21 agosto 2013

Monsters University

Andiamo al Cinema.


Non posso non negare quanto alta fosse la mia attesa per questo film. Da fan di primo pelo della Pixar (a cui se non avete già notato ho pure dedicato una tesi e un abito ad hoc), dopo la non così eccellente prova di The Brave veder sfumare anche Mike e Sulley nel banale sarebbe stato troppo.
La casa di produzione di Emeryville con il suo ultimo lavoro originale era andata fin troppo incontro ai gusti Disney, con una principessa protagonista, canzoni a far da sottofondo e una storia per quanto intrigante sicuramente minore rispetto a quelle scaturite in passato da menti tanto geniali. La virata poi che si sembra aver preso ultimamente verso sequel e prequel, aveva fatto vacillare anche la sottoscritta, ma per fortuna la Pixar è sempre la Pixar e mai come questa volta sono stata felice di essermi ricreduta... in fondo da chi aveva saputo fare di un Toy Story 3 un capolavoro assoluto che fa sciogliere in lacrime, cosa c'era da aspettarsi!


Ecco quindi che ritrovare quegli scalmanati di Mike e Sulley all'opera non solo fa battere il cuore di noi nostalgici di Monsters & Co., ma fa anche ridere a crepapelle con gag geniali e esuberanti.
Monsters University se non fosse per l'utilizzo di personaggi già conosciuti potrebbe benissimo essere un film a sé stante, con riferimenti e citazioni al suo seguito che arricchiscono però lo trasbordante mondo creato.
Già, perchè sembra che niente possa essere più divertente o anche solo facile nel ritornare a Mostropoli e mostrarne l'università e l'educazione di chi un giorno diventerà spaventatore!
Il film diventa quindi un classico college movie molto americano, ma ovviamente con qualcosa in più. Tra mostri di tutte le forme e colori, scopriamo a poco a poco l'origine speciale dell'amicizia unica che lega Mike e Sulley, con l'iniziale antipatia e sfida all'interno del corso di spavento a dividerli. Tra giornate di studio (per il primo) e feste (per il secondo), il futuro per loro non sembra così liscio, sopratutto perchè finiscono nel mirino della temibile preside Tritamarmo. Per tornare nelle sue grazie -ma soprattutto a frequentare il corso tanto agognato- i due si troveranno loro malgrado, e con una squadra tutt'altro che impressionante, a competere alle Spaventiadi, le olimpiadi di spavento. Da qui il film mette il turbo e sfida dopo sfida il tifo e la simpatia verso i protagonisti principali ma anche per i buffi secondari, cresce in continuazione portando ad un finale per niente scontato, anzi, che non ci si aspetta, che riesce a regalare l'ennesimo sorriso!


La scelta di fare di Mike il motore del film risulta più che azzeccata e Monsters University ha quindi tutto per riuscire a conquistare: una tecnica grafica sempre più precisa e perfetta, ritmo e humor (la scena della madre metallara mi ha fatto sbellicare), personaggi bislacchi e per questo irresistibili (Art è il mio preferito, ma se la compete con il baffuto Don Carlton), sfide e sentimenti messi in gioco e una morale sulla forza del crederci sempre e la dedizione al lavoro che oggi come oggi non può essere ignorata.
Perciò, lasciate a casa tentennamenti e pregiudizi, perchè questo prequel è assolutamente all'altezza dell'originale!



P.s.: Come da tradizione il film è introdotto da un cortometraggio, romantico e sognante al punto giusto. In The Blue Umbrella i protagonisti sono dei dolci ombrelli, che si muovo in una città animata in modo stupendo, da non perdere!

10 commenti:

  1. Bene bene settimana prossima me lo vado a vedere con gioia... e anche il corto, ovviamente!! *__*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il corto è come sempre pura poesia, e stai sicura che Mike e Sulley non ti deluderanno!

      Elimina
  2. Il primo film mi era piaciuto, ma non a livello tale da definirlo capolavoro.
    Questo m'intriga molto di più. Sarà forse che la Pixar è cresciuta nel tempo, chissà..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La Pixar è sempre la Pixar, e in realtà visto oggi anche per Monsters & Co. oserei dire capolavoro, che nella mia personale classifica sta al terzo posto!

      Elimina
  3. Per me il primo rimane il migliore, questo qua non è ottimo come il primo però diverte lo stesso, mi piacerebbe però che la Pixar facesso film nuovi invece di trasformare un ottimo (primo) film in un sequel .-.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ti preoccupare che gli originali arriveranno a breve (Inside/Out e The Good Dinosaur) e promettono già scintille!

      Elimina
  4. dopo "Up", "Monsters inc" è il mio film Pixar preferito. Questo film non ne è all'altezza, ma rimane comunque molto divertente e con una sana intelligenza di fondo.
    E ti dirò, le sequenze di spavento le ho trovate terrificanti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ringrazio di non aver mai avuto la stanza armadio ma i mostri sotto il letto mi terrorizzavano... grazie a Monsters però la paura è passata lasciando ampio spazio al divertimento!

      Elimina
  5. D'accordissimo Lisa.
    Anche io ho apprezzato moltissimo la morale di fondo, raccontare la storia di un loser non è facile nell'animazione americana per "bambini"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando la gara è stata vinta già mi chiedevo come fosse possibile, con quel colpo di scena -e sopratutto colpo di genio- il film ha preso una marea di punti in più, e che già ne aveva tanti!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...