13 novembre 2012

Amour

Andiamo al Cinema.


Haneke aveva già dimostrato quanto la violenza potesse essere feroce. Funny Games era un saggio capolavoro su questo tema, con tanto di sfottò verso il pubblico che all’epoca richiedeva sempre più tensione nei film; Caché rifletteva invece su una realtà divisa in cui il passato e tutto il suo tormento tornavano a galla come riflesso della situazione del Paese mentre La pianista faceva intravedere tutto il torbido che poteva nascere da una storia d’amore, tra sottomissioni e desideri inappagabili ed infine Il nastro bianco con tutta la purezza del suo bianco e nero mostrava una società rigida e ottusa le cui regole avrebbero portato alle conseguenze mondiali che tutti conosciamo e definiamo nazismo.
Con Amour Haneke si spinge oltre, o forse nemmeno si muove, perché quello che ci mostra è la ferocia, la violenza della realtà. Con il suo solito distacco formale, fatto di scene con camera fissa in cui lo spettatore sembra scrutare le abitudini e le giornate dei protagonisti e dei loro ospiti, il regista ci porta nella routine di Anne e Georges, bruscamente interrotta dalla malattia inarrestabile di lei. Il calvario che insieme percorreranno va al di là dell’amore che il titolo professa, è una lunga discesa verso l’inferno di un corpo che non può più vivere per lei e per una persona che non sa più riconoscere per lui. La dedizione e la cura che Georges porta ad Anne, la pazienza con cui l’accudisce nel suo lento cammino verso la morte mostra tutte le sfaccettature dell’animo umano, affrontando le fasi di elaborazioni di un lutto inaccettabile. La negazione, la rabbia e il consenso finale sono trattate in modo del tutto egoistico da parte di Georges, che nel suo precludere il resto del mondo dalla visione della moglie, figlia compresa, sembra far suo tutto il dolore, un egoismo che diventa altruismo, paradossalmente, e che solo alla fine si ricongiungerà con l’amore.
Immergendoci in questa realtà, fatta di concerti, di ricordi e di malattia, soprattutto, Haneke dimostra ancora una volta come questa realtà sia più forte di qualunque invenzione filmica, di qualunque espediente emozionale finora utilizzato per raccontarla. Il suo stile freddo e distante potrà annoiare alcuni (da notare come la musica sia presente solo quando i personaggi la suonano o la ascoltano), ma è necessario per una storia così potente e così vera che colpisce e scuote come poche e viene colmato dalle interpretazioni sublimi di Jean-Louis Trintignant e Emmanuelle Riva. Il premio a Cannes per miglior film premia l’intero cast (anche l’intensa Isabelle Huppert, presente in poche scene) ma premia soprattutto un modo di fare film distante dal puro divertissement, che sa scuotere e far discutere e che di certo non può lasciare indifferenti.


8 commenti:

  1. l'ho trovato soave...
    sublime, di una dolcezza dolente...
    non ci ho trovato violenza, se non quella fatta alle riflessioni posteriori...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vista la filmografia di Haneke ho ritrovato questa sua "firma" anche in questo film dove però la violenza non ha nulla di efferato o sanguinolento ma ci viene mostrata in modo spietato come presente nella realtà quotidiana.

      Elimina
  2. haneke è sempre un'esperienza...
    lo vedrò..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haneke resta un grande regista! Adoro la sua filmografia e dopo Amour adoro lui ancora di più. Un film che scuote come pochi, per trama e per messa in scena.. da vedere!

      Elimina
  3. il film migliore che ho visto nel 2012, e credo anche uno dei migliori che ho visto nella mia vita. E' entrato a pieno titolo nella mia topten, scalzando il precedente "Funny games"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' al primo posto della mia personale classifica del 2012! Ti colpisce dritto al cuore, e non è facile togliertelo dalla mente. Molto più fisico e violento di Funny Games anche se pure quello lo dimenticherò con difficoltà... Ci metterei anche La Pianista comunque, Haneke è tra i miei preferiti, purtroppo per i miei incubi!

      Elimina
    2. Io l'ho 'sentito' particolarmente a causa di una passata esperienza similare [come hai potuto leggere sulla mia recensione]. Più violento dei giochi buffi perché più reale e quotidiano, è una cosa che potrebbe succedere a tutti. "La pianista" invece non mi aveva detot moltissimo, ti dirò, a quello avevo preferito "Il tempo dei lupi"

      Elimina
    3. Il tempo dei lupi ancora mi manca, dopo aver visto nel giro di poche settimane Funny Games, La pianista e Niente da nascondere avevo fatto una pausa. Poi è arrivato Amour, spero di recuperarlo al più presto. Forse La pianista mi ha colpito di più per il suo punto di vista femminile che mostra il degrado di una malattia/ossessione inconcepibile.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...