31 agosto 2015

Another Period

Quando i film si fanno ad episodi.

Prendete tutto quello che vi annoia o vi ha annoiato in Downton Abbey e stravolgetelo con pesanti dosi di ironia e politically scorrect.
Fatto?
Bene, quello che avrete è Another Period, comedy fulminante di Comedy Central che vede tornare assieme su schermo le amate (ma cancellate) Garfunkel and Oates, ma non insieme: solo Riki Lindhome è infatti protagonista vera e propria assieme a Natasha Leggero, ed insieme hanno creato, prodotto e scritto la serie, Kate Micucci appare invece qua e là, nei panni di una suffragetta impegnata che fa totalmente a pugni con la sua partner.

Biglietto, Prego! - Il Boxoffice del Weekend

Ci volevano gli omini gialli a rimediare la situazione degli incassi, facendo tornare i cinema italiani colmi. Ben 7 i milioni guadagnati, cifra che non si vedeva da tempi giurassici.
Ovvio quindi che gli altri si accontentino delle briciole, Tom Cruise compreso la cui Missione è davvero diventata impossibile e quasi un flop, al pari di quell'Ant-Man che pian piano ha racimolato i suoi 4 milioni, che oggi appaiono ancora più miseri.
Il resto è composto per lo più da commedie americane mentre nemmeno un italiano è riuscito ad entrare. La sorpresa, piacevole, è Panahi in nona posizione.


I dettagli:

1 Minions
week-end € 7.163.286 (totale: 7.163.286)

2 Mission: Impossible - Rogue Nation
week-end € 775.311 (totale: 3.699.647)

3 Ant-Man
week-end € 312.948 (totale: 4.211.774)

4 Come ti rovino le vacanze
week-end € 249.351 (totale: 2.459.890)

5 Qualcosa di buono
week-end € 136.331 (totale: 137.749)

6 Professore per amore
week-end € 132.827 (totale: 132.827)

7 The Gallows - L'esecuzione
week-end € 128.984 (totale: 671.528)

8 L'A.S.S.O. nella manica
week-end € 121.660 (totale: 651.288)

9 Taxi Teheran
week-end € 110.510 (totale: 122.940)

10 Breaking Dance
week-end € 72.079 (totale: 525.640)

30 agosto 2015

Rumour Has It - Le News dal Mondo del Cinema


Non c'è domenica senza un nuovo progetto di James Franco.
L'attore tornerà presto in una commedia irriverente e dal sapore retrò, e lo farà assieme a Bryan Cranston con cui ha appena finito di girare In Dubious Battle, tratto dal romanzo di Steinbeck.
I due saranno padre e genero, iperprotettivo l'uno, milionario pieno di sé l'altro, che si scontreranno per il bene della figlia/fidanzata.
Why Him vedrà alla regia John Hamburg e alla sceneggiatura Ian Helfer, le riprese inizieranno nel febbraio 2016.

La Pixar non lo ha mai confermato, ma c'è una casa la cui storia è molto simile a quella del signor Fredricksen di Up. Meno colorata, con meno palloncini, ma anche quella di Edith Macefield è riuscita a sopravvivere alla grande costruzione di palazzi e ad un centro commerciale, rimanendo un neo bellissimo nel nuovo complesso di Seattle.
Ora la storia di questa casa e della signora che rinunciò a un milione di dollari pur di tenerla, sarà un film della Fox Searchlight che andrà a raccontare l'amicizia speciale che legò la donna al responsabile del progetto Barry Martin, che rinunciò infine all'acquisto. Il finale nella vita vera ha comunque portato la casa nelle mani dell'uomo, visto che Edith gliel'ha lasciata in eredità, ma si spera che questa possa rimanere così com'è.

Una commedia in vista anche per Jennifer Lawrence, che se la scrive pure assieme all'attrice Amy Schumer. Le due si sono conosciute pochi mesi fa, ma hanno subito iniziato una scrittura frenetica che le vede ridere e divertirsi. Probabilmente anche protagoniste del risultato, quello che si sa è che il film si concentrerà sul rapporto tra due sorelle.
Non resta che pazientare per avere più dettagli.

Insieme hanno già lavorato in Signs e The Village, ora Joaquin Phoenix e M. Night Shyamalan torneranno a collaborare dopo il flop di quest'ultimo in TV con Wayward Pines.
Nulla si sa del progetto, se non che verrà prodotto dall'affezionato del regista Jason Blum, e che quindi il genere thriller psicologico potrebbe essere mantenuto anche questa volta.

Ce la sta mettendo tutta Robert Pattinson, e la sua carriera sembra procedere di grande regista in grande regista.
Lo vedremo presto aspirante nazista a Venezia in The childhood of a leader, ma poi lo vedremo anche astronauta, come protagonista del primo film in lingua inglese della francese Claire Denis.
Le riprese della pellicola di fantascienza ancora senza titolo inizieranno però nel 2016, quindi per vedere l'ex vampiro all'opera dovremmo aspettare un bel po'.

Per un Bruce Willis che se ne va, un Steve Carrell arriva.
Per divergenze sui tempi tempi delle riprese, l'attore ha infatti lasciato il set dell'ultimo film di Woody Allen ambientato nella prima parte a Los Angeles, nella seconda nella sua amata New York, e a sostituirlo è stato chiamato il comico che con Woody aveva già girato Melinda & Melinda.
Si vocifera però che il regista non fosse convinto della prova di Willis, e che come al suo solito non si sia fatto troppi problemi a mandarlo via.

Se ne era parlato qualche tempo fa del film con protagonista Jessica Chastain ambientato in Polonia durante la II Guerra Mondiale The Zookeeper's Wife.
Le buone notizie ora sono due: la prima è che le riprese inizieranno il mese prossimo, la seconda è che ad affiancare l'attrice sarà il bravo Daniel Brühl, con ogni probabilità nella parte del marito e gestore dello zoo di Varsavia che all'interno di gabbie e tane, oltre che nella loro cara, nascose centinaia di ebrei a rischio deportazione.
Un colpaccio per l'attore tedesco sempre più apprezzato da Hollywood.

