10 settembre 2014

Primer

Once Upon a Time -2004-

Uno dei temi che da sempre affascinano il mondo della finzione -che si parli di cinema, di serie TV o di libri- è il viaggio nel tempo.
La possibilità di passare da un'epoca all'altra, di modificare il proprio passato o quello del mondo intero, ha portato a libri, a film e a episodi dove l'impossibile si realizza, dove tra paradossi e scelte azzardate, c'è davvero spazio per tutto, perchè tutto diventa così possibile.
Primer tratta proprio di questo, di viaggi nel tempo, ma lo fa in un modo distante e diverso da quanto visto e sentito finora, partendo dal basso, partendo dal piccolo, con due scienziati/ingegneri che senza rendersene conto creano una potente macchina che permette loro di tornare indietro di almeno 6 ore.
Poca roba, dite?
In 6 ore però potreste fare tante cose, come anche solo conoscere i dati delle corse sportive, o i titoli vincenti di una giornata in borsa, e arricchirvi, con queste conoscenze.


Ma no, Primer non è un film sui viaggi nel tempo intrisi di ironia spiccia in cui due uomini semplici trovano un modo facile per diventare milionari e, chissà, vengono presi dai rimorsi della coscienza.
Primer è un film diverso, non è un film di genere, per iniziare, perchè fin da subito se ne frega di preparare lo spettatore, immergemdolo in numeri, esperimenti e materiali con cui questi due scienziati, assieme ad altri due amici, progettano chissà che cosa.
Questa cosa però, senza la loro previsione, permette a una muffa di proliferare in poche ore quanto in natura gli sarebbe costato almeno 5 anni, e capiscono, o almeno uno dei due capisce, di aver inventato una macchina del tempo.
Parte così la loro esperienza diretta, e questo non fa che complicare le cose in una trama già complicata di per sé, creando doppi, creando universi paralleli, a cui difficilmente si sta dietro e con cui si fatica a metter ordine.


Shane Carruth, qui regista, interprete, produttore e sceneggiatore, sembra però fare di questa complessità, di questo lasciare il suo pubblico interdetto, la sua maggior forza.
Non a caso proprio per questo il film si è fatto conoscere qui in Italia dove ufficialmente mai è arrivato: perchè quanto è complicato, affascina, inevitabilmente, costringendoti a pensare, a fare conti e confrontarti per cercare di capire.
Grazie al cielo esiste la pagina Wikipedia che mette chiarezza al tutto, che mette fine a discussioni e addizioni, e che permette di riflettere sul film per ciò che è.
Perchè, sì, si resta affascinati e avvinti dagli esperimenti e dall'immersione totale nella vita dei protagonisti e delle loro scelte come dalla messa in scena priva di fronzoli ma con un'ottima fotografia, e viaggi del tempo così -economici e senza effetti speciali- sono rari se non impossibili da trovare al cinema, ma il film sembra troppo chiuso in se stesso, troppo intento a contemplare i suoi paroloni, le sue trappole e i suoi doppi giri per restare più del tempo di consultare wiki nella mente.
O per lo meno, nella mia.


6 commenti:

  1. io mi sono perso (nel senso che non ci ho capito nulla) anche dopo una seconda visione e dopo aver letto wikipedia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Posso consolarmi allora! Io, avvertita della complessità, ho prestato la massima attenzione possibile e qualche snodo non mi è del tutto chiaro.. in linea di massima, per quanto ora come ora possa interessarmi, qualcosa l'avevo capita :)

      Elimina
  2. non ho mai visto questo film...
    non è che ci ho capito tanto lo ammetto...
    però la questione del viaggio nel tempo ha sempre ispirato parecchio pure la sottoscritta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui la questione del viaggio si fa molto scientifica e molto cheap a livello di struttura.. Interessante esperimento, ma anche no come risultato.

      Elimina
  3. Un film difficile ma almeno un esperimento interessante e pieno di coraggio, a me è piaciuto nonostante non ci abbia visto quel tanto decantato capolavoro.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capolavoro proprio no, interessante solo per una riuscita solida visti i mezzi a disposizione... Carruth ci sa fare, ma è troppo cervellotico, almeno per la sottoscritta.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...