26 dicembre 2014

In Central Perk Awards - Diludendi e Cantonate 2014

Pronti, partenza via!
Gli In Central Perk Awards hanno inizio, e come sempre si parte dalle grosse delusioni o dai gran brutti film visti in questo 2014 che volge al termine.
Stranamente, fuori dalla top 40 che sarà stilata domani, restano poche pellicole.
Merito di un'industria più accorta?
No, probabilmente solo dalle mie scelte più oculate, che solo in queste poche occasioni si sono rivelate sbagliate.
Bando ad ulteriori ciance, ecco cosa proprio era meglio evitare di vedere in questi 365 giorni:

The Monuments Men


Il buon George dietro e davanti la macchina da presa richiama un buon gruppo di amici per raccontarci di eroi di guerra la cui missione è salvare le opere d'arte e quindi la cultura di un popolo.
Avvincente? Emozionante?
No.
Neanche un po'.
La mia recensione

Saving Mr. Banks


La Disney finalmente racconta se stessa e il suo fondatore e lo fa con una disneyata pazzesca.
Troppo, anche per una fan come me.
La mia recensione

Pasolini


Ferrara rischia tutto cercando di raccontare un artista fin troppo complesso. E casca male, in una babele di voci, di riproposizioni tutt'altro che eccelse, in un ritratto che non aggiunge nulla, ma forse toglie solo.
La mia recensione

Jimi - All by my side


Raccontare Jimi Hendrix senza la sua musica?
Un'eresia, soprattutto se poi il film lo si fa di tante, troppe parole, e di lunghi silenzi.
La noia.
La mia recensione

American Hustle


Quel compiaciuto di David O'Russell richiama a sé i suoi attori simbolo creando però un pastiche anni '70 altrettanto compiaciuto.
Bravi gli attori, ma ci vuole molto di più per fare un buon film, e una buona azione.
La mia recensione

The Counselor


Michael Fassbender, Brad Pitt, Javier Bardem, Cameron Diaz, Penelepo Cruz.
Il film dell'anno?
Assolutamente no. Si scade nel trash, nel ridicolo, nell'inguardabile.
Per buona pace di Ridley Scott e di Cormac McCarthy.
La mia recensione

15 commenti:

  1. Visto solo "Saving Mr. Banks" e "American hustle" e, pur senza esagerazioni, mi sono piaciucchiati entrambi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me né esagerazioni né soddisfazione... sarà stata colpa delle aspettative, ma proprio diludendi entramdi.

      Elimina
  2. Anche io escluderei American Hustle dai deludenti; per The Counselor è invece il posto giusto :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul consigliere credo la pensino tutti allo stesso modo. Giustamente.

      Elimina
  3. Escluderei anche io "American Hustle". Mi è piaciucchiato anche "saving mr. banks". "the counselor" sta bene dove sta. Gli altri li ho evitati perché mi attiravano poco/niente già in partenza.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Direi che hai fatto bene per come si sono posizionati.
      American Hustle l'ho trovato eccessivamente lungo e compiaciuto, e mi ha fatto iniziare l'anno cinematografico con una delusione.

      Elimina
  4. oh bene, viva gli in central perk awards!
    così mi posso prendere una pausa dai miei premi e discutere dei tuoi... :)

    su questi siamo decisamente d'accordo, a parte saving mr. banks che ha convinto persino un antidisneyano come me.
    american hustle più diludente che brutto, mentre the counselor è proprio brutto brutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sei partito fin troppo presto con i tuoi :)

      La Disney ha esagerato per me, e sì che partivo con grandi speranze! Hustle una gran delusione, anche perchè il primo film visto nel 2014, The counselor lo sta già rimuovendo dalla memoria.

      Elimina
  5. Jimi alla fine l'ho visto.
    Non mi è dispiaciuto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero?
      Visto in coompagnia non l'ha salvato nessuno. Noioso e irritante.

      Elimina
  6. The Counselor osceno, American Hustle deludente ma non bruttissimo, Saving Mr. Banks invece mi è piaciuto!

    RispondiElimina
  7. Io dico che è stata effettivamente un'ottima annata... anche se 40 film da ricordare mi sembrano un tantino troppi :) a questo punto sono curioso di vederli!
    Su questi 'diludendi' sono abbastanza d'accordo, tranne che per 'American Hustle' : compiaciuto, è vero, ma di grande effetto e con attori straordinari. Io mi sono divertito un casino!
    Quanto a 'Pasolini', pur non ritenendolo certo un film immune da difetti, secondo me raggunge lo scopo. Ma capisco che possa non piacere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A pensarci sì, la top 40 è lunga ma mi dispiaceva lasciare fuori così tanti film meritevoli.. se il prossimo anno ci riesco, scremerò a una top 20 :)

      Elimina
  8. Piaciuti sia Saving Mr. Banks - tra i miei migliori film dell'anno - che American Hustle, che ha un signor cast. Gli altri me li evito ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E fai bene, su queste cantonate puoi contarci.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...