17 ottobre 2014

Winter Sleep - Il Regno d'Inverno

Andiamo al Cinema

Scopriamo subito le carte: se sono andata a vedere l'ultimo film di Nuri Bilge Ceylan è solo ed esclusivamente perchè vincitore della Palma d'Oro all'ultimo Festival di Cannes.
Esatto, visto che il precedente C'era una volta in Anatolia aveva avuto su di me un effetto alquanto soporifero lasciandomi dentro gran poco se non la sensazione di non aver la capacità (oltre che la voglia) di andare più in profondità di quanto visto.
Dato però che con i giudizi della Croisette vado a braccetto da parecchi anni (basta vedere come sia Amour che La Vita di Adele si siano aggiudicati anche l'In Central Perk Award nel 2012 e nel 2013), ho voluto dargli una possibilità, sfidando prima di tutto un minutaggio non certo a suo favore (196 minuti).


Quello che mi aspettavo erano paesaggi magnifici, una Cappadocia descritta e registrata in tutta la sua magnificenza, con quelle case, quei villaggi, incastonati nella pietra a rendere ancora più interessante la vita di un albergatore con un passato d'attore e un presente di scrittore.
Peccato, però, che di quei paesaggi ci viene mostrato poco, che l'azione, che i personaggi vadano a chiudersi in stanze eleganti ma claustrofobiche, in camere che sembrano grotte.
Mi aspettavo silenzi, che racchiudessero alla perfezione uno stile di vita lento, che aiutassero ancor più la bellezza dei luoghi.
Peccato, però, che di dialoghi, che di parole, ce ne siano anche troppi, con tutti i personaggi alle prese con discussioni e dissertazioni dal banale al filosofico, con la macchina da presa ferma registrarle e a rendere il tutto ancora più claustrofobico, ancora più pesante.
Teatrale.
A non aiutare, poi, è lo stesso protagonista Aydin, e chi gli sta attorno. Egoista pur nella sua finta umiltà, egocentrico pur nel suo essere un buono, Aydin guarda tutti dall'alto in basso, vuole avere l'ultima parola nelle discussioni, annichilendo così i suoi interlocutori, che sia la moglie, schiacciata dal peso delle sue parole e da una vita di solitudine, che siano maestri o iman che a lui chiedono un po' di carità, un po' di pazienza.
E invece tutti passano sotto il suo giudizio, anche la sorella, forse più giudicante di lui.
I personaggi non sono quindi di quelli che entrano nel cuore, anzi, la loro antipatia, più si avanti nella visione, più viene ad irritare, con espressioni, smorfie e sorrisetti, che rendono ancora più arduo il proseguimento.


Al fatto che il film fosse un film fiume, che quella che veniva raccontata era la storia di giorni qualunque di un albergatore in mezzo al freddo inverno della Cappadocia, ero preparata. Non mi aspettavo intrecci o colpi di scena, non li volevo nemmeno, ma forse un po' più di sviluppo dei fatti, quello sì.
Una sceneggiatura di poche parole la posso accettare, una di parole profuse in continuazione, di schermaglie dialettiche che alla fine dei conti non cambiano nulla, né nelle opinioni di chi disserta né nella vita pratica di questi, anche no.
Il senso di pesantezza si acuisce così, finendo con una voice over di cui si poteva fare a meno.
A salvarsi, però, sono gli ambienti in cui tutto viene incastonato, nonostante la chiusura che va a nascondere per troppo tempo le bellezze ambientali che tolgono il fiato, Nuri Bilge Ceylan sa come fotografare il suo film, dando una vita propria alle stanze e agli studi, donandogli un'estetica storica impossibile da non notare.
Tolto questo, cosa resta di Winter Sleep?
A me, gran poco, se non una sensazione sfiancante e stancante.
A darmi qualcosa in più, dando così anche una dignità e una contestualizzazione al film, le parole dell'unico amico coraggioso che in sala mi ha accompagnato, che in Turchia c'è stato e c'ha abitato, e che ha ritrovato in tutte quelle discussioni, in tutte quelle lunghe disquisizioni che a nulla portano, quanto ha vissuto per mesi davanti a thè che, inevitabilmente, si raffreddano.


6 commenti:

  1. grazie per esserti sacrificata!
    io, che provo un senso di pesantezza al solo pensiero di guardarlo, non so se mai riuscirò a trovare la voglia (e soprattutto la pazienza) per recuperarlo...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se già con l'Anatolia non avevi avuto vita facile, qui potrebbe andarti peggio visti i dialoghi continui che ci sono.. visto il mio sacrificio, lascialo pur lì nei recuperi un altro po' :)

      Elimina
  2. Io, invece, non vedo l'ora di vederlo. Ceylan è difficile da affrontare, ma sempre un'esperienza incredibile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Incredibilmente irritante in questo caso.. credo proprio che il mio rapporto con Ceylan finisca qui.

      Elimina
  3. Ah ah, io ho scritto tutto il contrario ma ti giuro, se volessi stroncare sto film userei le tue parole dalla prima all'ultima, hanno tutte un fondo (e più di un fondo) di verità...

    Diciamo che se avessi un animo diverso, uno di quelli a cui piace vedere bicchieri mezzo vuoti invece di mezzi pieni, scriverei esattamente tutto questo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono fatta per questi tipi di film, ormai l'ho capito, e non parlo della durata, ma dei continui sproloqui che non portano a nulla e che per prima non ho voglia di seguire. Chi invece li sa apprezzare trova decisamente manna per il suo cielo, io passo la mano :)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...