Anne Hathaway produce e interpreta, ed è voluta andare sul sicuro andando a ripescare dalla Black List dello scorso anno la sceneggiatura di Jac Schaeffer, The Shower.
La storia sembra essere la versione al femminile di La Fine del Mondo, con un gruppo di amiche che si ritrovano a salvare la Terra da un attacco alieno.
La fantascienza sembra davvero interessare l'attrice dopo Interstellar e prima di Colossal di Nacho Vigalondo.

Chiudiamo le news con una buona notizia per gli affezionati dei prodotti di Shonda Rhimes.
Ai dottori, ai gladiatori in suits, agli avvocati e agli imminenti investigatori di frodi andranno presto ad aggiungersi anche le suore, in una serie che le vedrà battersi per evitare la chiusura del loro convento nel Bronx e per evitare che tre novelle vengano a scoprire vecchi segreti.
L'hype è già alto, vero?

29 agosto 2015

Before We Go

E' già Ieri. -2014-

Non un weekend, questa volta, ma una manciata di ore, notturne, per conoscersi e venirsi incontro.
E' ancora una volta un film sulle corde di questo blog: due protagonisti, tante parole, splendidi dialoghi, in un'intimità che la New York di notte ben contiene.
Lui e lei sono difficili da inquadrare, musicista che fa da sottofondo alle partenze e agli arrivi in stazione lui, con un matrimonio a cui non sa se voler andare, disperata per aver perso l'ultimo treno lei, già disperata per aver perso in un bar la sua borsa, con tutti gli effetti personali, e aver pure rotto il telefono. Non va comunque meglio a lui, con appena 80 dollari in tasca, con il telefono senza batteria, che capisce però la disperazione di lei, che a Boston DEVE tornare assolutamente, e prima delle 7 del mattino.
Così parte la loro notte, così si conoscono, tra diffidenze, piccole bugie, gesti da samaritano che un sorriso attraente rende ancora più dolce.
Ma l'iniziale diffidenza ha breve durata, i nomi e le notizie false cadono, e arriva il momento di pianificare, di entrare in azione, e in questo Nick è un maestro, un vulcano di idee e di inventiva che però non sempre vanno a buon fine.
Brooke invece si crogiola nelle sue ansie, sciogliendosi più lentamente, rivelando poco.

28 agosto 2015

Weekend

E' già Ieri. -2011-

Basta poco per fare di un film, un bel film.
Mettete da parte azione, effetti speciali, girandole della macchina da presa e trame intricate.
A volte, bastano solo due personaggi, bastano tante parole ad unirli, e un sentimento che sta per nascere.
Sono i film che tanto piacciono da queste parti, quelli che si basano sui dialoghi, su una sceneggiatura lunga lunga che ti fa riflettere, ti fa commuovere, ti fa emozionare.
Linklater in questo è il maestro, è l'esempio più lampante, il regista che con una trilogia ha creato un genere, che già c'era, vero, ma che nelle dispute e negli sguardi tra Jesse e Celine trova il suo punto più alto.
L'incontro di una notte che si trasforma in qualcos'altro, quella notte che non finisce, o non inizia, solo con del sesso occasionale, ma prosegue, con i due che si scoprono pian piano, che si confrontano, si conoscono.

27 agosto 2015

Silenzio In Sala - Le Nuove Uscite al Cinema

L'estate sta finendo e anche i distributori italiani se ne sono accorti, tornando in gran forma e proponendo tante, troppe nuove proposte.
A spuntarla saranno inevitabilmenti gli omini gialli che imperversano da mesi nei social e non solo, ma attorno a loro, qualche piccola sorpresa da segnalare, e che si spera possa trovare posto nei cinema, c'è.

Minions
Sono sempre stati il punto forte della serie Cattivissimo Me, ed era logico che il marketing decidesse di dedicare interamente a loro un film.
Sarà un successo?
Al botteghino sicuramente, a livello di trama, con un giro del mondo e nella storia, le cose sono meno chiare.
Trailer



Qualcosa di Buono
I film su malattie paralizzanti rischiano sempre di essere buonisti e strappalacrime. L'amata Emmy Rossum in coppia con la malata di SLA Hilary Swank sembra però prediligere lo stile Quasi Amici, con un'amicizia tra opposti che arricchisce entrambe.
Una possibilità gliela si dà.
Trailer

Professore per Amore
Assieme al regista Marc Lawrence, Hugh Grant non ha certo trovato i suoi migliori successi (Che fine hanno fatto i Morgan?, Two Weeks Notice e Scrivimi una canzone) ma la coppia non demorde e torna a lavorare insieme per raccontare della crisi di uno sceneggiatore da Oscar che in mancanza di lavoro finisce per insegnare ad un corso serale. L'amore e la rivincita sono, va da sé, dietro l'angolo.
Cast di comprimari comunque notevole -J. K. Simmons, Marisa Tomei, Allison Janney- per una commedia che può riservare sorprese.
Trailer
Love is in the Air - Turbolenze d'amore
Commedia francese chic quanto basta: lui e lei si sono lasciati in malo modo, tre anni più tardi si ritrovano seduti vicini in un lungo volo intercontinentale: riscatterà la scintilla? O le ragioni del cuore avranno la meglio?
Ai cugini d'oltralpe si dà sempre fiducia, anche perchè Ludivine Sagnier e Nicolas Bedos sanno il fatto loro.
Trailer


Partisan
Sempre dalla Francia, ma questa volta dal suo lato più serio: siamo in una comune alle porte di città anonima dove Gregori regna sovrano educando i più piccoli alla coltivazione ma anche agli omicidi. Alexander poco a poco conoscerà anche il mondo che c'è fuori, alimentando i suoi dubbi.
Vincent Cassel mattatore di un film che nella sua serietà sa colpire.
Trailer

La Bella Gente
A 6 di distanza, il film di Ivan De Matteo (Gli equilibristi) trova finalmente spazio nella distribuzione.
La storia è quella di una famiglia borghese quanto basta che si trova ad ospitare una prostituta maltrattata. La Poison dice di vederlo, ascoltiamola.
Trailer



