7 gennaio 2013

Nicolas Cage Day - Adaptation

Sì, mi ci butto anch'io in questa festa celebrativa! 
Oggi, 7 gennaio, è infatti il Nicolas Cage Day, giorno scelto da Frank Manila per celebrare questo "grande" "attore". Per l'occasione (se, se..) In Central Perk si è addirittura rifatto il look ed è pronto per parlare di un film del tutto particolare dove il nostro Nicolas è protagonista doppio. Non fatevi ingannare, né dal titolo italiano (Il ladro di orchidee) che tralascia di tradurre la fondamentale parola Adaptation, né dalla presenza del caro vecchio Nic... se è stato argomento della mia tesi c'è il suo perché!


Il film del 2003 è infatti un gioiellino un po' confuso, è vero, ma ragguardevole che può benissimo essere considerato come una summa che analizza tutti i problemi che uno sceneggiatore deve superare e affrontare per adattare un libro a film. Questo si ritrova infatti a dover fare Charlie Kaufman a 3 anni di distanza dal capolavoro Essere John Malkovich che lo aveva portato sulla cresta dell'onda ad Hollywood. Innamoratosi del libro Ladro di orchidee scritto dalla giornalista Susan Orlean su un singolare cacciatore di fiori rari, Charlie cerca di capire come trasporre parole che non sono un romanzo ma nemmeno un saggio, in una storia come si deve. L'idea geniale? Mostrarci tutto il suo processo creativo! Dall'ansia da prestazione, al blocco dello scrittore, alle indagini per capire meglio il rapporto tra Susan e John Laroche fino all'intuizione finale che ha qualcosa di magico.
Kaufman riesce così non solo ad ovviare in modo intelligente al problema dell'adattamento ma a diventare -lui, vecchio, nerd e non bello- protagonista di un film.
Ad interpretarlo, in modo inaspettatamente convincente (vedi aggettivi precedenti) c'è proprio Nicolas Cage, che per l'occasione si sdoppia pure, interpretando i gemelli Charlie e Donald Kaufman. Quest'ultimo, un personaggio fittizio, non reale, è stato creato dallo sceneggiatore per dare sprint alla storia (le inaspettate capacità di scrittore e di amatore servono come spinta al protagonista) ma anche per mostrare i due lati di una Hollywood spietata e omologatrice.
Diretto da quell'altra gran testa di Spike Jonze, Adaptation è valsa a Cage perfino una nomination all'Oscar e ai Golden Globe, senza però assegnargli la vittoria (andata invece a Chris Cooper e Meryl Streep come attori non protagonisti). Il cast è arricchito da gente come Tilda Swinton e Maggie Gyllenhaal che, nonostante il finale un po' confuso e la presenza di Nic, fanno del film uno di quelli particolarmente geniali e genialmente interessanti.


Fatevi travolgere dai festeggiamenti anche in questi blog: 

Affari Nostri


15 commenti:

  1. Vedo che hai partecipato pure tu a questa iniziativa, aggiungo il link;) Buon NCD:) Anche questo film non l'ho visto, pensavo di esser messo meglio con Cage....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo DEVI vederlo! Non tanto per Nic ma per come Kaufman ha saputo aggirare il problema dell'adattamento. Geniale, lo ripeto!

      Elimina
  2. oltre ad essere un film bellissimo, vale la visione perché il nostro Nicolas è in doppia veste... un Nicolas al quadrato!!!
    grande scelta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie e ancora complimenti per l'idea di questa festicciola blogghettara! Più Nicolas di così non potevo trovare :)

      Elimina
  3. Non l'ho visto, ma come volevasi dimostrare mi ispira! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te lo consiglio vivamente, a parte il finale un po' troppo strampalato, mi ha risollevato una serata e l'umore cinematografico qualche anno fa!

      Elimina
  4. Io l'ho visto anni fa e non è male come film :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto! E' stato interessantissimo analizzarlo per la tesi e ad ogni visione riserva sorprese!

      Elimina
  5. A me Charlie Kaufman piace e qui Cage è inattaccabile...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Charlie Kaufman risiede nel mio olimpo cinematografico e ha saputo pure utilizzare al meglio Cage. Peccato che poi questo abbia preso altre strade e giusto oggi sia stato nominato ancora una volta ai Razzie.

      Elimina
  6. Cage è uno dei miei attori preferiti e personalemte ho sempre trovato ridicole le critiche che alcuni gli muovono, dicendo che è un attore sopravvalutato, che in fondo non è così bravo ecc si certo come no: questo Ladro di orchidee appunto, il genio della truffa, via da las vegas, lord of war, cuore selvaggio, il cattivo tenente, weather man tutti film in cui Nic ha regalato performance strepitose, se è un attore sopravvalutato questo....
    Ultimo ma non ultimo è strepitoso anche quando interpreta i ruoli sboroni tipo The Rock, Face/Off o il recente e spettacolare Drive Angry.
    Per me è un grande, un attore che riesce benissimo in tutte le parti, serie e non.

    GRANDE NIC

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Personalmente non mi è mai piaciuto anche se ammetto che per certi ruoli -come questo, doppio- è stato davvero bravo. Le prese in giro sono più che altro per i filmetti che fa negli ultimi anni giusto per raccimolare denaro con cui sdebitarsi da innumerevoli debiti. E poi il suo parrucchino è leggenda!

      Elimina
    2. Si non nego che negli ultimi anni ha scazzato parecchi film, ma qualche ottima eccezione c'è (Drive Angry, Kick Ass) e ora pare che me lo mettano come cattivo ne I Mercenari 3, GODO :-)
      Cmq la mia critica non era rivolta a te, era un discorso fatto in generale, ci può stare che un attore a pelle non piaccia, ma appunto come hai fatto tu, bisogna essere obiettivi, non ti piace nel complesso, ma in certi ruoli che ha interpretato bene in maniera innegabile, ne hai riconosciuto i meriti, alcuni invece messi davanti all'evidenza si arrampicano sugli specchi pur di dire che non è bravo.
      A me ad esempio non piace Julia Roberts, ma non posso negare che in certi film è stata bravissima, tipo Erin Brokovitch, li oscar più che meritato

      Elimina
  7. Devo ammettere che Il ladro di orchidee non mi era piaciuto, ma questa recensione mi ha aperto una differente prospettiva. Se capiterà a tiro, lo riguarderò. Cage più che pessimo attore ha fatto pessimi film, in Cuore selvaggio era un grande Sailor. Certo, a dirigerlo c'èra Lynch, però spesso un regista sa tirare fuori il meglio da un attore, vedi anche il caso di Bradley Cooper in Il lato positivo. Comunque poteva benissimo entrare nella mecca del cinema usando il cognome Coppola, almeno in quello onore al merito. Il resto, dovrebbe scegliere i film con più oculatezza, magari lo apprezzerei di più. A proposito di Hollywood, più che omologazione è idiozia: agli Oscar Charlie Kaufman fu nominato insieme al fratello gemello immaginario Donald. Genialità o totale stupidità? :-p

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il Cage aveva iniziato davvero bene la sua carriera ma poi visti i debiti si è lasciato andare a qualunque cosa gli proponessero, anche la più ignobile. Per l'Accademy... credo -e spero- si siano basati sui credits ufficiali del film e quindi mantenuto la doppia nomination, ma non si sa mai con loro...

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...