perfettamente e che si segue benissimo.
    Quando scrivi di "parlando di pesca, di chiesa, di matematica," io aggiungerei musica visto che ho trovato quello forse il capitolo più straordinario.
    Un altro film, dopo Synecdoche New York, dopo Her, dopo Mr Nobody, che prova a mettere tutta la vita dentro.
    C'è ancora del grande cinema nell'aria e Lars è uno di quelli che la sa respirare più a fondo.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...