Mirafiori Lunapark
La crisi lavorativa è ancora una volta al centro di un film italiano che inquadra tre pensionati da lungo tempo, i loro figli incapaci di tenere o trovare un lavoro, e quei nipotini che hanno tutto il futuro davanti.
Proprio per loro occuperanno la fabbrica FIAT in cui hanno lavorato per anni, progettando una riconversione che dà speranza.
Nì.
Trailer


In un posto bellissimo
Racconto intimista di una donna solo apparentemente felice: fiorista, madre e moglie, ha dentro di sé un dolore che costantemente emerge, ma che non sa comunicare. Un incontro casuale le permetterà finalmente di rivelarsi.
La noia è già avanzata, vero? Purtroppo ultimamente Isabella Ragonese e Alessio Boni sembrano sempre garantirla.
Trailer



Il Grande Quaderno
Arriva dall'Ungheria questo piccolo film sulla II Guerra Mondiale vista proprio dagli occhi dei piccoli: quelli di due gemelli affidati dai genitori a una nonna sadica e cattiva, che li punisce. Ma nel diario in cui si sfogano, raccontano del mondo che li circonda e dei loro sogni.
Tratto dalla Trilogia della città di K. di Ágota Kristóf, per radicalchicchisti.
Trailer


Taxi Teheran
Orso d'oro all'ultimo Festival di Berlino, Jafar Panahi aggira un'altra volta la sua proibizione a girare film in Iran, mettendosi alla guida di un taxi che attraversa Teheran, raccontando e facendosi raccontare storie dai suoi passeggeri.
Coraggio da premiare, e da vedere.
Trailer


A Blast
Il cinema greco esce dalla crisi in modo sempre più forte, e dopo Yorgos Lanthimos e Alexandros Avranas, arriva Syllas Tzoumerkas, a raccontare la difficile vita di una donna e madre, sposata ad un marinaio, sorella di una malata mentale sposata a un'estremista di destra, figlia di una paraplegica e di un uomo senza polso.
Situazione estrema, che quest'ondata greca ha rivelato saper gestire benissimo.
Trailer

26 agosto 2015

Eden

Andiamo al Cinema

C'è una cosa che dei francesi non ho mai apprezzato.
Adoro il loro Paese in cui anche quest'estate sono tornata, adoro la loro cucina, adoro le loro città e adoro anche il loro cinema, seppur con qualche disappunto qua e là.
Ma non sono mai riuscita ad apprezzare a pieno la loro musica, e non parlo delle ballate struggenti d'altri tempi, parlo di quella musica elettronica che dagli '90 ha iniziato a prendere piede nelle discoteche e nelle radio, una musica elettronica che miscela il freddo della base al calore della voce, che ha prodotto miti veri come i Daft Punk e un genere a sé stante: la french touch.
Pur conoscendo tutti i singoli del duo misterioso, pur apprezzando quelle canzoni orecchiabili che deejay passa, no, questa invenzione dei francesi non la so amare.

25 agosto 2015

Aquarius

Quando i film si fanno ad episodi.

C'è qualcosa che non va ultimamente con le serie poliziesche, pardon, con le serie crime, siamo un po' più internazionali.
Che siano true o che siano semplici detective, i protagonisti di queste serie sembrano sempre prendersi fin troppo sul serio, con quello sguardo fisso, l'aria corrucciata di chi deve salvare il mondo ma nel frattempo è impegnato con i suoi demoni interiori, come se un detective buono e semplice fosse impossibile da trovare. Mettici poi che visto che il genere tira, gli sceneggiatori si lasciano andare a trame non ben strutturate, a deviazioni, storie parallele, indagini minori, e, bè, l'attenzione cala, l'entusiasmo pure.
Non è un caso infatti se quel tanto inizialmente acclamato (e poi subissato di critiche) True Detective giace alla quarta puntata, con la voglia di proseguirlo che non accenna ad arrivare, che un Wayward Pines evento sia scoppiato a metà come una bolla di sapone, che Secrets & Lies che nel ruolo dell'investigatrice vedeva non una pivellina ma una Juliette Lewis fosse così noioso e già visto da essere abbandonato senza rimpianti.
Magari però, cambiando epoca cambia anche il risultato.

24 agosto 2015

The Brink

Quando i film si fanno ad episodi.

Siamo abituati a vedere Presidenti gestire crisi internazionali con il pugno di ferro, siamo abituati a vedere una Casa Bianca in fermento, dove le trattative avvengono sul filo del rasoio, dove collaboratori lavorano no stop, siamo abituati a vedere dittatori minacciare e urlare con militari che sfrecciano nell'alto del cielo a garantire la nostra sicurezza.
Non siamo abituati a vedere quel Presidente come un fantoccio, come un uomo in realtà senza potere che si affida nelle mani di esperti che finiscono a fare a gara per prevalere sull'altro, non siamo abituati a vedere ministri e collaboratori lasciarsi andare al sesso più spinto in fase di crisi, a fregarsene degli ordini da eseguire, a fare di testa loro, non siamo abituati a vedere dittatori davvero pazzi, che si possono però comprare con poco, con promesse e tanti soldi, non siamo abituati a vedere quei militari, quei soldati essere tutt'altro che integerrimi, dediti all'alcool e alle droghe che rendono pericolosa ancor più la loro missione.
Non eravamo abituati, ora grazie a The Brink, lo siamo.

Biglietto, Prego! - Il Boxoffice del Weekend

Si può considerare un flop il quinto capitolo di una saga redditizia che agguanta sì la prima posizione, superando i due milioni di incassi, ma con un franchise e una pubblicità per cui ci si aspettava comunque molto di più, anche a fine agosto?
E si può considerare un flop un film che in pieno agosto riesce a raggranellare 3 milioni di euro?
Forse sì, se il film in questione è un Marvel i cui fratelli maggiori hanno in precedenza sbancato ogni record.
Altro che missione impossibile, con la prima parte della classifica occupata da un horror di quelli minori, una commedia americana di quelle minori, il classico film danzereccio e la commedia che non ti aspetti, tutti comunque non brillanti, anzi, portare al cinema in estate gli italiani è una missione suicida.


