14 maggio 2013

Boogie Nights - L'altra Hollywood

Once Upon a Time. -1997-


Il film che non ti aspetti da Paul Thomas Anderson.
Il regista che ha sconvolto e intrippato la mia esistenza con Magnolia (un macigno a cui ancora fatico ad avvicinarmi) e ha poi incantato con la freddezza de Il petroliere per finire a dividere critica e pubblico sul suo ultimo lavoro The master, ha confezionato nell'ormai lontano 1997 una commedia frizzante e del tutto inaspettata.
Ovviamente l'etichetta commedia sta fin troppo stretta a Boogie Nights, in quanto il film, che si addentra nel non poi così magico mondo della pornografia ad Hollywood fa vedere incrinature e ferite che il successo porta con sé. Non è quindi tutto rosa e fiori e la scalata del super dotato Eddie James (in arte Dirk Diggler) ne è la prova. Da attore timido ed impacciato alla ricerca della perfezione e quindi dei miglioramenti -che si avranno con una serie ad hoc in cui l'azione si mescola all'erotismo- a supponente e divo, cui la droga non fa che peggiorare l'umore e il rapporto con gli altri. A fargli da padre e da madre un regista pluripremiato e ricco sfondato e un'attrice da tutti venerata, che vede in lui il figlio che non può avere a causa delle sue dipendenze. Il super cast composto da Burt Reynolds (giustamente premiato ai Golden Globe), Julianne Moore, Mark Wahlberg, Philip Seymour Hoffman, Heather Graham, John C. Reilly e William H. Macy (la cui vicenda più si avvicina alla commedia nera), impreziosisce e offre più sfaccettature alla pellicola, con un inizio per tutti tra sole e party esclusivi che finiscono poi inevitabilmente per appassire e marcire.
In questa altra Hollywood, in cui l'arrivo del video cambia e di parecchio le cose, Paul Thomas Anderson sguazza che è una meraviglia con scelte di fotografia e di montaggio già interessanti e una colonna sonora per palati fini che va a pescare nei favolosi anni '80 chicche di repertorio.
Pur parlando di sesso e di pornografia, Boogie Nights resta sempre in bilico tra il mostrare e il non mostrare mettendo spesso e volentieri lo spettatore dalla parte dell'occhio voyeuristico di telecamera e regista, lasciando per il finale la sorpresa e la risposta che sibillina ci si era infilata nella mente. E lì, davanti a quello specchio, non si può che sorridere compiaciuti per un film ancora fresco e godibile!


9 commenti:

  1. ottimo film, interessante il piano sequenza iniziale!

    http://www.youtube.com/watch?v=jqYuKZBF-KY

    RispondiElimina
  2. Purtroppo lo ricordo molto poco...
    So di averlo visto, ma è un ottima proposta per rivederlo nuovamente....
    Un bacio serotino...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista la musica una nuova occhiata fa solo che bene :)

      Elimina
  3. Grandissimo film, colonna sonora pazzesca, ed una delle sequenze che preferisco in assoluto della mia storia di spettatore.
    Il mio preferito di Anderson!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista la concorrenza è sicuramente anche nel mio podio, ma per quanto disturbante e più freddo, The master mi sa che lo supera per estetica.

      Elimina
  4. grandissimo film che ha descritto come pochi l'altra faccia di Hollywood!

    RispondiElimina
  5. L'ho adorato, anche se l'ho visto una sola volta in tv due anni fa

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...