22 ottobre 2013

Mad Men - Stagione 3

Quando i film si fanno ad episodi

Arrivati ormai alla terza stagione, nessun abbassamento di tono, nessuna ripetizione, nessuna stanchezza a livello di scrittura: Mad Men continua ad essere grande, e l'empatia con i personaggi sempre maggiore.
Se nella seconda stagione, infatti, anche i personaggi secondari acquisivano la loro importanza, qui si continua su questo piano mescolando sapientemente humor, sentimenti e lavoro con addirittura una spruzzata di sangue (causa falciatrice, che lascia davvero a bocca aperta e permette il contatto tra gli inarrivabili Don e Joan).


Come sempre, però, a tenere desta l'attenzione è il tormentato rapporto tra Betty e Don, che in questi 13 episodi come non mai alterna picchi di romanticismo (l'abbraccio finale dopo la festa di Roger e l'incredibile viaggio a Roma) a profonde ferite, con la scoperta della verità e l'ennesimo, travolgente, tradimento.
La vera novità è questa volta, che il passionale tradimento è da parte di entrambi, e ci si trova quindi a sorridere quando quel telefono squilla e nessuno all'altra linea risponde, con i coniugi che si guardano pieni di ansia. Questo, prima di vedere il proprio cuore spezzato, stracciato e finito dall'assenza di amore, ritrovandosi come la domestica Carla: spettatori che tutto sanno e che nulla vorrebbero sapere, per continuare a vedere solo la famiglia bella e felice.
Una famiglia che in questa stagione si allarga, grazie all'arrivo di ben due Gene, padre e nipote, che regalano più spessore alla complicata Sally, ormai nel tumulto della crescita.


Attorno alla famiglia Draper ruota, ovviamente, quella della Sterling-Cooper, che tra rivalità interne (Campbell e Cosgrove) e probabili acquisizioni, rinasce dalle sue ceneri in un episodio finale quanto mai risolutivo.
Dopo il turbamento e lo shock per l'assassinio del presidente Kennedy, seguito praticamente in diretta da una nazione attonita, quello che segue è un nuovo inizio, in cui dissapori e ferite vengono rimarginate, in cui le forze si uniscono per creare qualcosa di nuovo: la Sterling Cooper Draper Pryce.
Trova così di nuovo il suo ruolo l'affascinante Joan, il cui marito sembra tentennare e infrangere i sogni della sua carriera di medico, mentre a farle da contraltare è una Peggy ormai decisa a costruire il suo ruolo di donna indipendente, cercando avventure che la facciano sentire realizzata.
Inutile stare ancora a parlare di una trama che incastra i suoi pezzi sempre al momento giusto, lasciando con la parte tecnica -fatta di montaggi sapienti e costruzione di stoyboard geniali (su tutti, i flashback de Il contratto e Il parto)- sempre sopraffina lo spazio all'attesissima quarta stagione.



8 commenti:

  1. sempre enorme!
    mad men non delude mai

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno dei recuperi più graditi degli ultimi tempi!

      Elimina
  2. devo recuperarla...
    ci credi che una malata di serie televisive come la stoscritta non lha mai vista?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me la sono lasciata sfuggire per anni pure io! Prima che finisca definitivamente, dacci dentro, non te ne pentirai!

      Elimina
  3. Forse quella che mi ha detto meno (e comunque "Mad men" a mio parere si ripete eccome, dato che verte sempre sugli stessi temi) ma comunque una rande stagione, sicuramente sopra la media.
    Gli uomini pazzi non deludono mai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saranno gli stessi temi ma affrontati in modo diverso e più maturo andando in là con gli episodi... Nessuna delusione, ma tanta tanta sofferenza per il povero Don!

      Elimina
  4. Risposte
    1. Dovresti recuperare :) Ne vale sicuramente la pena!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...