I dettagli:

1 Mission: Impossible - Rogue Nation
week-end €1.563.26(totale: 2.176.850)

2 Ant-Man
week-end € 710.929 (totale: 3.482.538)

3 Come ti rovino le vacanze
week-end € 491.745 (totale: 1.955.744)

4 The Gallows - L'esecuzione
week-end € 271.560 (totale: 381.937)

5 L'A.S.S.O. nella manica
week-end € 260.689 (totale: 360.582)

6 Breaking Dance
week-end € 226.589 (totale: 317.991)

7 Pixels
week-end € 133.486 (totale: 3.073.283)

8 Spy
week-end € 30.376 (totale: 2.281.534)

9 Joker - Wild Card
week-end € 30.006 (totale: 458.400)

10 Nothing But the Truth
week-end € 26.604 (totale: 195.881)

23 agosto 2015

Rumour Has It - Le News dal Mondo del Cinema


E chi lo ferma più Miles Teller?
Dopo aver conquistato e essersi fatto conoscere come batterista che tutto può in Whiplash, lo vedremo sempre più spesso al cinema. Nella sua agenda ha appena appuntato un ruolo drammatico di quelli impegnativi, in Thank You For Your Service, adattamento dell’omonimo romanzo di David Finkel, sarà infatti un soldato che rientrato dall'Iraq soffre di disturbo post-traumatico.
Alla sceneggiatura Jason Hall che già con American Sniper aveva raccontato i mali della guerra, e che ora punta anche a sedere dietro la macchina da presa, visto che il primo interessato Steven Spielberg si è tirato indietro.
Non sarà un film originalissimo, ma possiamo sempre contare sulla bravura di Teller.

Lo avete notato, no, che l'ondata di biopic sembra essersi fermata negli ultimi mesi?
Purtroppo, non c'è da tirare un sospiro di sollievo perchè voci parlano di almeno due film sul genere in preparazione.
Il primo è ancora in fase di riflessione e riguarda la vita e le opere di Carl Sagan, astronomo, astrofisico e astrochimico, autore del Contact da cui Robert Zemeckis trasse il film del 1997, convinto dell'esistenza degli extraterrestri. Manca ancora tutto, dal nome del regista a quello del cast, alla trama stessa, ma visto come sono andati forti gli scienziati al cinema lo scorso anno, il tutto fa ben sperare.
Il secondo vede invece una gran voce interpretare LA voce, con Jennifer Hudson in pole position per essere Aretha Franklin nel film che ne racconterebbe gli anni dell'ascesa e della convivenza con il marito violento Ted White ('50-'60).
Il progetto è di lunga data, ma forse ora che ha trovato la sua protagonista, può finalmente andare avanti.

Prende vita invece il film tratto dal caso editoriale dell'anno.
The girl on the Train ha folgorato 2 milioni di lettori, e naturalmente Hollywood è pronta a farne un film.
La protagonista, la ragazza del treno, sarà interpretata da Emily Blunt, mentre è notizia fresca che a fare la nuova compagna del suo ex marito sarà Rebecca Ferguson. Resta ancora da trovare l'attrice che interpreterà la donna osservata da quel treno, che misteriosamente scompare.
Alla regia ci sarà Tate Taylor (The Help).

E' il momento di un po' di trailer per prepararci come si deve alla stagione cinematografica che inzia.
Carol punta ad essere un gran film, che vede alla regia Todd Haynes e protagoniste di un amore contrastato Cate Blanchett e Rooney Mara:



Bryan Craston si riprende alla grande dopo lo splendore di Walter White e lo scivolone di Godzilla, e lo fa interpretando Dalton Trumbo, sceneggiatore della Hollywood anni '30 e '40 finito però nella lista McCarthy. Esaltante:



Se Craston è passato dalla TV al cinema, Anne Hathaway si appresta a fare il passaggio inverso.
L'attrice ha infatti accettato il ruolo principale in The Ambassador's Wife, adattamento dell'omonimo romanzo di Jennifer Steil da parte di Mark Gordon.
La miniserie racconterà le vicende della moglie dell'ambasciatore americano nello Yemen, che verrà rapita, e degli sforzi suoi e del marito per ritrovarsi.
Aspettiamo al varco la Hathaway, anche questa volta.

22 agosto 2015

L'A.S.S.O. nella Manica

Andiamo al Cinema

Questa non è un'altra stupida commedia americana.
E no, non è nemmeno Non è un'altra stupida commedia americana.
E' una commedia americana, ma non stupida.
Possibile?
Possibile.
Anche se ambientata in un ambiente abusato come la scuola, anche se ripercorre un tema più che abusato come le dinamiche sociali negli anni del liceo, anche se la protagonista, bruttina e un po' sfigata, compie quell'evoluzione che la porta ad essere più bella e femminile e a trovare l'amore.
Tutto già visto, tutto già sentito?
Sì, vero, e ancora negli '80 e '90, ancora ai tempi di Grease se proprio vogliamo andare indietro nel tempo, ma l'A.S.S.O., o meglio, The DUFF (aspetto il giorno in cui poter scambiare due paroline con i titolisti italiani) ha la marcia in più di attualizzare il tutto, di parlarne in modo fresco e diretto, ironizzando sugli anni dei social, sugli anni dell'apparire.

21 agosto 2015

Look Both Ways

E' già Ieri. -2005-

Tra le tanti divisioni che si possono fare dell'umanità, una delle più quotate è di certo quella tra pessimisti e ottimisti.
Persone che si alzano già con il sorriso, che riescono a vedere il lato positivo anche nelle tragedie e nelle delusioni, e persone per cui tutto va storto, tutto va odiato, persone che si fidano così poco degli altri o del loro karma da vedere la morte, letteralmente, ad ogni angolo.
Immaginate a che gruppo di persone appartiene Meryl, di ritorno dal funerale del padre, artista di gran talento relegata a disegnare acquerelli per i biglietti di auguri.
Esatto, al secondo, con il suo pessimismo che è più una propensione per la tragedia, che la fa immaginare un auto che la investe mentre sta attraversando la strada, uno squalo che la mangia mentre nuota, un killer che la insegue e la strangola mentre sta passeggiando.
Divertente, essere lei, no?
Con il karma però non si scherza, e se tragedia si vuole, tragedia si trova: Meryl sarà testimone della brutale morte di un giovane, finito sotto il treno proprio nei giorni in cui l'Australia intera è scossa da un altro incidente ferroviario che ha causato decine di morte e di dispersi.

