9 giugno 2018

Unsane

E' già Ieri -2018-

Lo si era promesso ieri, oggi si sarebbe parlato dell'anima più sperimentale di Soderbergh.
Regista difficile da inquadrare, capace di passare da dramma a commedia, da biopic a finzione più pura, concedendosi ogni lusso.
Qui, addirittura, quello di operare senza macchine da presa, ma solo con degli IPhone, per la precisione IPhone 7 plus, dotati di app apposita, la FiLMiC Pro.
Non che sia il primo, non che sia chissà quale rivoluzione, già Tangerine era stato girato con degli IPhone (solo tre, versione 5s), ma che un regista più importante, uno che ha vinto l'Oscar e che si circonda sempre di ottimi attori, si prenda il lusso di una sperimentazione da giovane, la può dire lunga su questo scostante, strano e difficilmente etichettatile regista.
A differenza di Tangerine, poi, la presenza di questi Iphone è ben camuffata, le riprese sono più nitide, si evitano traballamenti, ci si spreca molto di più in angoli, inquadrature, in sala di montaggio e se non lo si sapesse, probabilmente non ci si farebbe nemmeno caso.
Questa, comunque, la tecnica del tutto originale.


La storia, invece, non brilla certo di novità.
Purtroppo viene da dire, visto che al centro di tutto c'è una donna -Sawyer- bella, giovane, in carriera, vittima di stalking. Un incubo ad occhi parti, che la tormenta da due anni, e proprio quando va in cerca di aiuto da uno psicologo, si ritrova rinchiusa in una clinica psichiatrica dove il suo stalker -a sorpresa- lavora.
La pazza è lei, che sempre lo vede e lo immagina?
O il pazzo è lui, capace di cambiare identità, di fingere, di raggirarla per volerla tutta per sé?
Niente di nuovo, insomma, soprattutto se dentro quella clinica si rimane, se Sawyer è intelligente in modo spaventoso a tratti, a tratti si lascia prendere dall'istinto peggiorando la sua situazione.
Niente di nuovo se vicende simili sono all'ordine del giorno, e di film simili già se n'è visti.


Ansia, comunque, Unsane ne mette parecchia.
Colpa di quella faccia non certo rassicurante di Joshua Leonard, merito soprattutto della regale Claire Foy, che lontano dalla corte di The Crown, in abiti moderni, brilla in modo diverso e dannatamente efficace, mente c'è spazio pure in piccoli ruoli per la sempre folle Juno Temple e per un Matt Damon in versione uomo anonimo.
Ansia si diceva piuttosto claustrofobica, con mosse che ci vengono rivelate, con la verità che presto viene a galla ma una certa malfidenza rimane.
Chiusi in quella clinica, con piccoli squarci di speranza all'esterno, si resta prigionieri della follia di Sawyer, di primi piani, di stanze strette, di un buio in cui è difficile nascondersi.
Non sarà quindi la rivoluzione del cinema, l'ultimo lavoro di Soderbergh, non sarà la rivoluzione per un genere difficile da rinnovare, ma il suo sporco lavoro di angosciare lo sa fare. Eccome.

Voto: ☕☕/5

4 commenti:

  1. Risposte
    1. Sospetto che ti convincerà, se non la storia, di certo la Foy :)

      Elimina
  2. Ansia e uno stile registico "mobile" originale sì, sono presenti.
    Claire Foy poi per me oggi come oggi è una delle migliori attrici del mondo.
    Per la sceneggiatura però si poteva fare qualcosa, anzi molto, di più, soprattutto nella parte finale...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte la sensazione è di vedere uno di quei thrillerini estivi da Rai2, ma per fortuna la Foy e Soderbergh alla regia fanno la differenza.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...