12 giugno 2013

CinquePerDue

Once Upon a Time. -2004-


Una storia d’amore raccontata attraverso i suoi momenti più significativi: la conoscenza, il matrimonio, la nascita di un figlio, la vita di coppia e infine il divorzio. François Ozon decide di raccontarla però a ritroso, partendo proprio dalla sconfitta di questo amore, che finisce per essere una semplice lista di diritti e doveri davanti a un avvocato. Andando indietro con il tempo, si finisce inevitabilmente per ricercare le colpe e i problemi dei coniugi, sezionando così la coppia, si scopre che la colpa non sta né da una parte né dall’altra, ma che quell’amore che faceva abbozzare i primi sorrisi e sguardi sognanti tra i due, nasconde più e più crepe, e nemmeno la notte di nozze ne esce intonsa. Lui, incapace forse di prendere impegni, di non polemizzare o di non fuggire, lei, facile al lasciarsi trascinare, fragile e debole, forse troppo.


La loro non è la storia d’amore rosa e fiori, nemmeno al suo inizio, non è intrisa di romanticismo ma di realtà. Il regista però non scandaglia questo sentimento con un bisturi come Cianfrance in Blue Valentine, ma ce lo mostra in tutte le sue contraddizioni, narrato dagli stessi protagonisti in dialoghi che aiutano a comprenderli. Intermezzando tra un momento e l’altro canzoni anni ’60 del repertorio italiano, Ozon omaggia la nostra terra e l’attrice principale –Valeria Bruni Tedeschi- creando atmosfere malinconiche che si imprimono al film e lo sollevano da un tema più volte affrontato, rendendolo originale grazie alla sceneggiatura e alla realizzazione.



Il film è andato in onda ieri sera su La Effe (canale 50) e viene replicato domenica 16 alle 14:10 e lunedì 17 alle 23:40

15 commenti:

  1. Questo mi manca. Vorrei sapere cosa ne pensi di "Ricky": Aspetto la tua rece!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena avrò una connessione internet decente prometto che mi butto a capofitto sulla filmografia di Ozon!

      Elimina
  2. Voglio vederlo ma non prendendo quel canale dovrò fare in "altra maniera".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Leggo che a breve miglioreranno la ricezione, sia mai che arrivi pure da te :)

      Elimina
  3. Non ne conoscevo l'esistenza. Se mi ricordo lunedì sera lo recupero.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una visione a Ozon gliela si concede sempre!

      Elimina
  4. non l'ho visto, ma un suo film raramente è un buco nell'ozon

    e dopo questa battutaccia, levo le tende :)

    RispondiElimina
  5. ce l'ho lì in attesa. insieme a Ricky credo sia l'unico Ozon che mi manca ma mi sa che è venuta l'ora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho da recuperare del francese... prevedo una bella settimana Ozon, di certo sarà più piacevole rispetto a quella danese!

      Elimina
  6. Mai visto.. ma quasi quasi me lo guardo! :D
    Grazie del consiglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Di niente! Fortunatamente La Effe replica volentieri :)

      Elimina
  7. è tra i titoli di Ozon che mi mancano..

    RispondiElimina
  8. al numero 50 non c'ero mai arrivato neanche nello zapping a tarda notte ;)

    lo metto in coda però anch'io però!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da me ha sostituito Rai5 che ultimamente ha perso un po' di colpi (o di repliche). La Feltrinelli offre ottimi film e serie, anche se la selezione è ristretta.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...