20 agosto 2015

Happythankyoumoreplease

E' già Ieri. -2010-

Le vacanze sono finite, l'estate quasi, ma perchè privarsi ugualmente di Zoe Kazan, visto la leggerezza di cui è sinonimo?
Rendiamo il distacco meno doloroso dopo la tripletta della settimana scorsa con un film che la vede solo in parte protagonista, un film corale che ha però come primo dei (tanti) difetti, il fatto di non saper essere davvero corale, di non sapersi mantenere in equilibrio nelle tre storie che racconta, privilegiando troppo lo sguardo smarrito e innamorato di uno scrittore in cerca della sua strada.

19 agosto 2015

Silenzio in Sala - Le Nuove Uscite al Cinema

Con un ultimo colpo di coda, si prova a far migliorare questo agosto cinematografico facendo uscire il blockbuster della stagione.
Missione impossibile?
Improbabile, anche se a fargli da contorno sono pellicole minori, che possono però rivelarsi delle piacevoli sorprese.

Mission: Impossible - Rogue Nation
Tom Cruise spericolato (e detestabile) come non mai, torna per la sua quinta missione impossibile.
Azione e adrenalina assicurati, e un cast di comprimari di tutto rispetto (Jeremy Renner, Simon Pegg, Rebecca Ferguson), ne saran felici i fan.
Trailer




L'A.S.S.O. nella manica
Tipica commedia adolescienziale ambientata negli anni del liceo?
Forse. O forse, una di quelle commedie che entra in schemi sociologici (le belle-i belli-la bruttina che fa da esca) già conosciuti ma in modo intelligente.
Una possibilità, gliela si dà.
Trailer
Corn Island
Arriva dalla Georgia questo piccolo film, silenzioso, che racconta del fragile equilibrio di un nonno e di una nipote in una terra di nessuno che con la primavera si trasforma in un frastagliato arcipelago. Tutto cambia quando un ribelle, ferito, chiede loro aiuto, installandosi nella baracca che sono riusciti a costruire.
Radical chicchismo in agguato.
Trailer

The Gallows - L'esecuzione
Horror found footage?
Sì, non ci si è ancora stancati di quella telecamerina a mano che dà riprese tremolanti che dovrebbero far aumentare i brividi.
In questo caso, quelli all'interno di una scuola dove si sta per mettere in scena uno spettacolo che vent'anni prima aveva mietuto una vittima.
Gli studenti non saranno soli.
Per appassionati del genere, in crisi di astinenza.
Trailer
Breaking Dance
E non ci si è ancora stancati dei film a tema danzereccio?
A quanto pare no, e questa volta si aggiorna la trama ai tempi della fama su youtube.
Trailer

18 agosto 2015

Rectify - Stagione 3

Quando i film si fanno ad episodi.

Ci sono serie che fanno un gran clamore, che sono attese, desiderate, urlate e sbandierate.
E poi ci sono le serie silenziose, nei modi come nello stile, che arrivano in sordina, in punta di piedi, alla terza stagione, scavando sempre più a fondo nei suoi protagonisti, continuando la strada della perfezione, della distillazione di emozioni, di parole.
Dall'inizio di Rectify sono passati tre anni, per noi spettatori, dall'inizio di Rectify sono passati appena un paio di mesi, all'interno della serie. E in questi due mesi poco sembra essere cambiato, i sospetti verso Daniel continuano ad esserci, così come la diffidenza di un paese che non lo vuole, e Daniel stesso alla sua libertà, non si è abituato.
Ora che è ufficiale, che è un uomo libero, anche se in modo condizionato, quello che deve fare è trovare una casa, costruire invece di continuare a distruggere, una cucina, una piscina, il suo stesso lavoro.
Ma sappiamo tutti che non sarà facile.

17 agosto 2015

The Knick

Quando i film si fanno ad episodi.

Ci sono due cose che solitamente non mi attirano in una serie TV:
1. II fatto che sia ambientata in un ospedale, con gli intrecci e i drammi che ne susseguono,
2. Il fatto che sia in costume, ambientata in un'epoca che non sia la nostra, che non sia nemmeno troppo attuale, che sia insomma storica.
Cresciuta con le corse nella corsia del pronto soccorso di E.R. ne ho subito il fascino, piangendo calde lacrime per i tanti addii, ma subendone anche il tracollo, con il ricambio generazionale, con le stagioni che si susseguivano lente e ripetitive nei loro schemi. Un po' come con Grey's Anatomy, che ha sì rinvigorito il genere, ma Shonda tra morti e catastrofi degne di Cabot Cove, mi ha stancato presto, prestissimo.
Stessa cosa per le serie storiche, capeggiate dalla noia e dalla linea soap presa da Downton Abbey, che non dà certo dei primi anni dello scorso secolo l'appeal giusto.

Biglietto, Prego! - Il Boxoffice del Weekend

Il miracolo Marvel è riuscito solo a metà.
Superare la soglia del milione di incassi è infatti già di per sé un'impresa, soprattutto se si esce in piena estate e nel weekend di Ferragosto, ma se si confronta il piccolo Ant-Man con i colleghi supereroi, bè, il tutto appare piuttosto irrisorio.
Guardando il bicchiere mezzo pieno, pure l'unica altra nuova uscita si è difesa bene, sfiorandolo pure lei quel milione, lasciando alle commedie per lo più made in USA le briciole di rito.


