23 aprile 2013

Mr. Nobody

E' già Ieri. -2009-


Ora vorrei che qualcuno mi spiegasse perchè questo film non è mai uscito in Italia.
Lo so che arrivo tardi, parecchio tardi, e faccio un sonoro mea culpa per averlo scoperto solo ora, ma credo che la colpa principale -oltre alla mia mancanza di applicazione tecnologica- stia nella distribuzione italiana che continua a proporre commediole da quattro soldi made in USA lasciando fuori capolavori come questo.
Sì, ho detto proprio capolavoro, e non lo nascondo.
Mr. Nobody mi ha lasciato affascinata, avvinta dalla complicatezza e dal continuo incastro che fa della trama un lungo e onirico viaggio nelle possibili scelte e nella paura di compiere queste scelte.
Ora, dico io, va bene che poco a poco ci stiamo risvegliando e a distanza di qualche anno Blue Valentine e Hunger ci sono stati proposti, e ok, proprio domani arriva nei cinema un altro gioiello di Miyazaki -sia lode alla Lucky Red- ma comunque qualcuno dovrebbe dire ai vari distributori/produttori/cinefili con le tasche imbottite, che c'è dell'altro. E che se la rete osanna, un motivo ci sarà.


Tornando a Mr. Nobody. Che dire.
Il film è quasi a metà strada tra un Cloud Atlas molto -ma molto- meno avveniristico e sezionato, un Sliding Doors con più varianti e meno Gwyneth e un Eternal Sunshine of the spotless mind, forse ancora più romantico e sorprendente. Perchè a differenza di Joel e di Clementine, Nemo e Anna devono attraversare più di un momento, più di una vita per potersi incontrare. Due, tre, quattro... un'infinità di scelte possibili si aprono davanti a Nemo, e in base alla decisione finale una, due, tre donne ad aspettarlo. Spiegare per bene il film è abbastanza impossibile viste le sfaccettature e le interpretazioni possibili su un lungo viaggio attraverso il tempo e la morte. Dalla morte si inizia ma alla morte non si torna, vedendo crescere Nemo, infatti, da bambino spaventato e speciale, a adulto problematico fino a centenario mortale ma ancora arzillo, la sensazione è quella di veder scorrere in modo tutt'altro che lineare più vite, a loro modo eterne.
Se non vi bastano queste parole ricche di entusiasmo per convincervi a vederlo sappiate che il cast è capitanato da un sempre bellissimo (in più varianti) Jared Leto, più Diane Kruger, Juno Temple, Rhys Ifans, la musica è una meraviglia indie ma la fotografia lo è ancora di più.



14 commenti:

  1. consolati, io lo conosco da un po' ma non l'ho ancora reperito. Dannata tecnologia, e dannata distribuzione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo! I sottotitoli li trovi su italiansubs addirittura, mentre per il film in sé i soliti canali sottobosco aiutano :)

      Elimina
  2. l'ho visto un paio d'anni fa, non al cinema, ed è davvero avvincente e coinvolgente.

    il regista ha fatto cose davvero belle e anche questo è imperdibile.

    può ricordare altri film, ma non importa, questo ha una sua personalità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' davvero una meraviglia, con un'ottima regia e parte tecnica oltre alla trama avvincente!

      Elimina
  3. Forse non è stato distribuito in Italia per scarsa fiducia nei gusti del pubblico locale. E mi vien da temere che abbiano pure ragione, purtroppo. La musiche originali sono di Pierre van Dormael (fratello del regista).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh... invece spulciando in rete in molti lo hanno visto il lingua originale trovandolo meraviglioso come me, quindi il pubblico sa riservare anche sorprese!

      Elimina
  4. per me non è un capolavoro, però è un film con degli spunti interessanti.
    e il sottovalutatissimo jared leto offre una grande prova

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per me Jared non è mai sottovalutato, ma forse sono più gli ormoni a parlare :)

      Elimina
  5. Io sono una profondissima fan di Jared Leto (attore). Non a caso "Requiem for a dream" è nella mia top three dei film preferiti. Che dire, Mr. Nobody per me è davvero un capolavoro. Mi ha colpita ed emozionata. Cosa mi hai fatto ricordare <3 *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh. Il peso di Requiem aleggia ancora nella stanza dopo la sua visione. Bravissimo, sisi, ma dubito riuscirò a superare il trauma di quel film, fortuna che Jared sa essere adorabile anche in panni più "semplici"

      Elimina
  6. tu arrivi in ritardo ma io proprio non lo conoscevo. Grazie per la segnalazione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi consolo allora, e ho fatto pure la mia buona azione quotidiana!

      Elimina
  7. Pensa che da me è uscito l'altro ieri addirittura AL CINEMA. Qui a Perugia siamo fortunatissimi, abbiamo addirittura 3 cinema d'essai che oltre a proporci quasi tutti i capolavori appena usciti recuperano a più non posso dal passato.
    Pensa che Mr Nobody è in una rassegna di un cinema sul futuro distopico (ma non necessariamente) che giovedì scorso ha presentato addirittura Dogtooth.
    Siamo davvero fortunati.
    Completamente d'accordo con la rece!

    RispondiElimina
  8. Era sepolto nel mio hd da anni, aspettavo che uscisse in italiano (non bisogna mai aspettarsi troppo) l'ho visto finalmente e mi è piaciuto molto, un gioiellino.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...