29 giugno 2018

The Escape

Andiamo al Cinema

Tara ha 30 anni e ha tutto.
Ha un marito che la ama e la desidera, che lavora a tempo pieno, fa carriera e si arricchisce, ha due bambini di cui prendersi cura, una casa in periferia con tanto di portico e giardino da tenere in ordine.
Ha tutto, ma non è abbastanza.
Non per lei, che si sente schiacciata da questa presunta perfezione, che non respira al mattino per non dover subire le avance di quel marito, che si sente sola, vuota, quando i bambini sono a scuola, quando i bambini sono a casa. Sente la sua vita scorrerle via mentre è dentro questa prigione, e ad uscire sono solo lacrime, sguardi spenti, tenuti nascosti.



Un libro, però, le apre una porta. Una fuga a Londra, prima di tutto, lontano da quel grigiore che è la periferia, lì dove c'è diversità, c'è cultura. È un libro d'arte, su un arazzo (The Lady and the Unicorn), che la incanta.
E un po' la sprona: ad aprirsi, a dichiarare fra le lacrime a quel marito che non è felice, che ha bisogno di altro, di ritrovare sé stessa, magari proprio attraverso l'arte. Ma il rapporto è logoro, la mentalità diversa, le apparenze più importante, non capisce quel marito il bisogno di spazio, di comprensione, non capisce che il soffocamento è già in atto, e quel senso di maternità che Tara sperava di avere con il tempo, non è mai arrivato.
All'apice di quel soffocamento, in una mattina che sembra come tutte le altre ma che tra bisticci, lacrime e pianti, non lo è, la famosa goccia arriva, il vaso trabocca e Tara scappa. Prende un treno, quel treno che ha osservato per giorni, e arriva a Parigi, cercando un'avventura, quell'arazzo, fondamentalmente se stessa.


Non è una storia semplice quella che Dominic Savage ci racconta.
È la storia di una famiglia che si spezza, di una depressione latente, di un qualcosa che già di per sé sembra innaturale: una madre che non si sente madre, che abbandona il suo nido, i suoi piccoli.
Una scelta socialmente non accettata, ma una scelta che Savage e soprattutto la splendida Gemma Arterton giustificano, mostrano, cercano di spiegare senza giudizi, senza filtri.
E si soffre, allora, si piange come piange Tara, in modo silenzioso, incapace di prendere una decisione, di accettare quella che sembra già presa. La si sente trattenere il respiro, si sente quel respiro che si spezza, si ha pietà per quel marito che cerca di capire ma che non può in realtà aiutare.
La fuga a Parigi forse procede veloce, forse esagera in quell'avventura che è un ennesimo scacco matto, e in quella risoluzione veloce e azzardata mal gestita a livello di sceneggiatura.
Ma questi piccoli scivoloni non tolgono intensità a una pellicola che fa provare dolore e claustrofobia, porta luce in scelte e in famiglie apparentemente perfette, dando a Gemma Arterton forse il ruolo migliore della carriera, di certo il più sentito e con un canovaccio a far da guida e l'improvvisazione a prendere piede, l'alchimia con Dominic Cooper è ancor più naturale.
Proprio come il leitmotiv di quel piano che compone la colonna sonora, malinconico, trattenuto e a suo modo romantico, The Escape sa come rimanere impresso e come colpire al cuore, lasciando occhi gonfi, lacrime sincere come strascico. E una consapevolezza in più.

Voto: ☕☕½/5


7 commenti:

  1. Devo assolutamente vederlo.
    Oltretutto lei sempre piaciuto, peccato becchi di rado ruoli di peso.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. PS. Segnati Euphoria, con Eva Green e Alicia Vikander. Niente di nuovo, niente di eclatante, eppure l'ho trovato terapeutico e delicato. Loro, poi, sempre bravissime.

      Elimina
    2. Lei sempre bellissima e finalmente dimostra di non essere solo quello. Quanta intensità!

      Euphoria già segnato, viste le protagoniste non me lo lasciavo sfuggire ;)

      Elimina
  2. Ah c'è Gemma, allora è certo che prima o poi lo vedo, anche se questi tipi di film, ultimamente, mi danno noia ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna, per il racconto e il tema, si diversifica dal resto. La donna in crisi qui è rappresentata davvero bene, senza cliché di sorta.

      Elimina
  3. Con "la splendida Gemma Arterton" mi hai convinto a guardarlo. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la splendida e brava, anzi, non so se qui è più brava o più bella ;)

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...