I dettagli:

1 Ant-Man
week-end € 1.565.627 (totale: 2.025.302)

2 Come ti rovino le vacanze
week-end € 908.410 (totale: 1.048.263)

3 Pixels
week-end € 323.000 (totale: 2.789.778)

4 Spy
week-end € 140.469 (totale: 2.212.037)

5 Left Behind - La profezia
week-end € 120.741 (totale: 773.554)

6 Joker - Wild Card
week-end € 115.450 (totale: 394.798)

7 Ex Machina
week-end € 112.575 (totale: 706.546)

8 Jurassic World
week-end € 60.999 (totale: 14.646.581)

9 Tracers
week-end € 47.987 (totale: 201.461)

10 Il luogo delle ombre
week-end € 46.205 (totale: 445.498)

16 agosto 2015

Rumour Has It - Le News dal Mondo del Cinema


E siamo a sei.
Tante sono le collaborazioni tra Leonardo Di Caprio e Martin Scorsese ora che i due hanno annunciato un altro film assieme, The Devil in the White City, adattamento del bestseller di Erik Larson sceneggiato da Billy Ray.
Il thriller è ambientato nella fiera mondiale di Chicago del 1893, che fu teatro delle gesta sanguinose del serial killer H.H. Holmes. Il film indaga sul suo rapporto con l'architetto Daniel Burnham, per cui si attende ancora un nome dal casting.
Di certo, la coppia farà scintille... da Oscar?

Da Martin Scorsese, invece, a William Friedkin, a cui è andato il compito di dirigere l'adattamento del romanzo di di Don Winslow, L'inverno di Frankie Machine.
Passato anche per le mani di Michael Mann, ora il libro è in quelle più sicure del regista di Killer Joe, che ha decisamente abbassato il budget necessario per la realizzazione (da 70 a 15 milioni), incontrando il benestare e la piena fiducia e gioia di Winslow stesso.

Per Hail, Caesar! dovremmo ancora aspettare qualche mese (febbraio 2016), ma i fratelli Coen già guardano avanti, e hanno scelto nell'adattamento della graphic novel Black Money il loro prossimo progetto.
La storia è quella di un investigatore privato chiamato ad indagare sulla fuga di un francese con la fidanzata del suo cliente, che porterà a collegamenti sanguinosi e violenti.
Con il tocco nero dei Coen, la trama sembra già perfetta per loro.

Si fa sempre più interessante il (finalmente) secondo film dello stilista Tom Ford. A Nocturnal Animals, dopo i già confermati Jake Gyllenhaall e Amy Adams vanno infatti ad aggiungersi altri due nomi di rilievo: Aaron Taylor-Johnson e Michael Shannon.
Diviso in due parti, il film si concentrerà nella prima nel rapporto tra un ex marito e un'ex moglie che riceve da questo un manoscritto chiedendole un parere, nella seconda su una vacanza dalle svolte violente di una famiglia.
Si prospetta un ottimo materiale, con ottimi interpreti.

L'attesa dura ormai da qualche anno, e ora si farà sicuramente più impaziente, ma intanto si può godere, con le prime immagini del The Hateful Eight di Quentin Tarantino:



Se già una serie TV sull'ascesa e sul mondo del porno nella New York degli anni '70 interessava, se poi sapere che a metterci la firma era HBO da una parte e il David Simon (The Wire) dall'altra, ora sapere che la serie avrà un doppio protagonista d'eccezione come l'instancabile James Franco, fa drizzare ancor più le antenne.
L'attore in The Deuce interpreterà infatti la coppia di gemelli coinvolti in giri malavitosi che favorì l'ascesa di questa filmografia, prima che l'HIV e la droga cambiassero per sempre gli affari.
Il pilot è stato ordinato, non resta che pazientare.

Presto anche Jim Carrey sarà visibile su piccolo schermo, Showtime ha infatti annunciato la produzione dell'episodio pilota di I'm Dying Up Here, drama ambientato nel periodo della commedia stand-up anni '70 scritto da Dave Flebotte (Will & Grace) e diretto da Jonathan Levine (50 e 50).
L'attore si muoverà nei palcoscenici dei cabaret, sicuramente conquistandoci.

Ancora Showtime, ancora una star che non siamo abituati a vedere in modo seriale.
Il canale ha annunciato di aver in preparazione con l'ideatore di Penny Dreadful John Logan, l'adattamento delle memorie di Patti Smith Just Kids.
La stessa cantante si è dichiarata favorevole, vedendo in una serie la possibilità di approfondire meglio quanto da lei raccontato, che si basa soprattutto sui suoi ricordi dell'amore con il fotografo Robert Mapplethorpe a New York tra la fine degli Anni '60 e gli Anni '70.

Chiudiamo le news con un altro trailer, ambientata negli stessi anni e nella stessa New York, Vinyl si appresta ad essere una delle serie più attese visti i nomi dietro la sua produzione: Terence Winter, Martin Scorsese e Mick Jagger, e viste le immagini qui sotto:



15 agosto 2015

The Pretty One

E' già Ieri. -2013-

Concludiamo questa settimana d'agosto dedicato alla leggerezza di Zoe Kazan proprio a ferragosto, consigliando quindi un film che già dal titolo suona carinamente perfetto.
O no?
Bè, forse qui la leggerezza viene messa da parte, perchè quella che ci viene raccontata è una rinascita che parte dal peggiore dei casi: una morte.

14 agosto 2015

What If

E' già Ieri. -2013-

Stiamo per parlare di un classico boy meets girl in stile Sundance, quindi la formula d'apertura la conoscete, no?
Lui è un ragazzo dal cuore spezzato, tradito dalla fidanzata, che ha lasciato la scuola di medicina e ancora non esce da quello stato di dolore dopo un anno, ciondolando in casa, prendendosi cura del nipote.
Lei è un'animatrice che ama il suo lavoro, fidanzata felicemente da 5 anni, strana e spesso solitaria a causa degli impegni del suo lui.
Si incontrano ad una festa, mentre lui compone deprimenti poesie sulla porta del frigo, non sapendo che ad unirli è l'ex coinquilino di lui che è anche il cugino di lei, un tipo ovviamente simpatico e spensierato, che proprio a quella stessa festa conosce la sua pazza anima gemella.

