23 settembre 2014

You're the Worst

Quando i film si fanno ad episodi.

Da queste le parti le comedy non sono mai state troppo allettanti.
Cosa strana, lo so, visto che da una comedy, o meglio da LA comedy il blog prende il titolo.
Sarà quindi stato per espiare queste colpe, o perchè il livello delle sit-com si è alzato di non poco dalle stanche gag con risate registrate, o semplicemente perchè vedere qualcosa di allegro rallegra anche la degenza al quale sono momentaneamente chiamata, che In Central Perk apre le porte al genere nella giornata dedicata alle serie TV.


E partiamo con un piccolo gioiello, che prende cliché e stereotipi già visti e già sentiti per trasformarli in qualcosa di altamente additivo, di esilarante e unico.
You're the worst inizia infatti dal più classico incontro tra due tipi simili tra loro (e per simili si intende sfacciatamente stronzi) al matrimonio della ex di lui, dove lui ha appena fatto una scenata per la quale è stato cacciato fuori, e lei ha rubato quello che crede un robot da cucina. Ubriachi al punto giusto, decidono di passare la notte assieme e di comune accordo iniziano una relazione a base di sano sesso che realizza i loro bisogni, senza sentimenti di mezzo.
Lo state già pensando, vero?
Che l'amore busserà ai loro cuori?
Esatto, ma i due non lo nascondono, anzi, si dicono senza mezzi termini tutto ciò che passa loro per la testa, tutte le avventure e le disavventure dei loro passati decisamente ricchi di aneddoti di cui un qualunque essere umano normale si vergognerebbe, e iniziano una delle più strane relazioni possibili, dove ci si sfida ad andare a letto con un'altra persona e dove il tradimento confessato inizia ad essere una gara a punti, dove rapire un gatto va bene, dove il feticismo, gli sputi, il bere a sproposito sono ben accetti.


Per chiarire, lei, Gretchen, è la manager di uno sgangherato gruppo di rapper, lui, Jimmy, è uno scrittore inglese non certo di successo. Ma come ogni comedy che si rispetti, anche i comprimari hanno la loro importanza, e così ci sono Edgar, coinquilino di Jimmy, soldato in congedo con traumi non indifferenti da sopportare e c'è, Lindsay, migliore amica di Gretchen, sposata con un noioso banchire e attratta dalla vita dissoluta che ha dovuto lasciare da parte.
I quattro danno vita ad un quadretto irresistibile, che si muove per le strade soleggiate di Los Angeles prendendo di mira hipster, mode del momento, facendo del sarcasmo sull'oggi il punto di forza della comicità dell'intera serie, scritta oltre che interpretata alla perfezione.
E funziona, oh se funziona, perchè i 10 episodi che la compongono (tra cui spicca l'inevitabile quanto eccellente flashback) ve li mangerete a colazione, perchè non potrete non adorare due diversamente belli e diversamente attraenti come Chris Geere e Aya Cash, che nella loro gara a chi è peggio, bè, finiscono senza troppi dubbi ad essere il meglio ora in circolazione!


10 commenti:

  1. Oggettivamente: è un gioiellino.
    Soggettivamente: me lo sono goduto pochissimo, perché l'ho seguito volta per volta e venti minuti a settimana, così, discontinuamente, erano pochi. Soprattutto colpa della programmazione, sì, ma verso la fine la mia attenzione si è persa. :/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Male male, io ho aspettato come sempre l'accumulo e in un pomeriggio ho visto tutto: fantastico!

      Elimina
  2. BELLO.BELLO. BELLO.
    Mi è piaciuto tantissimo, infatti ne ho parlato anche sul mio blog... è stato una simpatica sorpresa di fine estate!
    Spero davvero lo rinnovino per una seconda stagione...mi ha divertito parecchio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sarebbero dei pazzi a non rinnovarlo, crea davvero dipendenza!

      Elimina
  3. Io quando gli episodi sono più di 3 o 4 non riesco mai ad arrivare alla fine. E mi capita sempre qualcosa che mi impedisce di vederne qualcuno!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui però sono 10 da 20 minuti, quindi contano come 5 episodi di una serie normale, potresti dargli una possibilità, non te ne pentiresti ;)

      Elimina
  4. Sono come Andrea purtroppo...non riesco a vederli completamente per un motivo o per l'altro( insonnia docet!) e allora mi arrabbio con me stessa e finisco per scartarli a priori,...
    Un vero peccato..
    Bacio serale!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il mondo seriale non è dei più facili, ma con un po' di costanza e con la serie giusta (questa ti assicura parecchie risate) potrebbe convincerti cara Nella :)
      Buona giornata!

      Elimina
  5. la anti-commedia romantica di cui c'era proprio bisogno.
    the best! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Abbasso i romantici, viva i peggiori!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...