13 agosto 2015

In Your Eyes

E' già Ieri. -2014-

E' la settimana di ferragosto, la settimana in cui non solo il lavoro, ma pure il cervello se ne va in ferie.
Ovvio quindi che quello che quel cervello affaticato chiede, sono film leggeri, semplici ed emozionanti, che non creino problemi.
La persona a cui rivolgersi è allora Zoe Kazan, fresca esponente del cinema Indie che tanto piace da queste parti, e attrice che per questa settimana regnerà nel blog che, sì, è in vacanza pure lui ma resta a farvi compagnia ugualmente grazie alla magia della programmazione.

12 agosto 2015

Silenzio in Sala - Le Nuove Uscite al Cinema

Altra settimana povera di uscite, seppur anticipate.
Sempre e solo due le pellicole in arrivo dall'America, e se una ha il potere del cinecomic dalla sua parte, l'altra ha il potere di annoiare fin dalla trama.
La regola è sempre la stessa, se proprio al mare non ci potete andare ma al cinema sì, andateci con i consigli giusti:

Ant-Man
La rinascita Marvel è iniziata, ma ci riuscirà questo piccolo superoe a tenere il passo di Guerrieri della Galassia & Co.?
Difficile dirlo, perchè la storia di uno scassinatore chiamato a salvare il mondo dopo aver indossato una tuta miniaturizzante, ha l'appeal giusto per i fan del genere, ma gli altri potrebbero trovarlo davvero una costola minore della casa di produzione.
Il cast è comunque di quelli seri, con la presenza di Evangeline Lilly, Paul Rudd, Michael Douglas e Bobby Cannavale a fare da garanzia.
Trailer
Come ti rovino le vacanze
Le vacanze potrebbero rovinarsi proprio guardando questo film, che ricalca le classiche commedie catastrofiche e di fraintendimenti degli anni '80 con una famiglia e la sua gita a fare da sfondo.
Remake non richiesto di National Lampoon's Vacation, e sicuramente fuori tempo massimo.
Trailer

11 agosto 2015

How to Get Away with Murder

Quando i film si fanno ad episodi.

Dopo aver recuperato in pochi mesi quella che si è rivelata essere una vera e propria droga, come potevamo io e il giovine fare a meno della nostra dose quotidiana di Shonda?
Impossibile, ed ecco che la creatrice/produttrice/scrittrice ci è venuta incontro con il suo ultimo prodotto, saltato in tempo di messa in onda e che ora ha trovato il suo legittimo posto che ben si addice alla stagione estiva, a dirla tutta.

10 agosto 2015

Parigi e Dintorni... in Film!

Ve ne siete accorti?
O il magico potere della programmazione ha tenuto all'oscuro il segreto?
Allora è il momento di rivelarlo: il blog è in meritata vacanza da giovedì.
Ma essere in vacanza non significa abbandonarvi, ed ecco che i post (qui e su fb) continueranno a farvi compagnia, consigliandovi soprattutto visioni fresche e leggere come agosto richiede.
Ma dove me ne sono andata?
Sono tornata lì dove una parte del mio cuore è rimasta, a Parigi, e visto che si tratta della quarta volta in suolo parigino, una delle quali con lo stesso giovine in cui le mete e i musei principali (Louvre, Versailles, Pompidou, Notre Dame...) sono stati già visitati, ci concederemo gitarelle fuori porta e tanto relax, che proseguirà anche sul mare di Nizza, per concludere la vacanza con del meritato sole.
Volete saperne di più?
Volete stalkerarmi il più possibile?
Ecco questo post allora, che mostra giorno dopo giorno quello che mi godrò: la bellezza che la Francia ha da offrire a noi comuni mortali, ma che ha già offerto a registi e attori che ne hanno fatto la location perfette per le loro opere.

Cimitière de Pere Lachaise
Io amo Airbnb. Dopo aver soggiornato nei più loschi hotel parigini alla ricerca di risparmio, questa volta avremo un piccolo appartamento (ovvero un monolocale di 35m²) tutto per noi. La posizione -ovviamente non centrale, visto il prezzo irrisorio- è ottima, e si trova vicino al più grande cimitero di Parigi, dove sono sepolti Jim Morrison, Oscar Wilde, Edith Piaf, Chopin...
Visto che il giovine non c'è stato, una passeggiata tra quelle tombe sarà d'obbligo, magari ricordando la folle corsa con fiori da mangiare del folle Denis Lavant in Holy Motors.


Musée d'Orsay
Colpevolmente sempre saltato, questa volta il museo degli impressionisti si prenderà la sua rivincita, e ai suoi artisti sarà in gran parte dedicato il nostro viaggio.
L'obiettivo è quello di rimanere incantati come Blair Waldorf davanti alle tele di Manet, ma sappiamo tutti che non sarà affatto difficile esserlo.


Musée de l'Orangerie
Non bastandoci l'Orsay, con ogni probabilità anche l'Orangerie che offre anche il relax dei giardini delle Tuileries sarà in agenda, in modo da arrivare ben preparati alla casa di Monet.
Illustri predecessori si sono soffermati ad osservare queste opere, chiedete a Woddy Allen.


Musée Rodin
Probabilmente non avremo Carla Bruni a farci da guida, ma l'idea di perderci tra i giardini di questo museo addobbati con le statue di Rodin già ci intriga.


Giverny
La prima gita fuori Parigi è nei miei sogni dal primo viaggio fatto quasi 10 anni fa. A 45 minuti dalla città, si era fermato Monet, in una villa che con il suo giardino fiorito ha fatto da musa per i suoi ultimi quadri.
Il romanticismo già si fa sentire, ed è lì che Jill e Inez si scambiano il primo bacio aprendo Midnight in Paris.


Castelli della Loira
Alla scoperta della Valle della Loira con un tour che promette essere un tour... de force: 13 ore, 3 castelli. Il prezzo abbordabile, la convenienza rispetto al doversi organizzare con le proprie forze, ce lo ha fatto preferire, e oltre al castello di Chenonceau, visiteremo quello di Cheverny -ovvero il Château de Moulinsart nelle avventure di Tintin- e quello di Chambord, utilizzato come modello per il sontuoso castello de La Bella e la Bestia.


Nizza
Altre tappe più o meno filmiche ci attendono nella città dell'amore, ma dopo 5 giorni voleremo -o meglio, prenderemo il treno- verso Nizza, dove altri musei (il mio amato Matisse) ma soprattutto tanto mare e relax ci attendono.
La città così vicina a Cannes, è stata la location di molti film, in particolare dell'Effetto Notte di Truffaut girato negli Studios de la Victorine, o del tamarro The Transporter che sfreccia tra le strade della città vecchia.


9 agosto 2015

Rumour Has It - Le Notizie dal Mondo del Cinema


Irrational Man deve ancora uscire, ma ovviamente Woody Allen pensa già ad altro.
La sua nuova commedia girata a New York prende sempre più peso e al cast confermato che vede Parker Posey, Blake Lively, Kristen Stewart, Jesse Eisenberg e Bruce Willis aggiungono i caratteristi Corey Stoll, Jeannie Berlin e Ken Stott.
Saranno nel film anche Anna Camp, Stephen Kunken, Sari Lennick e Paul Schneider, facendo pensare a una pellicola decisamente corale, se non a episodi, viste le numerose presenze.
Non resta che aspettare che il regista si sbottoni un po', anche sulla sceltaa o meno di passare al digitale.

18 anni e non sentirli, o meglio, 18 anni e lavorare più di un trentenne.
Asa Butterfield lanciato da Hugo Cabret ha una carriera sempre più lanciata, e nell'anno che lo vedrà in sala in Miss Peregrine's Home For Peculiar Children diretto da Tim Burton e in Ten Thousand Saints, film con Ethan Hawke presentato al Sundance, aggiunge alla sua agenda un altro titolo interessante.
Lo vedremo infatti affiancare Britt Robertson in una storia romantica ma anche fantascientifica, ambientata in un futuro in cui Marte è popolato da colonie terrestri e di un amore che nasce online a distanza di anni luce.
Nel cast anche Gary Oldman e Carla Gugino, diretti da Peter Chelsom.

Attesissimo, girato nella nostra Cinecittà, il seguitissimo sequel di Zoolander arriverà nelle sale solo il 12 febbraio, non resta quindi che ingannare l'attesa con questo primo teaser:



Siamo da sempre abituati a vedere attori poco noti, che la fama la raggiungono proprio grazie alle loro gesta eroiche o meno, ma per la prossima stagione, Il Trono di Spade punta in alto e ha ingaggiato due attori di spessore: Max von Sydow e Ian McShane (noto per la serie sempre di HBO Deadwood). Il primo avrà il sostanziale ruolo del Corvo con tre occhi che Bran Stark ha incontrato alla fine della quarta stagione, mentre sul secondo vige il riserbo più stretto.
Non resta che pazientare.

Antonio Banderas in TV, e non al fianco della gallina Rosita, bensì in una serie prodotta da Starz che lo vede girare per le strade della Cuba tanto amata.
Eduardo Machado è al lavoro per adattare Havana Quartet, serie di romanzi scritti da Leonardo Padura Fuentes che sono dei crime drama il cui protagonista è un detective romantico ma anche dedito all'alcool, con il grande sogno di essere uno scrittore.
Ambientata negli anni '90, la serie avrà il compito di fotografare quella Cuba rimasta nell'ombra e che ora rischia di scomparire dopo la fine dell'embargo.

La sorte di Hannibal è sempre più a rischio, e ora che anche i canali di streaming si sono tirati indietro, Hugh Dancy non ci ha pensato due volte ad approdare in un'altra serie, sicuramente attesa visto il protagonista principale.
L'attore è andato infatti a raggiungere Aaron Paul in The Way, di cui Hulu ha ordinato 10 episodi, il suo ruolo sarà quello del leader del movimento religioso del titolo, che sviluppa un rapporto strano con Aaron e la moglie, interpretata da Michelle Monaghan.
Per vedere i tre in azione, si dovrà pazientare fino al 2016.

8 agosto 2015

Drinking Buddies

E' già Ieri. -2013-

E' uno dei grandi misteri della vita: può esistere amicizia tra uomo e donna?
Un'amicizia che non porti al sesso, un'amicizia che escluda l'amore in senso fisico e possessivo?
Harry era convinto di no, e sappiamo bene tutti come è andata a finire con Sally, Max Pezzali lo trova il modo peggiore per conquistarla quella ragazza, e Luke invece?

7 agosto 2015

Ex Machina

Andiamo al Cinema

La premessa è d'obbligo: io e la fantascienza non abbiamo un buon rapporto.
Precisiamo: finchè si tratta di fantascienza godereccia, che più che sulla robotica si basa sulla fisica e sul tempo, allora va tutto a gonfie vele (Doctor Who docet), quando invece si inizia a parlare in modo fin troppo classico di intelligenze artificiali, di test, emozioni e coscienze, ecco, lì inizio ad annoiarmi.

6 agosto 2015

Silenzio in Sala - Le Nuove Uscite al Cinema

Agosto, cinema mio non ti conosco.
Facile fare giochi di parole vista la penuria estiva che anche questa settimana colpisce le sale: solo due i film in arrivo direttamente dall'America che troveranno senza troppi dubbi gran poco pubblico ad accoglierli.
Visto che io per prima (ma non il blog) me ne andrò in ferie, meglio farlo pure voi.
Ma se proprio volete rischiare, partite preparati:

Joker - Wild Card
Voglia di azione e zero pensieri?
Ci pensa come sempre Jason Statham, l'uomo tutto muscoli che anche questa volta è chiamato a metterli in mostra per vendicare una giovane ragazza uccisa a Las Vegas.
Remake non richiesto di Black Jack, 1986, con Burt Reynolds.
Trailer



Tracers
A differenza del collega vampiro Robert Pattinson, il licantropo Taylor Lautner non è mai esploso, e di certo non lo aiuterà questa pellicola incentrata sul parkour criminale utilizzato tra le strade e i palazzi di New York.
Thrillerino giovane e dimenticabile.
Trailer
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...